Martín Guzmán cede alle pressioni del kirchnerismo e si dimette

Martín Guzmán, uno degli ultimi ministri a rispondere al presidente Fernández, lascia il governo della Argentina, immerso in una grave crisi politica.

Martín Guzmán
Martín Guzmán – NanoPress.it

Il ministro dell’Economia argentino, Martín Guzmán, ha presentato sabato le sue dimissioni. La sua partenza è un colpo con conseguenze politiche imprevedibili per il presidente, Alberto Fernández, che aveva affidato le sorti della sua amministrazione al successo del piano economico del suo ex ministro. Il presidente perde anche uno degli ultimi membri del Consiglio dei Ministri che gli ha risposto senza sfumature, nel mezzo della guerra politica che intrattiene con la sua vicepresidente, Cristina Fernández de Kirchner.

Martín Guzmán accusato di aver aggravato la crisi economica dell’Argentina

Dall’accordo con il FMI del gennaio di quest’anno, il Kirchnerismo chiede il capo di Guzmán, accusato di aver condannato il Paese a un duro aggiustamento fiscale, aggravando la crisi economica e dilapidando le percentuali elettorali del partito di governo in vista delle elezioni generali del 2023. Mentre Guzmán ha presentato le sue dimissioni con una lettera di sette pagine sui social network, Kirchner ha parlato a una cerimonia per commemorare il 48° anniversario della morte di Juan Domingo Perón, il fondatore del peronismo.

Kirchner ha detto a centinaia di persone che “il deficit fiscale non è responsabile dell’inflazione”. È stato un colpo diretto alla dirigenza del ministro, che ha concordato con il Fmi di raggiungere un pareggio nei conti pubblici nel 2024, ma fino ad ora potrebbe fare poco per ridurre il rialzo dell’IPC, che quest’anno sarà intorno al 70%. Fernández aveva sostenuto Guzmán nella sue posizioni, mentre il kirchnerismo lo attaccava. Nessuno si aspettava le sue dimissioni, nonostante la tensione fosse già diventata insostenibile.

“La prima volta che ho parlato con l’Argentina come ministro dell’Economia della nazione, ho detto che il nostro obiettivo era rassicurare l’economia”, ha scritto Guzmán nella lettera di dimissioni che ha inviato al presidente e può essere letta sui suoi social network. “Questo concetto potrebbe non suscitare molto entusiasmo per molti, ma mi è sempre sembrato (e mi sembra) che rassicurare l’economia costituisse una vera epopea”, ha aggiunto, riferendosi alle richieste del kirchnerismo di fare maggiore spesa pubblica e moneta come arma per riattivare l’economia.

Guzmán è arrivato al governo Fernández nel dicembre 2019 per mano di Joseph Stiglitz

Guzmán è arrivato al governo Fernández nel dicembre 2019 per mano di Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia, suo tutor alla Columbia University, negli Stati Uniti. Esperto in processi di rinegoziazione del debito estero, la sua missione era concordare un nuovo calendario dei pagamenti delle obbligazioni argentine che il governo di Mauricio Macri aveva lasciato in una situazione di default. Il 31 agosto 2020, otto mesi dopo l’insediamento, il ministro ha chiuso con successo la ristrutturazione del debito in dollari con creditori privati. Il 93,5% degli obbligazionisti ha accettato l’offerta governativa e l’effetto carryover delle clausole di azione collettiva ha portato la percentuale al 99%.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

Praticamente tutto un debito di quasi 68 miliardi di dollari è stato scambiato con nuove obbligazioni, con tassi di interesse più bassi (dal 7% al 3,07% medio annuo) e scadenze più lunghe, il che significava un risparmio per il Paese di 37 miliardi di dollari. Il successo di quel negoziato è stato rapidamente oscurato dalle ricadute economiche della pandemia. Il PIL argentino è sceso di quasi il 10% nel 2020, mentre è stata posticipata la rinegoziazione del salvataggio finanziario di 44 miliardi di dollari che il FMI aveva consegnato a Macri nel 2018. I negoziati con il Fondo hanno segnato l’inizio del deterioramento dei rapporti tra il presidente Fernández e Kirchner.

La vicepresidente ha chiesto una mano ferma con il Fondo, che ha accusato di aver cercato di finanziare la rielezione di Macri con un prestito che l’Argentina non è stata in grado di rimborsare. Per questo ha chiesto una riduzione del capitale e termini molto più lunghi di quelli che il Fondo era disposto a concedere. Quando Fernández e Guzmán hanno annunciato l’accordo con il FMI il 28 gennaio di quest’anno, la rottura nella guida del governo peronista è stata completa.

L’Argentina sta attraversando una combinazione fatale di un aumento del volume di energia importata, dovuto all’inverno, e dei prezzi internazionali a causa della guerra in Ucraina. Il conto è aumentato di miliardi di dollari da gennaio e la Banca Centrale non ha abbastanza dollari per saldarlo. Tuttavia, il ministro Guzmán è sembrato fermo nella sua posizione.

Martedì ha potuto rinnovare titoli di debito in pesos per l’equivalente di circa 2.000 milioni di dollari. L’Argentina sta ora entrando in una nuova fase di incertezza, con un presidente sempre meno potere e un vicepresidente che ha deciso di intensificare la guerra contro chiunque fosse il suo delfino politico. Quando si conoscerà il nome del successore di Guzmán, si saprà chi avrà perso di più in questa battaglia.