Muore a 73 anni Ricky Gardiner, chitarrista di David Bowie e Iggy Pop

Ricky Gardiner è morto. Il musicista scozzese, nella sua brillante carriera, aveva suonato in dischi come ‘Low’ di David Bowie, ed è l’ideatore del famoso ‘riff’ di ‘The Passenger’.

Iggy Pop, Ricky Gardiner e David Bowie(1)
Iggy Pop, Ricky Gardiner e David Bowie – NanoPress.it

Iggy Pop ed il suo affettuoso ricordo

“Caro Ricky, un uomo adorabile, suonava regolarmente in tuta e senza maglietta, il ragazzo più simpatico che abbia mai suonato la chitarra. Grazie per i ricordi e le canzoni. Riposa in pace per sempre”, ha scritto Iggy Pop sul suo Twitter, dopo aver appreso della morte del chitarrista scozzese Ricky Gardiner all’età di 73 anni.

La notizia è stata data da Tony Visconti, famoso produttore e sound manager di Low, l’album del 1977 di David Bowie a cui Gardiner ha partecipato. Visconti lo ha descritto come “un genio della chitarra”.

Oltre a Low, l’altro momento clou di Gardiner è stata la sua partecipazione all’album Lust for Life di Iggy Pop, anch’esso del 1977, e prodotto in parte dallo stesso Bowie. Allo scozzese è stato diagnosticato il morbo di Parkinson qualche anno fa.

In Low, Gardiner era responsabile dei lick di chitarra oscuri e lancinanti che caratterizzano l’LP. L’album fa parte della famosa Trilogia di Berlino di Bowie, completata da Heroes (1977) e Lodger (1979). Sono lavori sperimentali in cui Bowie aveva bisogno di musicisti senza pregiudizi, con una mente aperta, capaci di improvvisare e avvicinarsi a sonorità d’avanguardia.

David Bowie si era trasferito nella città tedesca per allontanarsi dalle droghe pesanti che minacciavano la sua stabilità mentale e fisica, e anche Iggy Pop ha avuto problemi simili. Berlino è stata per entrambi una fase creativa liberatoria.

‘The Passenger’ è entrata nella storia del Rock grazie a Ricky Gardiner

Gardiner è stato anche l’autore del riff al trotto di The Passenger, cantato da Iggy Pop, senza dubbio il pezzo più popolare a cui ha partecipato lo scozzese, e che appartiene all’album Pop Lust for Life. È la canzone più ascoltata di Iggy Pop su Spotify, ben 284 milioni di download, e un appuntamento fisso nelle liste delle stazioni rock classiche.

Iggy Pop in Lust fo Life
Iggy Pop in Lust fo Life – NanoPress.it

Sia The Passenger che Lust for Life hanno avuto una seconda vita negli anni ’90, quando sono stati inclusi nella colonna sonora di Trainspotting (1996). In effetti, molti giovani li hanno scoperti grazie al film di Danny Boyle.

Gardiner ha confessato che la composizione gli era venuta in mente anni prima mentre camminava tranquillamente in campagna. E l’aveva archiviata nel suo cervello. “Iggy Pop e David Bowie stavano cercando materiale per Lust for Life nel 1977. Mi hanno chiesto se avessi qualcosa e mi ha davvero colto di sorpresa. Poi mi sono ricordato di quei giochi di chitarra che mi sono inventato sul campo di grano.

A Bowie sono piaciute subito. Iggy, tuttavia, non era molto convinto. Ma il giorno dopo è arrivato con un testo e tutto è andato a posto”, ha detto Gardiner in una intervista di qualche anno fa The Independent, riguardo alla scrittura di The Passenger.

Gardiner (nato nel 1948 a Edimburgo, in Scozia) è stato un musicista autodidatta. Ha fondato le sue prime band alla fine degli anni Sessanta e, aveva un gruppo rock progressivo di una certa rilevanza, i Beggar’s Opera. Ha anche partecipato ad alcune registrazioni di Tony Visconti.

Poi  il viaggio a Berlino che lo fece conoscere al grande pubblico. Ha partecipato a concerti per David Bowie e Iggy Pop alla fine degli anni Settanta. Quando ha iniziato a mettere su famiglia ha deciso di allontanarsi dalla vita del tour.

Uomo non dedito ai privilegi del mondo rock, ha lavorato come turnista e ha aperto un proprio studio di registrazione. Il musicista si è concentrato sulla musica per la meditazione. Insieme alla compagna e al figlio ha realizzato produzioni, volte a fornire pace e spazio per sviluppare riflessioni su se stessi e sul senso dell’esistenza. Tutto incentrato sulla spiritualità.