Obama: “Putin è una minaccia per la democrazia europea”

Barack Obama, l’ex presidente degli Stati Uniti, ha paragonato il presidente russo ad altre figure di estrema destra come Marine Le Pen, durante un forum sull’innovazione a Malaga.

Barack Obama
Barack Obama – NanoPress.it

Barack Obama ha assicurato questo martedì a Malaga che “[Vladímir] Putin è una minaccia per la democrazia europea” e che il regime autoritario del presidente russo e l’invasione dell’Ucraina sono eventi “legati” a figure del populismo di estrema destra, come Marine Le Pen in Francia.

Obama: stiamo facendo il necessario per difendere la democrazia?

“È importante chiedersi se stiamo facendo tutto il necessario per difendere la democrazia. Dobbiamo lavorare affinché tutti possiamo affermare la nostra cultura senza aggredire gli altri”, ha affermato il Presidente degli Stati Uniti tra il 2009 e il 2017 in un atto del congresso internazionale Digital Enterprise Show, forum sull’innovazione e la trasformazione digitale che, dopo sei edizioni a Madrid, si è trasferito a Malaga, dove si terrà per i prossimi cinque anni.

L’ex presidente democratico e premio Nobel per la pace si è dichiarato “ottimista” sulla risoluzione della guerra in Ucraina, a cui ha dedicato parte del suo intervento. “Le nuove generazioni hanno dato per scontate pace e prosperità, ma l’invasione russa le ha risvegliate”, ha detto. L’ntervento di Obama —abito scuro e senza cravatta— è stato il momento clou della giornata di apertura dell’evento, a cui ha partecipato anche il presidente del governo, Pedro Sánchez, con il quale ha avuto un breve incontro.

L’ex presidente degli Stati Uniti, alloggiato da lunedì in un hotel della Costa del Sol, ha parlato di numerosi argomenti davanti a un auditorium straripante al Palacio de Congresos de Málaga, nonostante i biglietti per ascoltarlo costassero 1.900 euro e non c’era traduzione simultanea. Un altro degli aspetti su cui il Premio Nobel per la Pace ha avuto maggiore influenza è stato il cambiamento climatico.

Non c’è alternativa alla transizione ecologica. E i governi devono fare di più […] È ampiamente dimostrato che le principali crisi migratorie sono legate al clima. La gente non ha altra scelta che lasciare la propria terra e stabilirsi in un’altra”, ha assicurato, incoraggiando i governi a investire in energia pulita.

L’intelligenza artificiale eliminerà molti posti di lavoro

Obama ritiene necessario iniziare a fare aggiustamenti sociali ed economici per stoppare la maggiore irruzione delle macchine o dell’intelligenza artificiale, che elimineranno molti posti di lavoro. “Bisogna formare meglio le persone, pagare di più coloro che fanno cose come insegnare a scuola o lavorare nel sistema sanitario”, ha sottolineato, dopo aver definito la settimana lavorativa di 35 ore come un altro modo per ridistribuire il lavoro.

Pedro Sánchez
Pedro Sánchez – NanoPress.it

L’ex presidente democratico ritiene inoltre che la digitalizzazione distruggerà circa il 10% dell’occupazione: “La tecnologia esiste già, ora non ci resta che essere psicologicamente capaci di stare lì dietro e che l’auto ci porti”. Digitalizzazione e trasformazione digitale sono stati i due assi su cui ha ruotato la conversazione che Obama ha avuto con Sandra Avilés, fondatrice del Digital Enterprise Show.

Quando sono diventato presidente nel 2009 non c’erano gli smartphone. E oggi tutti, anche nel più piccolo villaggio dell’Africa, ne hanno uno”, ha portato ad esempio che sia la globalizzazione che il mercato finanziario globale e la trasformazione digitale sono “relativamente recenti”.

Hanno creato enormi vantaggi e abbiamo guadagnato in efficienza, ma è necessario un maggiore controllo”, ha affermato l’ex presidente degli Stati Uniti, che ha citato come esempio le sofisticate false fotografie o video noti come deepfake: “Ho visto video di me che dicevo cose che non ho detto. E quella tecnologia continuerà a migliorare”.

E ha chiesto ai governi di iniziare a lavorare ora su come combattere queste tecnologie “tossiche”. “Ad eccezione degli scandinavi o di Singapore, non guardiamo al lungo termine perché ci concentriamo solo sui problemi quotidiani“, ha concluso.