I Tories cambiano le regole per accelerare la sostituzione di Johnson

I candidati dei Tories, che finora sono 11, avranno bisogno del supporto di almeno 20 deputati per concorrere alla guida del Partito Conservatore, per sostituire Boris Johnson.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Nel 2019 la soglia era di sole 8 approvazioni. Il vincitore sarà annunciato il 5 settembre. Niente è stato normale dalla caduta di Boris Johnson. Mentre gli 11 candidati preparati a competere per la guida dei conservatori britannici stavano già iniziando a scuoiarsi a vicenda ancor prima dell’inizio della campagna ufficiale – dossier selvaggi, accuse di diffondere spazzatura informativa… -, il partito ha accelerato la decisione di inasprire le regole per presentarsi alle primarie.

 Finora 11 candidati Conservatori per prendere il posto di Johnson

Se nel 2019 sono bastate 8 adesioni dei colleghi deputati per accedere alla prima votazione, il Comitato 1922 (l’organismo che riunisce i deputati conservatori senza incarichi al Governo, incaricato di organizzare il processo primario e l’elezione del nuovo leader) ha deciso questo Lunedì alza notevolmente l’asticella: senza l’appoggio di 20 parlamentari conservatori nessuno potrà competere.

“Dal primo scrutinio sarà escluso qualsiasi candidato che non superi i 30 voti”, ha spiegato Graham Brady, presidente della commissione. “Vogliamo un processo fluido, pulito e veloce che offra abbastanza tempo agli affiliati per incontrare i due candidati finali”, ha assicurato davanti al Parlamento di Westminster, quando il cambiamento delle regole è stato finalmente deciso. Nel 2019, quando si tennero le primarie dopo le dimissioni dell’allora presidente del Consiglio Theresa May, i consensi richiesti per superare la prima votazione erano 17.

La soglia dei 30 rende la scommessa molto difficile per alcuni dei candidati meno popolari. Le domande finali, con il loro numero di adesioni, devono essere presentate martedì. Si saprà poi chi raggiungerà la prima votazione. Mercoledì i deputati saranno convocati alle urne. La procedura funziona per impostazione predefinita. Al primo turno deve essere superata la nuova soglia dei 30 voti. Nelle successive verrà eliminato il rivale con il minor numero di voti. Giovedì ci sarà anche la votazione, e lunedì prossimo.

È possibile che, per allora, i due candidati rimasti in piedi per la seconda fase siano già noti.Per tutta l’estate avranno l’opportunità di celebrare tutti gli hustings (incontri con i membri del partito, e anche con gli elettori, nel gergo politico britannico). Brady ha promesso che il nome del vincitore sarà reso pubblico il 5 settembre, proprio all’inizio della nuova sessione del Parlamento dopo l’estate.

Con un Paese che soffre di un’inflazione galoppante ―la peggiore dell’intero gruppo delle nazioni del G-7―, attestandosi al 9,1% a maggio, e con la prospettiva di una recessione a fine anno, come annunciato dalla Bank In England, i conservatori vogliono che il tempo di Boris Johnson alla guida di Downing Street come primo ministro ad interim sia il più breve possibile.

Lo stesso Johnson, che afferma di essere impegnato a svolgere una mera funzione di custode della stabilità istituzionale, lunedì non ha voluto mostrare il suo sostegno a nessuno dei candidati. “Non vorrei danneggiare le opportunità di nessuno offrendo il mio sostegno”, ha riconosciuto Johnson, consapevole suo malgrado di essere diventato materiale tossico per gran parte del Partito conservatore possono essere solo due.

L’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak è il netto favorito, secondo i sondaggi

A metà pomeriggio di questo lunedì, solo 2 degli 11 candidati – un dato non definitivo, ma che indica l’andamento del concorso – avevano già raggiunto la soglia dei 20 appoggi. Almeno metà del gruppo parlamentare non si è ancora pronunciato su chi tendere, con cui è molto probabile che questo martedì cambi il destino di alcuni altri candidati che oggi sono lontani dall’avere una possibilità di partecipare alle elezioni.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

L’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak, il netto favorito, secondo i sondaggi, e il primo a lanciare la sua candidatura, ha avuto 38 consensi. Il segretario di Stato per il commercio, Penny Mordaunt, molto popolare tra i membri del Partito conservatore, aveva 21 anni.

Sono stati seguiti dal presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento, Tom Tugendhat, con 19; il ministro degli Esteri Liz Truss con 15; Sono stati legati con 13 approvazioni ciascuno dall’ex ministro della Salute e dall’ex rivale di Johnson alle primarie del 2019, Jeremy Hunt, l’attuale ministro delle finanze Nadhim Zahawi e Kemi Badenoch.

Quest’ultimo, il Segretario di Stato per il governo locale, i quartieri e gli affari religiosi, di genitori nigeriani, è stata una delle sorprese del concorso, con un sostegno più che considerevole. Il procuratore generale dello Stato, Suella Braverman, che ha il sostegno di importanti deputati del gruppo degli euroscettici, ha 11 avalli.

L’ex ministro della Salute Sajid Javid, il primo a dimettersi dal governo Johnson e ad accelerare la crisi che si è conclusa con le dimissioni di giovedì scorso, ha 10 appoggi. Il ministro dei Trasporti, Grant Shapps, ne ha 7. Infine, il ministro dell’Interno, Priti Patel, che non ha ancora ufficializzato la sua candidatura, ma ha dato indizi di voler competere, avrebbe già 9 deputati impegnati per la sua causa.