Messina, si sottopone a un intervento per dimagrire: Patrizia Giunta muore a 47 anni

Patrizia Giunta, 47enne di Modica (Ragusa) si era sottoposta a un intervento di bypass gastrico in una clinica privata di Messina. 

Patrizia Giunta
Patrizia Giunta – Nanopress.it

Dopo alcuni giorni, la donna ha iniziato ad accusare i primi malesseri. A nulla è servito il ricovero nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Messina. Per la 47enne – che lascia il marito e due figli – non c’è stato nulla da fare.

I familiari della donna hanno sporto denuncia per far luce sull’accaduto, chiedendo che venga eseguita l’autopsia per chiarire le cause del decesso.

Patrizia Giunta muore a 47 anni dopo un intervento di bypass gastrico

Le aveva tentate tutte pur di dimagrire, ma quelle diete – sempre fallite – l’avevano convinta a prendere una decisione drastica.

Patrizia Giunta, 47enne di Modica (Ragusa), si era quindi decisa a sottoporsi a un intervento di bypass gastrico per dimagrire.

L’operazione è stata effettuata in una clinica privata di Messina. Inizialmente sembrava essere tutto perfettamente riuscito, ma qualche giorno dopo l’intervento sono comparsi i primi malesseri.

Patrizia Giunta è stata ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale siculo, con febbre altissima.

Nonostante i tentativi dei sanitari, per la donna non c’è stato nulla da fare. Patrizia Giunta è deceduta qualche giorno dopo nel reparto di Terapia intensiva.

I familiari chiedono giustizia

La 47enne lascia il marito e due figli, di 18 e 20 anni. Sono proprio loro che ora chiedono giustizia, per chiarire cosa sia davvero accaduto a Patrizia e se ci sia stata qualche negligenza da parte del personale sanitario della clinica in cui la donna è stata operata.

Medico in ospedale
Medico in ospedale – Nanopress.it

Patrizia aveva tentato per anni di raggiungere quel peso che lei considerava perfetto, ma non ci era mai riuscita, così aveva deciso di sottoporsi a un intervento di bypass gastrico, che le era sembrata l’unica via possibile per coronare il suo sogno.

Quell’intervento però potrebbe esserle costato la vita.

Non è la prima volta che l’intervento di bypass gastrico porta a drammatiche conseguenze. Nell’aprile di 3 anni fa il 29enne Raffaele Arcella di Caivano è deceduto a seguito dell’operazione, durante la quale gli sarebbe stata lesionata l’arteria retrostante lo stomaco.

Lo scorso giugno è deceduta la 43enne di Marconia, Katia Tundo, dopo essersi sottoposta all’operazione chirurgica nella bergamasca.

L’intervento di bypass gastrico serve a ridurre le dimensioni dello stomaco, dando al paziente un senso di sazietà.

Solitamente, dopo questo genere di operazione chirurgica, si perde il 60% del sovrappeso. L’intervento è prassi ormai diffusa negli Stati Uniti, ma viene consigliato soltanto ai grandi obesi, per via del gran numero di complicanze a seguito dello stesso.