Ayman al Zawahiri, il successore di Bin Laden, è stato ucciso dagli USA

 Ayman al Zawahiri, il leader di Al Qaeda, è stato ucciso con un drone dagli USA. Biden assicura che l’attacco, senza “vittime civili”, è stato preparato da mesi: “Giustizia è stata fatta.

Ayman al Zawahiri
Ayman al Zawahiri – NanoPress.it

Chi minaccia gli Stati Uniti deve sapere che li troveremo e li liquideremo”Gli Stati Uniti hanno ucciso domenica scorsa a Kabul Ayman al-Zawahiri, leader di Al Qaeda, organizzazione in cui è succeduto a Osama Bin Laden dopo la sua morte nel 2011, in un attacco di droni a Kabul, uno dei terroristi più ricercati.

Ayman al Zawahiri, il leader di Al Qaeda, è stato ucciso dagli USA

Lo ha confermato lunedì pomeriggio il presidente Joe Biden in un’apparizione televisiva. L’operazione “non ha causato ulteriori vittime civili”, ha aggiunto. Biden, da sabato nuovamente confinato per una ricaduta dovuta al coronavirus, ha parlato in televisione dalla Casa Bianca: “Giustizia è stata fatta”, ha condannato in un messaggio di sette minuti trasmesso da uno degli spalti della Casa Bianca. complesso, con i monumenti di Washington e Jefferson sullo sfondo.

“Questo terrorista non potrà più agire di nuovo. Non importa quanto tempo passa, o quanto cercano di nascondere. Coloro che minacciano gli Stati Uniti devono sapere che li troveremo e li liquideremo”. L’attacco è stato pianificato per mesi. Il momento in cui i servizi di intelligence stavano aspettando è arrivato sabato alle 21:48, ora orientale, quando erano le 6:18 di domenica a Kabul. Biden ha guidato personalmente “l’operazione antiterrorismo di precisione”, secondo un alto funzionario della Casa Bianca che ha parlato con i giornalisti in condizione di anonimato.

Quando è arrivata la sua ora, Al-Zawahiri si trovava su uno dei balconi di casa in un quartiere benestante di Kabul dove, secondo i servizi segreti statunitensi, viveva dall’inizio di quest’anno con la moglie, la figlia e nipoti, fiduciosi che fosse un posto sicuro per uno degli uomini più ricercati del pianeta. E’ stato colpito da due missili Hellfire di alta precisione, che non hano intaccato la struttura della casa.

Un alto funzionario della Casa Bianca ha spiegato in una telefonata con i giornalisti di aver costruito un modello dell’edificio che hanno mostrato a Biden nella Situation Room, un luogo riservato alle operazioni ad alto rischio. Il presidente ha chiesto informazioni sul tempo a Kabul, sulla struttura della casa e sulla probabilità di vittime civili prima di autorizzare il fuoco, sempre secondo l’alto funzionario.

Biden ha approvato l’attacco la scorsa settimana. “L’operazione è stata attentamente pianificata per ridurre al minimo il rischio per la vita di altri civili”, ha affermato il presidente, che ha esaminato tutti i conti pendenti del leader di Al Qaeda con gli Stati Uniti: “Era profondamente coinvolto negli attacchi dell’11 settembre , in cui morirono 2.977 nostri connazionali”, ha ricordato.

“Era anche la mente dietro diversi attacchi contro gli americani, incluso l’attacco alla portaerei USS Cole [in Yemen], che ha ucciso 17 marinai, e ha svolto un ruolo chiave negli attentati alle ambasciate del Kenya e della Tanzania, che ne hanno trasportati 224 persone avanti e ha lasciato 4.500 feriti”. “Quando abbiamo saputo che le condizioni erano ottimali, abbiamo deciso di agire”, ha aggiunto. “Nessuno dei suoi familiari è rimasto ferito”.

Era anche la mente dietro diversi attacchi contro gli americani, incluso l’attacco alla portaerei USS Cole [in Yemen], che ha ucciso 17 marinai

L’annuncio di questo successo nella lotta al terrorismo arriva due settimane prima del primo anniversario del caotico ritiro delle forze americane dall’Afghanistan, uscita che ha permesso ai talebani la scorsa estate di riprendere il controllo del Paese 20 anni dopo il loro rovesciamento in un’invasione lanciato dall’allora presidente George Bush Jr. in risposta agli attacchi dell’11 settembre.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Quella decisione che sembrava improvvisata lo scorso agosto ha segnato il punto più basso della presidenza Biden fino ad oggi, un colpo da cui in un certo senso non è ancora riuscito a rialzarsi in termini di reputazione e valutazione cittadina. L’operazione di questo fine settimana dimostra che gli Stati Uniti hanno la capacità di effettuare operazioni antiterrorismo ad alto impatto nonostante non siano presenti sul terreno.

Biden ha colto l’occasione per difendere la sua performance criticata la scorsa estate: “Ho deciso che, dopo 20 anni di guerra, gli Stati Uniti non avevano più bisogno di migliaia di truppe sul campo in Afghanistan per proteggere gli Stati Uniti dai terroristi che cercavano di farci del male . Ho promesso al popolo americano che avremmo continuato a condurre efficaci operazioni antiterrorismo in Afghanistan e oltre. Ed è quello che abbiamo fatto”.

Il presidente ha ricordato altri due omicidi compiuti in Siria a febbraio e lo scorso luglio contro due esponenti di spicco dello Stato islamico, l’altra grande minaccia terroristica a Washington. Al-Zawahiri ha assunto la guida di Al Qaeda dopo la morte di Osama bin Laden, liquidato nel maggio 2011 nella città di Abottabad (nel nord del Pakistan) da un comando speciale dell’esercito americano, e sotto l’occhio vigile della Casa Bianca dell’allora presidente, Barack Obama, e del suo ex vicepresidente, Joe Biden.

Fino alla sua morte, domenica, Al-Zawahiri era in cima alle liste dei terroristi ricercati di Washington. Il Dipartimento di Stato offriva una ricompensa fino a 25 milioni di dollari per le informazioni che avrebbero portato alla sua cattura. Funzionari del Pentagono hanno assicurato che l’attacco di questo fine settimana non è stato effettuato dai militari, quindi tutto indica che si trattava di una cosa della CIA.

Fonti dell’agenzia si sono rifiutate di confermare immediatamente quel punto. Per il Pentagono era un obiettivo prioritario decapitare nuovamente Al Qaeda.Al-Zawahiri, 71 anni, aveva evitato per anni di tornare in Afghanistan per motivi di sicurezza. La sua ricomparsa a Kabul, la capitale dell’Afghanistan, suggerisce che avesse allentato le sue precauzioni e che i talebani non stanno mantenendo l’impegno di tenere Al Qaeda fuori dal Paese dell’Asia centrale.

Il suo governo ha reagito con una dichiarazione in cui conferma che l’attacco è avvenuto in una casa nella zona di Sherpur, quartiere centrale dell’alta società frequentato da funzionari talebani. In una serie di tweet, il portavoce Zabiullah Mujahid ha dichiarato lunedì: “La natura di ciò che è accaduto non era chiara fin dall’inizio. I servizi di sicurezza e di intelligence dell’Emirato islamico hanno indagato sull’incidente e i risultati iniziali hanno stabilito che l’attacco è stato effettuato da un drone statunitense”.