Maturità 2022, confermate le mascherine

Il ministro Bianchi riferisce ai microfoni di Fanpage, che durante la maturità 2022 le mascherine saranno confermate durante tutte le prove.

Esami di maturità
Esami di maturità – Nanopress.it

Si tratta di una misura di rispetto reciproco.

Maturità 2022

Il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi si è espresso in merito all’argomento mascherine per quanto riguarda la maturità 2022 e anche se rispetto allo scorso anno si sono fatti dei passi avanti, vengono confermate come segno di rispetto.

La situazione è meno restrittiva, riferisce Bianchi, ma gli esami di maturità verranno comunque svolti con la mascherina.

Si sono comunque fatti dei passi in avanti, infatti nessuno avrebbe mai immaginato di ottenere un ritorno in presenza così velocemente.

Il ministro ha anche parlato, in una lunga intervista, delle prove d’esame che gli studenti si apprestano ad affrontare a partire da mercoledì 22 giugno, giorno in cui si svolgerà la prima prova, ossia quella scritta di italiano.

Patrizio Bianchi
Patrizio Bianchi – Nanopress.it

Dopo due anni di pandemia finalmente gli esami torneranno in presenza, ci saranno tuttavia dei cambiamenti.

Come si svolgeranno le prove d’esame

L’anno scolastico si è svolto in maniera diversa proprio a causa delle varie restrizioni dovute al Covid, per questo la maturità 2022 prenderà in considerazione diversi parametri rispetto agli esami degli anni passati.

Bianchi precisa innanzitutto che la decisione di mantenere le mascherine è d’obbligo perché anche se la situazione sembra essere tornata alla normalità, o quasi, le autorità sanitarie raccomandano l’utilizzo di questa misura di protezione che tutela noi e gli altri, fino alla fine dell’anno scolastico.

Non bisogna vivere questa cosa come un’imposizione ma come un atto di rispetto reciproco, ha spiegato il ministro.

In questo anno ben il 99% delle classi sono in presenza e finalmente si è riscoperta la scuola come un luogo di affetti in cui si lavora e si impara insieme.

Inizialmente poi si parlava solo di colloqui, invece sono tornate le prove scritte e questo, continua Bianchi, dà un’idea di come la situazione sia migliorata velocemente e rispetto alle vecchie stime, uno dei segnali di ripresa è proprio quello di confermare le prove scritte.

Come ogni anno c’è grande ansia e attesa della prima temuta prova di italiano e si cerca di intuire i temi trattati, ma Bianchi offre una sola anticipazione riguardo la prima prova scritta degli esami di maturità 2022, riferendo che saranno 7 tracce articolate in modo che ciascuno possa trovare quale sia il modo migliore per esprimersi. Le tracce sono diverse e vanno analizzate con attenzione, non c’è fretta e ci si può prendere tutto il tempo che occorre.

Dopodiché, il tema scelto dovrà essere sviluppato intorno ai fatti ma anche costruendo un proprio pensiero, che sicuramente conterrà molto anche delle emozioni vissute durante questi anni difficili.

Per quanto concerne la seconda prova, saranno i singoli istituti a decidere la materia da trattare, a seconda degli indirizzi. Questa decisione è stata presa per la necessità di dare autonomia alle scuole, che sono in gran parte responsabili della formazione dei propri studenti e quindi hanno il dovere di scegliere e formulare i quesiti che ritengono più idonei per valutare i ragazzi.

Altra novità della maturità 2022 è il punteggio, che sarà influenzato anche dalla condotta tenuta durante l’anno, nonché dal percorso scolastico, che peserà fino al 50% sulla valutazione finale. Questa richiesta è stata mossa in maniera molto convinta dagli stessi studenti.

Al termine dell’intervista, Bianchi augura buona fortuna a tutti gli studenti che si apprestano dopo questi anni difficili ad affrontare un momento molto importante della vita come la maturità.

Ancora, auspica un ritorno a settembre in cui le mascherine non saranno più obbligatorie e in cui la scuola sarà più inclusiva, per ora però non bisogna vederle come un elemento di intralcio ma di tutela della salute.