Obrador, Boric, Fernández e Petro: la sinistra latinoamericana con Iglesias

López Obrador, Boric, Fernández e Petro: i presidenti di Messico, Cile, Argentina e il presidente eletto della Colombia ripudiano la diffamazione e la frode contro il fondatore di Podemos ed ex vicepresidente del governo spagnolo, Iglesias.

Pablo Iglesias Turrión
Pablo Iglesias Turrión – NanoPress.it

La chiusura dei ranghi non ha sfumature ed è guidata dai più importanti leader di sinistra in America Latina. I presidenti di Messico, Cile, Argentina e il presidente eletto della Colombia si sono rivolti questa domenica all’ex vicepresidente del governo spagnolo Pablo Iglesias per ripudiare la campagna diffamatoria subita dopo aver promosso il suo partito, Podemos.

Iglesias accusato di aver preso 270 mila dollari da Nicolás Maduro

Secondo una delle notizie circolate, i cui dettagli sono stati rivelati domenica, il politico aveva ricevuto un pagamento di oltre 270 mila dollari da Nicolás Maduro su un conto nelle Isole Grenadine, un paradiso fiscale. Questa non veritiera informativa contro Iglesias, oggi in pensione dalla prima linea della politica, non solo è stata falsa, ma il documento è stato ritenuto buono ed è stato diffuso senza conferme prima delle elezioni del 2016.

Prima nel digitale spagnolo Ok Diario e poi sul canale televisivo La Sesta. Ciò risulta dalla conversazione tra i direttori del canale e il commissario di polizia José Manuel Villarejo, che ha registrato il dialogo. A difesa del fondatore di Podemos sono usciti quasi contemporaneamente il messicano Andrés Manuel López Obrador, il colombiano Gustavo Petro, il cileno Gabriel Boric e l’argentino Alberto Fernández.

“Milioni di connazionali si arrabbieranno con mio nonno, ma la campagna dei conservatori contro i leader di Podemos è oltraggiosa e oltraggiosa”, ha scritto López Obrador sul suo account Twitter. Il presidente, che quotidianamente confuta gli attacchi dei suoi oppositori politici nelle sue conferenze stampa mattutine, cita anche Antonio Machado per invitare le persone ad “avere fede” nel futuro: “In Spagna il meglio è il popolo. (…) In tempi difficili, i signori (…) invocano la patria e la vendono; il paese non la nomina nemmeno, ma la compra con il suo sangue e la salva.

In Spagna non c’è modo di essere una persona per bene senza amare la gente”. Gustavo Petro, che ha appena vinto le elezioni in Colombia e assumerà la presidenza il 7 agosto, descrive la situazione di Iglesias come “déjà vu”, suggerendo un confronto con i tentativi di destra per screditarlo. “Con la collaborazione di agenti di polizia, un giornalista decide di diffamare, sapendo che la notizia era falsa, un movimento progressista in Spagna.

Oggi è stato mostrato come si diffonde la notizia per insultare Podemos

Alla fine si è scoperto tutto”, ha sintetizzato la presa di posizione contro Iglesias, che è stato vicepresidente della coalizione di governo guidata dal socialista Pedro Sánchez tra gennaio 2020 e marzo 2021. Le reazioni sono arrivate anche dall’estremo sud. Il presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, che non nasconde la sua vicinanza ideologica a Podemos, è andato oltre e ha dato un’interpretazione locale di quanto accaduto con Pablo Iglesias.

Nicolás Maduro
Nicolás Maduro – NanoPress.it

Oggi è stato mostrato come si diffonde la notizia contro Pablo Iglesias per insultare Podemos. Lo stesso accade tra noi”, ha lanciato Fernández. Il presidente argentino ha parlato in termini generali di fake news, pratica di cui si sente vittima nel suo rapporto con la stampa. “Le notizie false diffuse da alcuni giornalisti per diffamare, scoraggiare o perseguitare i leader politici, danneggiano profondamente la democrazia”, ​​ha affermato.

Sul tema ha fatto riferimento anche il cileno Gabriel Boric, che negli ultimi mesi ha ricevuto molteplici manifestazioni pubbliche di ammirazione da Iglesias. Il leader della nuova sinistra latinoamericana non ha legato lo scandalo alle logiche del suo Paese, ma a quelle dell’intera regione. “Le fake news hanno danneggiato profondamente la convivenza sociale.

Qui vediamo cosa hanno fatto per anni a Podemos in Spagna, che non è molto diverso dalle pratiche di molti nella nostra America Latina. Prendiamoci cura delle nostre democrazie!” ha scritto il presidente cileno.