McDonald’s lascia la Russia: una perdita di oltre 1.300 milioni di euro

Il successo dell’apertura del primo McDonald’s russo in piazza Pushkin a Mosca, alla fine di gennaio 1990, è stato un simbolo della perestrojka.

McDonald's in Russia
McDonald’s in Russia – NanoPress.it

McDonald’s lascia la Russia perché contro la guerra in Ucraina

L’URSS esisteva ancora, ma il muro di Berlino era già caduto pochi mesi prima.  I moscoviti accorsero subito per provare il nuovo ristorante, icona del capitalismo. Era la fine di un’era. Ora, a più di 32 anni di distanza, l’azienda americana ha annunciato che lascerà il Paese.

Finisce un’altra era. McDonald’s, che aveva già temporaneamente chiuso i suoi ristoranti a marzo, ha assicurato lunedì che smetterà di operare nel Paese, e metterà in vendita la sua attività.

La decisione costerà un addebito da 1,2 miliardi a 1,4 miliardi di dollari, come spiega la società in un comunicato, che, tradotto in euro, potrebbe superare gli 1,3 miliardi.  Per la maggior parte, non avrà un effetto monetario, ma significherà la cancellazione delle attività nel paese.

La prima sospensione della sua attività e questa definitiva partenza, è ora dovuta all’instabilità creata nel Paese dall’invasione dell’Ucraina, che ha reso difficile l’operatività dell’azienda.

I lavoratori saranno pagati fino a che non sarà effettuata la vendita

“Il momento estremamente complicato causato dal conflitto in Ucraina, e l’ambiente operativo imprevedibile che ne consegue, hanno portato McDonald’s, a decidere che la sua presenza in Russia non è più eticamente né moralmente giusta”.  

L'interno di un McDonald's a San Pietroburgo
McDonald’s a San Pietroburgo – NanoPress.it

Chris Kempczinski, CEO dell’azienda, ha aggiunto: “Siamo estremamente fieri degli oltre 60mila lavoratori che prestano servizio nei nostri McDonald in Russia, senza contare i 500 fornitori che ci aiutano nel fare al meglio il nostro lavoro, insieme ai nostri franchising locali. La dedizione  di tutte queste persone, e lealtà nei confronti di McDonald’s rendono l’annuncio di oggi estremamente difficile.

Tuttavia, abbiamo un impegno nei confronti della nostra comunità globale e dobbiamo rimanere saldi nei nostri valori”. In questo momento, l’azienda sta cercando di vendere l’intero portafoglio di ristoranti ad un acquirente locale.

Non potranno mantenere il loro nome, marchio, logo o menu. La società manterrà i propri marchi in Russia, ma il nuovo acquirente non potrà utilizzarli.  “Le priorità di McDonald includono cercare di garantire che i dipendenti di McDonald’s Russia continuino a essere pagati fino alla chiusura di qualsiasi transazione e che i dipendenti abbiano un futuro impiego con eventuali potenziali acquirenti”, afferma la dichiarazione. 

McDonald’s ha cessato l’attività in Russia dall’8 marzo. Poi ha abbassato la tapparella dei suoi 850 ristoranti, due settimane dopo l’inizio della guerra. L’azienda contava circa 62.000 persone, che da allora ha continuato a pagare.  

Molti grandi marchi stanno lasciando la Russia

Un pagamento che sarà mantenuto, secondo l’azienda, fino a quando non troverà un acquirente per la sua rete commerciale. Kempczinski, poi, aveva già anticipato in una lettera indirizzata allo staff che l’azienda avrebbe analizzato l’evolversi della situazione per stabilire se ci fossero più decisioni al riguardo: “In questo momento è impossibile prevedere quando potremo riaprire i nostri ristoranti in Russia”.

Un contenitore McDonald's sulla neve
Un contenitore McDonald’s – NanoPress.it

Dopo quasi tre mesi di guerra, la partenza di McDonald’s dal Paese non sembra essere una sospensione temporanea, e diventa definitiva. Ora, con l’annuncio definitivo dell’uscita, la società ha leggermente modificato le sue previsioni economiche per l’anno.

Si aspetta che il suo margine operativo sia di circa il 40%, leggermente inferiore rispetto a prima dell’annuncio di chiusura.  Escludendo la chiusura dei punti vendita russi, il gruppo prevede di aprire 1.300 ristoranti durante l’anno e di contribuire con una crescita dell’1,5% alle vendite in valuta locale.

Gli investimenti di McDonald’s nell’intero anno saranno compresi tra 2.100 e 2.300 milioni di dollari. Il gruppo ha 39.000 ristoranti in più di 100 paesi in tutto il mondo. Il 95% di essi è gestito da operatori locali, principalmente in franchising. 

L’azienda non è l’unica multinazionale americana, che ha sospeso la propria attività in Russia a causa dell’incertezza economica che grava sul Paese. Tutti hanno mantenuto i loro migliaia di lavori a breve termine, anche se hanno aspettato che la situazione si risolvesse.

Annunciare una chiusura definitiva ha significato chiudere le porte alla possibilità di tornare sul mercato, se la situazione si normalizza. Ma i problemi peggiorano e si estendono nel tempo.

Con l’annuncio di McDonald’s si aprono le porte per l’uscita definitiva dalla Russia di un elenco di grandi aziende occidentali.