Nancy Pelosi vuole visitare Taiwan nonostante le minacce della Cina

Fonti dell’amministrazione Biden confermano che il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, sbarcherà sull’isola che Pechino considera parte del suo territorio.

Nancy Pelosi
Nancy Pelosi – Nanopress.it

Nancy Pelosi è determinata a visitare Taiwan. Il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha iniziato domenica un controverso viaggio attraverso la regione Asia-Pacifico nel cui itinerario ufficiale l’isola non compare. Ma la scala è stata data per scontata questo lunedì dai media statunitensi, dopo che fonti anonime della Casa Bianca hanno confermato questi piani nonostante le gravi minacce cinesi.

Nancy Pelosi cerca lo scontro diplomatico

Il presidente della Cina, Xi Jinping, giovedì scorso ha avvertito Joe Biden in una videochiamata che questo viaggio sarebbe equivalente a “giocare con il fuoco”. La tensione tra le due potenze continua a crescere alla sola idea che Pelosi metta piede in un territorio che Pechino considera proprio e, quindi, incapace di mantenere autonomamente le relazioni internazionali.

John Kirby, portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, si è unito alla conferenza stampa quotidiana che Karine Jean-Pierre di solito offre da sola per cercare di tirare fuori il ferro dalla crisi. Kirby ha assicurato che non hanno alcuna conferma che Pelosi viaggerà. “Ma se se ne va, se decide di andarci, non sarebbe senza precedenti. Il Presidente [della Camera dei Rappresentanti] è libero di prendere le sue decisioni e di recarsi a Taiwan, così come qualsiasi membro del Congresso.

Ti forniamo solo informazioni sulla tua sicurezza. Se quella visita finalmente avrà luogo, nulla cambierà nel nostro atteggiamento nei confronti dell’isola. Non c’è nessun dramma”, ha detto. Il segretario di Stato, Antony Blinken, ha abbondato a New York, dal canto suo, nell’idea che l’amministrazione Joe Biden non sia a conoscenza della decisione presa. “Confido che la Cina agirà in modo responsabile e non contribuirà a un’escalation della tensione”, ha aggiunto.

Secondo il Nikkei Asia digitale, l’esercito americano sta avvicinando le forze militari, comprese le portaerei, a Taiwan. Da Pechino la risposta ha lasciato poco spazio all’immaginazione: la Cina ha ribadito questo lunedì che se Pelosi metterà piede sull’isola, ci saranno “misure energiche”. Il suo ministero degli Esteri ha ribadito lunedì che l’Esercito popolare di liberazione – che quel giorno celebrava il suo 95° anniversario – non resterà a guardare” e “adotterà misure energiche” se “il numero tre del governo degli Stati Uniti” si recherà a Taiwan.

Alla domanda sul tipo di risposta che ci si poteva aspettare dall’esercito cinese, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha risposto: “Se ha il coraggio di andare, allora aspettiamo e vediamo”. Un incontro di così alto livello, il primo in 25 anni da quando il repubblicano Newt Gingrich ha visitato Bill Clinton alla Casa Bianca, sarebbe visto come una vera provocazione dalla Cina. Pechino si oppone fermamente a qualsiasi dimostrazione di sostegno all’indipendenza di Taiwan da parte degli Stati Uniti e ha promesso che non vacillerà se ciò accadrà.

Lo stesso Xi Jinping ha avvertito la sua controparte giovedì scorso durante la telefonata tra i due che gli Stati Uniti non dovrebbero “mettere in discussione la ferma volontà degli 1,4 miliardi di cinesi”. La questione di Taiwan, una delle questioni che genera più dissapori e tensioni tra i due governi, ha occupato gran parte delle due ore e 17 minuti di dialogo tra i due leader. La giornata è iniziata con un messaggio di un giornalista televisivo taiwanese TVBS sul suo account Twitter, in cui ha riferito che il legislatore democratico dovrebbe sbarcare sull’isola martedì notte.

Xi Jnping continua ad avvisare Biden di irritare la Cina

La rete della CNN ha confermato questo punto, citando “un alto funzionario del governo taiwanese e un funzionario statunitense”. Biden la scorsa settimana ha condiviso la preoccupazione del Pentagono per un viaggio che solleva seri problemi di sicurezza. I funzionari di Washington hanno accusato queste preoccupazioni per il fatto che la fermata non era inclusa nel piano iniziale del viaggio.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

Il contrario avrebbe fornito a Pechino indizi sui movimenti di Pelosi. Biden, senatore per 36 anni, crede fermamente nell’indipendenza del potere legislativo dall’Esecutivo, motivo per cui, secondo diversi analisti, non ha esercitato più pressioni sulla Pelosi per farle cambiare idea. Kirby ha assicurato ai media che durante la telefonata della scorsa settimana, il leader degli Stati Uniti “l’ha chiarito” a Xi.

La Pelosi e la sua delegazione al Congresso erano a Singapore lunedì, la prima tappa del suo controverso tour asiatico. Si ritiene che arriveranno a Taipei martedì, dove il politico veterano si incontrerà mercoledì, se i piani saranno realizzati, con il presidente taiwanese Tsai Ing-wen. Né l’ufficio presidenziale né il ministero degli Esteri taiwanese hanno commentato la questione. “Riteniamo che gli Stati Uniti abbiano compreso il messaggio forte e chiaro che la Cina ha inviato [giovedì].

Se Pelosi visiterà Taiwan, sarà un’atroce ingerenza negli affari interni della Cina, che mina gravemente la sovranità e l’integrità territoriale della Cina, calpestando arbitrariamente il principio One China, minacciando seriamente la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan e danneggiando profondamente le relazioni sino-americane, Il portavoce del governo cinese ha avvertito. “La parte statunitense dovrebbe onorare la promessa del presidente Biden che non sosterrà l’indipendenza di Taiwan”, ha aggiunto Zhao.