Myanmar: si aggrava lo scontro tra la giunta militare e la resistenza

Il movimento pro-democrazia del Myanmar assicura che combatterà i golpisti “con tutti i mezzi e senza tregua”.

Proteste in Myanmar
Proteste in Myanmar – NanoPress.it

Le prime esecuzioni in Myanmar (ex Birmania) dal 1988 hanno approfondito lo scontro tra la giunta militare e il movimento pro-democrazia. L’applicazione della pena di morte in questo Paese del sud-est asiatico, immerso in una crisi sociale, politica ed economica, non solo è stata condannata a cascata dalla comunità internazionale, ma ha anche scatenato la rabbia di gran parte della popolazione.

Le prime esecuzioni in Myanmar (ex Birmania) dal 1988 hanno approfondito lo scontro tra la giunta militare e il movimento pro-democrazia

Dopo l’annuncio delle esecuzioni, il governo ombra di unità nazionale, i gruppi etnici armati e la Lega nazionale per la democrazia in Myanmar hanno rilasciato una dichiarazione congiunta senza precedenti in cui si impegnano a “combattere il regime su tutti i fronti e con tutti i mezzi”, uniti e senza tregua ”.

Il rischio, avvertono gli attivisti, è che la crescente repressione spinga sempre più persone dalla resistenza non violenta alle forze armate. “Le nostre città vengono attaccate casualmente e persone innocenti muoiono senza motivo. Il movimento armato sta crescendo perché non vediamo altro modo per rovesciare la giunta militare”, dice Me Me Khant, leader dell’organizzazione Students For Free Burma, in una conversazione telefonica.

Le associazioni di difesa dei diritti umani denunciano l’escalation degli scontri tra i militari, le organizzazioni etniche armate e la popolazione civile a un anno e mezzo dal colpo di stato militare che ha posto fine ai tentativi di transizione iniziati un decennio prima e mantiene il leader del governo, il premio Nobel per la pace Aung San Suu Kyi e altri politici.

Spinto dalle proteste pacifiche contro il colpo di stato militare – tenuto da mesi insieme a scioperi attivi e silenziosi – il movimento pro-democrazia si è rafforzato nella sua opposizione alla giunta militare. Inoltre, nonostante la dura repressione operata dalle forze di sicurezza negli ultimi 18 mesi, la resistenza armata contro i golpisti si è solo intensificata, al punto che analisti internazionali avvertono che potrebbe scoppiare una guerra civile.

Le milizie armate rivendicano il controllo di parte del territorio in regioni come Chin e Sagaing (nord) e Magwe.”La brutalità e la crudeltà dell’esercito non hanno limiti”, dice Me Me. Questo giovane attivista sottolinea che “si tratta di sopravvivere, letteralmente, giorno per giorno. Anche se non sei legato alle proteste, puoi finire in prigione o morire se qualcuno fornisce false informazioni su di te”.

La sua dichiarazione è rafforzata dall’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici, che avverte che “essere un prigioniero politico è più pericoloso che mai”. Secondo i dati raccolti da questa ONG locale, 2.133 persone hanno perso la vita per mano dell’esercito – tra cui bambini, studenti, attivisti, politici, medici e manifestanti pacifici – e più di 14.900 sono state detenute dal colpo di stato militare.

Le milizie armate rivendicano il controllo di parte del territorio in regioni come Chin e Sagaing (nord) e Magwe

Le minacce della giunta golpista all’opposizione hanno raggiunto il culmine con l’esecuzione per impiccagione di Ko Jimmy, Phyo Zayar Thaw, Hla Myo Aung e Aung Thura Zaw. Le prime condanne a morte eseguite in Myanmar dopo la dittatura militare che ha governato il Paese dal 1962 al 2011 lanciano un messaggio intimidatorio a chi rifiuta di rinunciare ai diritti di manifestare e associarsi.

Aung San Suu Kyi
Aung San Suu Kyi – NanoPress.it

Sebbene la condanna a morte non sia mai stata revocata nel Paese, veniva commutata in anni di carcere dopo la tradizionale grazia delle autorità a date prestabilite. Ko Jimmy, 53 anni, e Phyo Zayar, 41 anni, erano due delle figure più importanti della resistenza. Il primo ha già guidato le rivolte democratiche del 1988, mentre il secondo è stato un politico vicino ad Aung San Suu Kyi. Entrambi erano stati condannati a morte per presunti “atti terroristici” in un processo a porte chiuse a gennaio. Gli altri due uomini, di cui si conoscono poche informazioni, erano considerati “ribelli”.

Un totale di 118 persone sono state condannate a morte dal 1° febbraio 2021. Secondo la Political Prisoners Assistance Association, questa settimana 41 delle persone in attesa nel braccio della morte sono state separate dal resto dei detenuti nella prigione di Insein, a Yangon, dove sono avvenute le esecuzioni.

Amnesty International e Human Rights Watch concordano sul fatto che le forze armate hanno commesso un errore di calcolo nel mettere sul patibolo due figure amate in Myanmar, poiché la decisione mobilita ulteriormente l’opposizione. “Hanno sottovalutato il potere delle persone e il loro desiderio di avere un governo democratico”, dice via e-mail Kyaw Sein, un ricercatore di Amnesty International che preferisce identificarsi con uno pseudonimo per motivi di sicurezza.

Entrambe le organizzazioni per i diritti umani sono molto critiche nei confronti della mancanza di maggiori sanzioni internazionali. Quelle attuali colpiscono membri della giunta militare e società controllate dai militari. Elaine Pearson, direttrice ad interim di Human Rights Watch per l’Asia, ritiene che le dichiarazioni di condanna rilasciate contro la giunta dall’Onu o da numerosi governi non siano sufficienti.

“Ciò di cui abbiamo veramente bisogno è un embargo sulle armi e far sedere i capi militari alla Corte penale internazionale”, dice in una conversazione telefonica.inazione straniera Sia Pearson che Kyaw Sein credono che l’inerzia dall’estero sia stato un fattore che ha portato alcuni dei manifestanti ad allenarsi con i guerriglieri delle minoranze etniche che da decenni insorgono contro i Tatmadaw.

Inoltre rimproverano alla comunità internazionale di aver dato voce alla giunta birmana attraverso piattaforme multilaterali. Di recente, Russia e Myanmar hanno presieduto una riunione sulla lotta al terrorismo a Mosca nell’ambito di una riunione dei ministri della Difesa dell’ASEAN-Plus (Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, oltre a diversi paesi limitrofi).

I militari hanno giustificato il colpo di stato con una presunta frode elettorale -mai provata- alle elezioni del novembre 2020, in cui la Lega Nazionale per la Democrazia, il partito di Suu Kyi, ha travolto il partito, che lo aveva già fatto alle elezioni generali. 2015.

Il premio Nobel per la pace è stato arrestato dopo il colpo di stato, accusato di quasi venti crimini. Ha già perso quattro processi e, se viene dichiarata colpevole di tutte le accuse a suo carico, le sanzioni significherebbero più di due secoli dietro le sbarre.Il leader militare birmano, Min Aung Hlaing, ha promesso lo scorso anno “elezioni multipartitiche, eque e libere” quando sarà terminato lo stato di emergenza in vigore fino all’agosto 2023, ma, questo lunedì, ha annunciato l’estensione di tale misura, se bene, non ha specificato per quanto tempo.

Mi considera “è ovvio da molto tempo che i militari non hanno intenzione o impegno politico di negoziare”. “Se vogliamo davvero una democrazia federale basata sulla giustizia e l’uguaglianza, in cui tutti i gruppi etnici possano godere delle stesse libertà, l’unico modo per rovesciare questo governo è con la forza”, dice.