Nigeria: Abuja minacciata per la prima volta da Boko Haram

La Nigeria è sempre più sotto attacco terroristico. Un trio di esplosioni di bombe ha annunciato l’arrivo degli jihadisti, che hanno fatto una incursione in un carcere di Abuja.

Combattenti Isis
Combattenti Isis – NanoPress.it

Dopo il tramonto hanno perforato l’alto muro della prigione più sicura della Nigeria. Circa 300 uomini armati hanno fatto irruzione, sopraffacendo le guardie e dirigendosi direttamente all’archivio del carcere, che hanno dato alle fiamme. Si sono avvicinati alle celle di alcuni dei loro massimi comandanti, li hanno liberati, hanno infilato banconote in mano per le corse in taxi o in autobus e dopo circa due ore, sono svaniti di nuovo nella boscaglia.

Quasi 900 detenuti sono stati liberati nel raid dei terroristi

Quasi 900 detenuti sono stati liberati quella notte, tre settimane fa, tra cui 64 membri della Provincia dell’Africa occidentale dello Stato islamico, la propaggine di Boko Haram che, dopo aver adottato il nome della famigerata rete terroristica, è diventata la forza jihadista dominante in Nigeria.

Alcuni, si ritiene, siano ex soci senior del fondatore giustiziato di Boko Haram, Mohammed Yusuf, e potrebbero tornare a ruoli di leadership in un gruppo scissionista in rinascita, che è stato responsabile di innumerevoli atrocità e ora sta minacciando la capitale del paese. Quando Boko Haram è emerso per la prima volta in Nigeria più di un decennio fa, la sua brutalità ha scioccato il mondo, ma è stata avvertita principalmente da contadini, abitanti dei villaggi e studentesse rapite in regioni lontane come Chibok, a circa 13 ore di auto da Abuja.

Invece ora le cose stanno cambiando. Nelle ultime settimane l’affiliato dell’Africa occidentale dello Stato islamico ha portato il terrore sempre più vicino alle sedi del potere della Nigeria. Ieri il governo ha ordinato la chiusura di tutte le scuole di Abuja, avendo chiuso lunedì un college nel sobborgo meridionale di Kwali dopo un attacco non specificato nelle vicinanze.

Secondo gli analisti dell’Armed Conflict Location and Event Data Project, un terzo in più di persone sono morte a causa del terrorismo in Nigeria l’anno scorso rispetto all’anno prima, con l’aumento che continua quest’anno. “Tutti hanno paura”, ha detto Idayat Hassan, dell’ufficio di Abuja del Center for Strategic and International Studies’. “Non vogliono essere al centro della città. Io stesso, non voglio uscire dove è affollato”.

Buhari, 79 anni, eletto con la promessa di sradicare gli insorti, è rimasto incredulo dopo aver visitato la prigione di Kuje in seguito all’attacco. “Sono deluso dal sistema di intelligence”, ha detto. “Come possono i terroristi organizzarsi, avere armi, attaccare un’installazione di sicurezza e farla franca?”

Tutta la Nigeria ora vive nel terrore

La risposta sembra risiedere nel potere crescente della provincia dell’Africa occidentale dell’IS, che diffonde la sua devastazione ben oltre la sua tradizionale roccaforte nel remoto nord-est della Nigeria e circonda la capitale. “Se succedono cose del genere intorno ad Abuja significa che Abuja non è al sicuro”, ha affermato Malik Samuel, ricercatore nigeriano per l’Institute for Security Studies.

Guerriglieri dell'Isis
Guerriglieri dell’Isis – NanoPress.it

“La crisi in questi stati rende facile entrare [dal nord-est] senza attenzione”. Buhari ha rivendicato la vittoria sullo jihadismo perché ha stanato molti combattenti dai loro nidi nord-orientali, convincendo migliaia di persone a deporre le armi. Ma gli jihadisti continuano a propagarsi e ora sono ora in tutto il paese, con cellule dormienti a Lagos. Per anni lo stato più popoloso dell’Africa ha dovuto affrontare forse le minacce alla sicurezza più numerose di qualsiasi altra nel continente.

Ogni giorno arrivano notizie di spargimenti di sangue. Ma diversi incidenti negli ultimi mesi sono stati senza precedenti, incluso il rapimento vicino ad Abuja di un treno carico di pendolari, che avevano considerato la ferrovia al sicuro dal rapimento; e il massacro di 40 cristiani da parte di uomini armati non identificati in una chiesa nello stato di Ondo, il primo attacco del genere nel sud del Paese.

Hassan ha detto che l’élite al potere, compiacente nei loro recinti e nelle loro enclavi, era stata in precedenza “distratta” alle minacce alla sicurezza, ma ora c’era la sensazione che chiunque potesse essere un bersaglio.

Samuel è d’accordo: “L’incapacità del governo di agire ha coinvolto anche l’élite ora”, ha detto. Matthew Page, ricercatore di Chatham House sulla Nigeria, ha affermato di ritenere che la tradizionale classe dirigente e le comunità di espatriati sarebbero ancora “piuttosto al sicuro” nelle “zone verdi” di Abuja e Lagos, ma nessuno sa dove si stia dirigendo il Paese. “È come un pugile che continua a essere preso a pugni”, ha detto. “Ad un certo punto [i terroristi] colpiranno nel segno.