Nato: la Turchia vuole dalla Svezia i ‘terroristi’ curdi

Molte persone nel governo svedese e nella comunità curda temono che dieto il placet della Turchia all’adesione della Svezia nella Nato, ci sia un patto segreto per far estradare i terroristi curdi.

Recep Tayyip Erdogan
Recep Tayyip Erdogan – NanoPress.it

Due dei quattro partiti della coalizione di governo della Svezia sospettano di un patto che favorirà l’estradizione dei terroristi rivendicata da Ankara. Mentre i leader dei paesi NATO hanno brindato la scorsa settimana al Palazzo Reale di Madrid alla revoca del veto della Turchia alla Finlandia e alla candidatura della Svezia all’adesione all’Alleanza Atlantica, a circa 3.000 chilometri di distanza, un alone di paura e ansia si è installato nella comunità di rifugiati turchi e siriani in Svezia, la maggioranza di etnia curda.

Cosa ha chiesto Erdogan in cambio del via libera della Svezia nella Nato?

L’accordo tripartito tra Ankara, Stoccolma ed Helsinki prevede una gestione “agile e completa” delle richieste di estradizione da parte delle autorità turche di presunti “terroristi” residenti nei due Paesi nordici e molti sconosciuti. Dopo la lunga deriva autoritaria del governo di Recep Tayyip Erdogan, la definizione di “terroristi” in Turchia è stata ampliata per includere dissidenti pacifici e persino giornalisti critici. Due dei quattro partiti che compongono il governo guidato dai socialdemocratici (sinistra e verdi) hanno espresso le loro perplessità su quanto concordato.

La preoccupazione è ancora più grande tra la comunità curda in Svezia, che non sa chi possono colpire le deportazioni, quanti l’Esecutivo si è impegnato e se sono responsabilità del governo o se devono essere approvati dai tribunali. Questo martedì i rappresentanti degli alleati nella Nato ufficializzeranno l’approvazione della candidatura nordica che i leader dei tre Paesi hanno concordato al vertice di Madrid insieme a Jens Stoltenberg, segretario generale dell’Alleanza, mentre le domande restano a Stoccolma.

Alla vigilia di questo passaggio formale, il primo ministro svedese, la socialdemocratica Magdalena Andersson, ha offerto domenica scorsa una conferenza stampa in cui non ha negato di essersi impegnata a portare a termine tutte le richieste di espulsione, come assicurato dalle voci del governo turco. «Sono ministro da otto anni e non ho mai parlato di quello che si dice in sala delle trattative», si è limitata a commentare. Le sue parole hanno solo moltiplicato il disagio tra gli oppositori di Erdogan in Svezia.

Un portavoce del partito di sinistra, partner di minoranza nella coalizione, esprime con forza il proprio rifiuto all’accordo. “L’accordo con la Turchia è orribile e sabato saremo in strada con la comunità curda per manifestare contro di essa. Significherà che le armi saranno esportate in Turchia e comprometterà la reputazione della Svezia per l’impegno per i diritti umani e il minoranza curda. È preoccupante che possano aver luogo le deportazioni di richiedenti asilo e ciò porterà sicuramente a una maggiore cooperazione tra i servizi segreti svedesi e turchi”.

Questo portavoce chiede anche di dare la parola ai cittadini. “Riteniamo che si debba tenere un referendum sull’adesione alla NATO. Prima dell’accordo, il 60% degli svedesi era favorevole all’integrazione, ma ora quei numeri potrebbero essere diminuiti. C’è stata una reazione più forte nella società svedese contro l’accordo di quanto mi aspettassi”, sostiene. Nemmeno Amineh Kakabaveh, deputata indipendente di origine curdo-iraniana il cui voto è stato fondamentale per evitare la vittoria di una mozione di censura contro Andersson un mese fa, ha ricevuto spiegazioni o garanzie dall’Esecutivo sulle conseguenze delle richieste turche.

Il governo ha affermato che non cambierà le leggi svedesi, né la sua definizione di terrorismo

Dicono che nessun cittadino svedese sarà espulso, ma non è chiaro cosa accadrà alle migliaia di persone che stanno ancora richiedendo asilo”, avverte Kakabaveh. Anche una parte della stampa svedese è stata critica, così come le formazioni della sinistra e dei verdi, che fanno parte del governo. Tuttavia, il Parlamento non si riunirà più prima delle elezioni generali dell’11 settembre, quindi la stabilità del governo non è in pericolo. L’analista Gunnilla Herolf dell’Istituto svedese per gli affari esteri ritiene che i timori sull’accordo siano esagerati.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

“Il governo ha affermato che non cambierà le leggi svedesi, né la sua definizione di terrorismo. Inoltre, la questione delle deportazioni non dipende dal governo, ma dai tribunali, e sicuramente li bloccheranno”, afferma.Tuttavia, Kakavabeh fa notare che esiste un precedente alquanto rassicurante, quello di Resul Ozdemir, un giovane accusato dalla Turchia di essere membro del Pkk, e che è stato deportato poco più di un anno fa mentre era un richiedente asilo. Attualmente è detenuto in Turchia.

Proprio, per Erdogan, uno degli obiettivi nei negoziati con Helsinki e Stoccolma era quello di porre fine al presunto trattamento di favore ricevuto da persone e organizzazioni vicine al PKK. Nel mirino c’è anche l’organizzazione del religioso Fetullah Guillen, da lui accusato del colpo di stato del 2016. Ma l’accordo tripartito prevede anche la revoca dell’embargo sulla vendita di armi ad Ankara che entrambi i paesi nordici hanno applicato dal 2019 per i suoi militari intervento in Siria.

Inoltre, Erdogan è anche riuscito a far decollare a Washington la vendita di circa 40 cacciabombardieri F-16. Le richieste di Erdogan hanno messo la comunità curda in una posizione difficile, collegando la sicurezza della Svezia ai loro diritti. Si stima che il numero di residenti curdi in questo paese scandinavo sia ben oltre 100.000, più dell’1% della popolazione.

Sebbene la maggior parte provenga dalla Turchia, l’ultima ondata è arrivata dalla Siria e potrebbe anche essere colpita. Erdogan considera il Partito Democratico dell’Unità (PYD), il partito che gestisce l’entità autonoma a maggioranza curda nel nord della Siria, come parte del PKK.