Nato: “L’escalation della guerra con armi nucleari avrà gravi conseguenze”

La Nato e tutto l’Occidente denunciano che l’annessione russa dei territori ucraini rappresenta l’escalation più grave dall’inizio della guerra.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg

Bruxelles chiede ai Paesi di rafforzare il controllo sui visti per i russi e il controllo delle frontiere a causa delle “minacce alla sicurezza” di Putin. L’Occidente si mobilita per respingere l’assalto imperialista del Cremlino. Le ultime mosse del presidente Vladimir Putin, che a febbraio ha scosso il mondo con la sua guerra in Ucraina e ora con l’annessione illegale di quattro province del suo vicino, hanno lanciato l’allarme di Ue e Nato.

Il segretario generale della Nato si dichiara estremamente preoccupato per le mosse strategiche di Putin

Jens Stoltenberg, segretario generale dell’Alleanza Atlantica, ha sottolineato questo venerdì che la campagna di reclutamento, insieme alle minacce nucleari e all’assorbimento del territorio ucraino, rappresenta “l’escalation più grave della guerra” dall’inizio del conflitto. “Questo è il più grande tentativo di annettere il territorio europeo con la forza dalla seconda guerra mondiale”, ha detto in una conferenza stampa a Bruxelles.

“Un altro 15% del territorio dell’Ucraina [oltre all’annessione della Crimea], un’area grande all’incirca le dimensioni del Portogallo, sequestrata illegalmente dalla Russia sotto la minaccia delle armi”, ha osservato Stoltenberg, invitando tutti i paesi a non riconoscere le annessioni illegali. Anche il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha condannato le annessioni illegali. La sua amministrazione ha imposto questo venerdì nuove sanzioni a parlamentari russi, alti funzionari, militari e aziende del settore della difesa.

“Riuniremo la comunità internazionale sia per denunciare questi movimenti sia per ritenere la Russia responsabile”, ha affermato Biden. La Commissione Europea e il Consiglio d’Europa hanno accusato la Russia di aver violato ancora una volta il diritto internazionale. “Siamo incrollabili nel nostro sostegno all’integrità territoriale e alla sovranità dell’Ucraina.

L’Ucraina sta esercitando il suo legittimo diritto di difendersi dall’aggressione russa al fine di riprendere il pieno controllo del proprio territorio e ha il diritto di liberare i territori occupati entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”, hanno affermato i Ventisette in una dichiarazione promettendo ulteriori sanzioni contro il regime di Putin.

“Le minacce nucleari fatte dal Cremlino, la mobilitazione militare e la strategia di provare a presentare falsamente il territorio dell’Ucraina come quello della Russia e fingere che la guerra possa aver luogo ora sul territorio della Russia non indeboliranno la nostra determinazione”, aggiungono. . Putin ha minacciato di utilizzare tutto il materiale difensivo necessario per difendere quella che vede come la Russia.

“Le minacce nucleari fatte dal Cremlino non indeboliranno la nostra determinazione”

Ora, con la sua riprogettazione per decreto di ciò che il Cremlino considera essere entro i confini di questo territorio, quella minaccia include anche le quattro regioni ucraine occupate e annesse, che ha accresciuto i timori di uno scontro nucleare. kyiv, che venerdì ha inviato una richiesta alla NATO per elaborare urgentemente la sua adesione – paralizzata dal 2008 – ha sottolineato che continuerà a combattere per liberare il suo territorio dalle forze russe, nonostante le minacce nucleari.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

“L’Ucraina ha tutto il diritto di riprendersi il suo territorio”, ha sottolineato il segretario generale della Nato, il quale ha ricordato che l’ingresso di nuovi membri deve essere approvato all’unanimità da tutti i Paesi dell’alleanza militare, di cui la Spagna fa parte.Bruxelles ha chiesto agli Stati membri di effettuare “valutazioni più rigorose” delle domande di visto russe e di rafforzare la sorveglianza delle frontiere esterne a seguito della “minaccia alla sicurezza” del Cremlino.

Questa minaccia è aumentata negli ultimi giorni con la mobilitazione militare decretata dal Cremlino e l’annessione delle province di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhia. La mobilitazione decretata da Putin per alimentare la sua guerra nel Paese vicino ha portato alla fuga di migliaia di persone per evitare il reclutamento.

Senza voli diretti verso l’UE, con biglietti per altri paesi a prezzi esorbitanti e le frontiere terrestri con i paesi baltici praticamente chiuse ai turisti, la maggior parte delle partenze via terra sono state verso la Georgia o il Kazakistan.

Tuttavia, la prospettiva di un’ondata di partenze verso i paesi dell’UE ha causato divisioni tra gli Stati membri. Mentre quelli dell’est sono impegnati a proteggere i propri confini e sono persino riluttanti a concedere visti umanitari, altri, come la Germania, sono disposti ad accogliere coloro che disertano il regime di Mosca.