Massimo Giletti, mancamento durante il collegamento da Mosca

Il conduttore di “Non è l’arena”, Massimo Giletti, subito dopo l’intervista con Maria Zakharova ha un mancamento che lo costringe ad interrompere il collegamento da Mosca.

Massimo Giletti
Massimo Giletti – Nanopress.it

Puntata molto accesa quella di ieri a “Non è l’arena“. Il talk show, molto seguito proprio grazie ai temi di politica e attualità trattati, ieri è andato in onda con una puntata particolare. Infatti abbiamo assistito al collegamento del famigerato conduttore, Massimo Giletti, direttamente dalla Piazza Rossa di Mosca.

A quanto pare, subito dopo l’importante intervista con con Maria Zakharova, portavoce del ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, Giletti ha avuto un mancamento che l’ha costretto ad interrompere il collegamento da Mosca.

Tensioni in studio poco prima del mancamento

In effetti poco prima che Massimo Giletti si sentisse male, in studio è avvenuto un episodio che ha dato vita ad un clima di grande tensione.

Infatti il direttore di Libero, Alessandro Sallusti, ha deciso di interrompere il collegamento in diretta con il programma, a causa di una polemica sollevata proprio nei confronti di Giletti.

Diretta Non è l'arena
Diretta Non è l’arena – Nanopress.it

La polemica riguardava proprio l’intervista fatta dal presentatore inviato a Mosca al portavoce del governo russo Maria Zakharova. A quanto pare a Sallusti non è piaciuto per niente il modo in cui Giletti avrebbe gestito il colloquio.

“Quando ho saputo che andavi a Mosca ero molto orgoglioso del fatto di conoscerti e avere un buon rapporto con te”.

Così esordisce il giornalista rivolgendosi a Giletti. Sallusti ha poi continuato affermando che si aspettava che l’intento del presentatore, andando a Mosca, fosse quello di parlare al popolo russo e non al popolo italiano.

Sallusti ha affermato di aspettarsi che il conduttore facesse e dicesse qualcosa di più concreto, qualcosa di cui andare fieri e che rispecchiasse la “nostra libertà di informazione”.

Al contrario le sue aspettative sono state totalmente deluse, affermando:

“Invece mi ritrovo in un asservimento totale alla peggiore propaganda che ci possa essere”.

Il direttore di Libero conclude poi riferendosi al Cremlino:

“Quel palazzo che tu hai alle spalle, è il palazzo dove sono stati organizzati, decisi e messi in pratica i peggiori crimini contro l’umanità […] tu dovresti avere il coraggio di dirlo ai tuoi interlocutori”.

Infine decide di interrompere il collegamento, affermando di non volere alcun compenso ma allo stesso tempo di non voler più partecipare a quella “sceneggiata”.

Il malore di Massimo Giletti durante il collegamento

Dunque, subito dopo le grandi tensioni in studio, il presentatore Massimo Giletti sparisce dalle telecamere, attirando l’attenzione di tutti gli spettatori. A questo punto il collegamento si interrompe e Myrta Merlino chiede notizie sullo stato del conduttore.

Circa 20 minuti dopo le telecamere reinquadrano Giletti, il quale spiega di aver avuto un mancamento a causa del troppo freddo e probabilmente per una mancanza di zuccheri. “Purtroppo capita”, ha spiegato, pronto a continuare la conduzione.

In ogni caso le polemiche nei confronti di Massimo Giletti continuano, in particolar modo sui social.