Navi ‘fantasma russe e siriane’ rubano grano in Ucraina

Sono state identificate almeno venti navi russe e siriane che disattivano i loro sistemi di navigazione per evitare di essere scoperte mentre caricano illegalmente grano dai territori occupati in Ucraina, dove la produzione agricola è stata confiscata.

Grano con bandiera ucraina
Grano con bandiera ucraina – NanoPress.it

Il mercantile russo Matros Koshka è scomparso nel mezzo del Mar Nero a giugno. La stessa cosa accadde quel mese con la Laodicea, nave mercantile battente bandiera siriana: appena attraversò lo stretto del Bosforo in direzione nord, svanì dai radar. E prima, ad aprile, la nave Nadezhda, anche lei russa, evaporava.

Il mercantile russo Matros Koshka è scomparso nel mezzo del Mar Nero a giugno

Nessuno ha avuto un incidente. Non ci sono stati errori tecnici. In realtà, stavano seguendo una tattica usata sempre più sistematicamente per nascondere il loro passaggio attraverso la Crimea, i cui porti sono diventati il ​​centro delle esportazioni illegali di grano rubato dall’Ucraina e della sua distribuzione sul mercato internazionale.

Quando le navi attraversano le acque del Mar Nero verso la penisola di Crimea, annessa alla Russia nel 2014, l’equipaggio spegne il transponder, un dispositivo che trasmette in ogni momento la propria posizione al Sistema di Identificazione Automatica (AIS) ed è obbligatorio secondo gli standard dell’Organizzazione marittima internazionale. Senza emettere segnali, volatilizzano per due, quattro giorni o anche più di una settimana di sistemi di posizionamento.

Poi riappaiono in luoghi vicini, ma diretti a sud, verso la costa turca o lo stretto del Bosforo. Il quotidiano spagnolo El Pais ha conditto una indagine e ha potuto identificare almeno 16 navi coinvolte in questo traffico illegale attraverso rotte che si estendono dal Mar Nero al cuore del Medio Oriente, grazie all’analisi dei dati di navigazione degli ultimi tre mesi di più di venti navi ― fornite dalla società di dati marittimi MarineTraffic―, immagini satellitari della società Planet e fotografie scattate da attivisti e osservatori in vari porti.

Si tratta di un sistema in cui è direttamente coinvolto lo Stato russo e che, secondo i dati del governo di Kiev, ha portato fuori dal Paese più di 500mila tonnellate di grano.Il viceministro della politica agraria dell’Ucraina, Taras Visotski, assicura che il suo dipartimento ha rintracciato carichi di grano provenienti dai territori occupati da Mosca, in particolare dalle fertili terre delle regioni di Zaporizhia e Kherson, in Siria, e definisce l’operazione russa come “contrabbando”.

Il Cremlino ha ripetutamente negato che stesse rubando il grano ucraino.All’inizio di aprile, le forze di occupazione russe hanno convocato i dipendenti delle aziende agricole del Gruppo Agricom, situate in una parte della provincia di Luhansk recentemente conquistata dalle truppe del Cremlino. Il messaggio era chiaro, afferma Petro Melnik, amministratore e comproprietario dell’azienda: una nuova gestione si sarebbe immediatamente fatta carico dell’operazione, con oltre 11.500 ettari di colture di grano, mais e girasole.

Il grano in Ucraina sta per essere perso o rubato

Molti dei lavoratori che erano a quella riunione hanno allertato Melnik quel giorno. L’uomo d’affari non ha avuto notizie né da loro né dalla fattoria occupata: “Con ogni probabilità, [i russi] avranno saccheggiato tutto e lo avrebbero trasportato per l’esportazione”. Fonti dell’amministrazione ucraina sottolineano che quanto accaduto con Agricom Group si è ripetuto in molti altri luoghi.

Soldati ucraini
Soldati ucraini – NanoPress.it

In alcune aree occupate, le autorità fantoccio imposte da Mosca hanno addirittura parlato di “nazionalizzazione” di alcune compagnie strategiche; un ombrello sotto il quale possono stare anche le fattorie. Già otto anni fa, quando la Russia promosse la guerra nel Donbas (a est) tra i separatisti filorussi e l’esercito ucraino, il grano iniziò ad essere portato dalle aree occupate delle province di Donetsk e Luhansk alla Russia, dove passò come grano locale, secondo un’imprenditrice russa legata al commercio agricolo che non vuole dare il suo nome per paura di rappresaglie.

Anche se, quindi, le quantità erano molto inferiori. Alcune società ucraine hanno intentato cause e denunce per furto del grano che avevano nei silos e nelle fattorie, come confermato da un portavoce della Procura ucraina. L’oligarca Rinat Ajmetov, proprietario, tra gli altri, dell’azienda agricola HarvEast e dell’acciaieria Azovstal —ora nelle mani delle forze russe—, si è rivolto alla Corte europea dei diritti dell’uomo in una causa contro la Russia per violazione del diritto di proprietà.

Il grano viene persino accumulato dai piccoli e medi agricoltori, che le autorità di occupazione stanno costringendo a vendere “con la forza” a metà del prezzo di mercato, spiega il presidente dell’Associazione degli agricoltori della regione di Kherson, Alexander Gordienko, che ha dovuto fuggire dal suo casa.

Il percorso del grano dai campi e dai silos ai porti della Crimea è organizzato principalmente da camion, spiega un imprenditore agricolo di Zaporizhia, che opera ancora nel territorio occupato di una regione in cui Mosca controlla già quasi l’80%. Assicura che le forze russe organizzino i convogli di veicoli e li scortano persino con veicoli contrassegnati dalla caratteristica Z bianca, simbolo dell’invasione di Vladimir Putin.

Normalmente, uno va davanti e uno dietro. L’imprenditore fa notare che c’è un gran via vai di camion e autisti che vengono a prelevare il grano dai silos e spesso vengono reclutati attraverso i canali di Telegram (una pratica comune).