New York, l’uomo che accoltella i senzatetto mentre dormono: caccia al killer

Le ha colpite senza alcun apparente motivo. È accaduto a Manhattan e ad esser prese di mira dalla sua furia omicida sono stati alcuni senzatetto. Li ha feriti nel sonno e poi è scappato via. Ora la Polizia locale lo sta cercando.

Coltello
Coltello – Nanopress.it

Attraverso la diffusione di una sua foto, scattata proprio mentre scappava, si cerca di dare un nome ed un’identità all’aggressore.

Accoltellati mentre dormivano

Una furia omicida contro tre senzatetto, senza alcun motivo. Tre sono stati uccisi a coltellate e altri due feriti gravemente. Il motivo? Ancora ignoto, ma sta di fatto che la Polizia locale ora è sulle sue tracce. Le ha accoltellate tutta con la stessa arma. È successo a Manhattan e le vittime sono state tutte individuate e colpite dal killer nel giro della stessa settimana.

Dalle primissime ricostruzioni, la Polizia ha cercato di capire chi fosse l’aggressore. Anche lui un senza tetto, come le sue vittime. Il tutto è iniziato quando, nella notte dello scorso 5 luglio, un uomo è stato svegliato dal suo giaciglio dove dormiva in strada, per un forte dolore allo stomaco. Quando si è svegliato, ha scoperto di esser stato colpito con un coltello.

Con la ferita ancora sanguinante, è riuscito a raggiungere la parte opposta della strada, dove poi aiutato da alcuni passati, è stato soccorso e portato all’ospedale, ma lì poi è morto, a causa della profonda ferita. Non passano molti giorni che il killer colpisce ancora.

Si avvicina alla sua vittima seduto su una panchina, lo osserva per un po’ mentre lui dorme, poi lo colpisce sempre con un coltello e sempre all’addome. Il tutto senza dire una parola. Questa volta, però, la vittima è fortunatamente sopravvissuta.

Persona senzatetto
Persona senzatetto – Nanopress.it

Senzatetto feriti o uccisi sempre dalla stessa mano

L’ultimo accoltellamento è avvenuto ad inizio settimana. La vittima, che dormiva su di una panchina all’interno di un parco giochi è stata colpita più volte con un coltello da cucina. Secondo le ricostruzioni della Polizia, anche basandosi su alcune testimonianze anche delle vittime sopravvissute, si pensa che la mano omicida sia sempre la stessa, in quanto ha agito sempre con le stesse modalità e, si pensa, anche con la stessa arma.

Una furia senza alcuna motivazione e che, stando sempre alle primissime indagini, sia di un senzatetto nei confronti di altri che, purtroppo, come lui, vivono nelle medesime condizioni. Per poterlo individuare, le Forze dell’Ordine di Manhattan hanno diffuso una foto del sospettato, mentre è in bicicletta, scattata da una telecamera in strada nelle vicinanze di un lampione.

Certo è poco, però è possibile vederlo in primo piano. La Polizia spera che possa esser individuato e, specialmente, prima che attacchi di nuovo.