Maturità 2022: tutto quello che c’è da sapere sulle imminenti prove d’esame

Il 22 giugno cominceranno le prime prove della maturità di questo 2022: tantissimi ragazzi pronti ad affrontare l’esame che non vedono l’ora di raggiungere questo traguardo. Ecco tutte le novità e le informazioni sulle prove.

Studente all'esame di maturità
Studente all’esame di maturità – Nanopress.it

Più di 500mila ragazzi e ragazze stanno aspettando il 22 giugno per iniziare il loro esame di maturità, l’ultimo step che li porterà poi nel mondo degli “adulti”. Alle 8:30 di mercoledì, infatti si apriranno di nuovo le porte degli istituti superiori d’Italia con la prima prova da sostenere.

A meno di 48 ore dall’inizio, ecco quali saranno le prove e le modalità d’esame di quest’anno e le novità apportate dal Ministero dell’Istruzione.

Maturità 2022, cosa cambia e come saranno strutturate le prove

Tutti sappiamo che alla fine della scuola superiore si deve sostenere l’esame di maturità: per molti studenti questo è un momento di cambiamento, un ultimo traguardo da superare per iniziare una nuova vita al di fuori della scuola.

Tra due giorni tutti gli studenti italiani dovranno sostenere la prima prova dell’esame di maturità, che farà da apripista alle altre due prove scritte, in attesa poi degli orali. Ma vediamo nel dettaglio in cosa consisteranno le prove che i ragazzi dovranno affrontare.

Le prove d’esame: come si svolgeranno e in cosa consistono

Mercoledì 22 giugno 2022 inizieranno gli esami, con la prima prova di italiano, la classica prova con sette tracce tra cui gli studenti potranno scegliere. Queste saranno di tre tipologie diverse: analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. La prima prova durerà sei ore.

Studentessa all'esame di maturità
Studentessa all’esame di maturità – Nanopress.it

La novità arriverà per la seconda prova, non viene elaborata dal Ministero bensì dai singoli istituti o dalle commissioni d’esame. Questa sarà diversa per ogni indirizzo, per esempio Latino per il Liceo Classico o matematica per il Liceo Scientifico.

Per questa prova il titolare della disciplina scelta dovrà elaborare tre proposte di tracce proprio entro il 22 giugno, analizzando le informazioni contenuti nei registri dei consigli di classe. Tra queste verrà sorteggiata la traccia che poi verrà svolta da tutte le classi coinvolte.

La terza prova, poi, sarà orale. I colloqui inizieranno una settimana dopo la secondo prova ed è qui che i ragazzi saranno interrogati a ragionare su determinati argomenti, progetti, problemi etc. La commissione degli orali sarà composta da 6 commissari interni e un Presidente esterno.

Il voto finale resta in centesimi e i punti verranno così distribuiti: alla prova di Italiano saranno attribuiti fino a 15 punti, alla seconda prova fino a 10, al colloquio fino a 25.