Musei, gratis non solo la prima domenica del mese: tutte le novità in arrivo

Gennaro Sangiuliano, ministro della cultura, ha confermato di avere l’intenzione di continuare con l’ingresso gratuito all’interno dei musei ogni prima domenica del mese, per poi allargarlo anche ad altre giornate.

Gennaro Sangiuliano
Gennaro Sangiuliano- Nanopress.it

Il ministro della cultura ha risposto ad alcune domande riguardo le iniziative per quanto riguarda il rilancio della cultura e per quanto riguarda l’accesso al patrimonio artistico e storico per tutti i cittadini.

Musei gratis non solo la prima domenica del mese

Durante la question time alla Camera si è parlato soprattutto dell’accesso gratis ai musei.

Gennaro Sangiuliano afferma di voler continuare la linea dell’esecutivo precedente e ampliarne le vedute.

“questo regime voglio allargarlo a tre date: il 25 aprile, il 2 giugno e il 4 novembre”

Queste le parole di Gennaro Sangiuliano.

Il suo intento pare essere quello di rendere l‘ingresso gratuito a tutti i beni del patrimonio sia artistico che storico italiano, non solo la prima domenica del mese ma anche durante altre giornate.

Museo
Museo- Nanopress.it

Tutto questo senza far mai perdere valore ai documenti o esagerare con le misure d’accesso ad essi.

Il ministro della Cultura ha parlato inoltre di edifici che hanno un particolare interesse storico culturale di valore non indifferente e di origine italiana, come ad esempio la casa di Giuseppe Verdi. Come spiega Sangiuliano non è soltanto un luogo in cui un grande compositore italiano ha vissuto, ma è anche un luogo in cui vive la memoria collettiva nazionale.

Secondo Sangiuliano lo Stato non può permettersi che questo edificio tanto importante vada in degrado. Stando alle parole del ministro le strade da prendere dopo la decisione del tribunale civile, sono due: la trattativa diretta oppure svolgere un’asta per poi intervenire con una prelazione.

Nel frattempo prezzi ridotti a Bologna

Nel frattempo a Bologna è pronta la Card Cultura Light, una nuova formula che avvicina sempre più persone al patrimonio culturale che il capoluogo emiliano ha da offrire.

Bologna
Bologna- Nanopress.it

È un abbonamento che riduce il prezzo per le attività culturali a tutti i cittadini che possiedono appunto una di queste card.

Quest’ultima è acquistabile al prezzo di cinque euro e dura 12 mesi, è proposta in una versione digitale.

Elena Di Gioia, che è la delegata alla Cultura, afferma:

“È volontà politica dell’Amministrazione di avvicinare il maggior numero possibile di persone alle offerte culturali della città.”