Omicidio Ciro Esposito, Daniele De Santis condannato a 26 anni

Era stato richiesto l'ergastolo per l’omicida del tifoso napoletano ferito a Roma prima della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli e morto dopo 53 giorni di agonia

Morte Ciro Esposito: 'Ciao eroe', striscione davanti autolavaggio dove lavorava

E’ stata pronunciata nell’aula bunker di Rebibbia la sentenza che ha messo fine al processo di primo grado per la morte di Ciro Esposito, di cui è accusato l’ultras romanista Daniele De Santis, per il quale la Procura di Roma ha chiesto l’ergastolo. Il Tribunale ha deciso per lui una pena di 26 anni di reclusione. ”La pena inflitta è congrua e giusta, per De Santis non provo odio perché l’ho perdonato”. Così la madre di Ciro Esposito, Antonella Leardi, presente in aula dopo la lettura della sentenza.

Daniele De Santis

I pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio avevano inoltre chiesto una pena di tre anni per i due ultrà del Napoli imputati, Gennaro Fioretti e Alfonso Esposito, accusati di rissa aggravata per essersi avventati contro De Santis dopo l’agguato ai pullman napoletani nella zona Tor di Quinto.

RILEGGI QUI TUTTA LA VICENDA CHE HA PORTATO ALL’OMICIDIO DI CIRO ESPOSITO

Il 19 aprile scorso, De Santis aveva assistito all’udienza e aveva ascoltato i pm chiedere la massima pena nei suoi confronti, l’ultras romanista aveva attaccato i pubblici ministeri e all’uscita dall’aula aveva urlato: “L’ergastolo me lo do da solo, non me lo date voi. Non ho paura di morire, buffoni”.

I funerali di Ciro Esposito

Parole di Chiara Podano

Chiara Podano è stata collaboratrice di Nanopress dal 2016 al 2019, occupandosi principalmente di spettacoli, televisione, gossip, celebrities.

Da non perdere