Economia mondiale verso il default: Covid e Guerra in Ucraina le cause

L’inflazione ha sconvolto tutti i piani, e la economia mondiale sta entrando in sofferenza. Gli aumenti dei tassi di interesse comporteranno quanto meno una notevole decelerazione del ritmo di crescita.

Christine Madeleine Odette Lagarde
Christine Madeleine Odette Lagarde – NanoPress.it

Negli ultimi mesi il mondo ha vissuto una catena di eventi che hanno cambiato notevolmente le prospettive economiche. Lo scorso ottobre, durante la presentazione delle sue prospettive autunnali, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha dichiarato che “la ripresa globale è in corso nonostante la recrudescenza della pandemia”. Quindi, l’organismo presieduto da Kristalina Georgieva prevedeva una crescita globale del 4,9% nel 2022. A gennaio di quest’anno, però, la sua proiezione sul PIL mondiale è stata abbassata al 4,4% e ad aprile è stata ulteriormente ridotta, lasciandola al 3,6%.

FMI “Il danno economico inflitto dalla guerra provocherà un significativo rallentamento della crescita”

La guerra in Ucraina ha innescato una crisi umanitaria che richiede una soluzione pacifica. Allo stesso tempo, il danno economico inflitto dalla guerra provocherà un significativo rallentamento della crescita”, ha riconosciuto il FMI nelle sue prospettive primaverili. Come se fosse una di quelle composizioni fatte con il domino, la decisione di Vladimir Putin di entrare in Ucraina con sangue e fuoco ha destabilizzato il resto del board economico.

L’inflazione, che già a fine 2021 si era svegliata a causa delle strozzature causate dal risveglio della domanda dopo le restrizioni imposte dal covid-19, ha raggiunto livelli che non si vedevano da quattro decenni, principalmente a causa del forte rimbalzo dell’energia costi. Quella che inizialmente era vista come una situazione transitoria si è radicata con lo stallo del conflitto armato e l’arrivo della temuta seconda ondata inflazionistica. Lasciando cadere il totem dell’inflazione, a causare la crisi sono stati anche i tassi di interesse.

L’anno scorso le principali banche centrali hanno tracciato una tabella di marcia per il ritiro degli incentivi, dopo due anni con tassi di interesse negativi e acquisti di titoli pubblici a distanza ravvicinata, per dare alle economie una respirazione assistita dopo lo shock pandemico. Quella strategia basata su un graduale aumento del prezzo del denaro – prima negli Stati Uniti perché in una fase più avanzata del ciclo – e accompagnata da una graduale riduzione dei suoi bilanci rigonfi, è diventata lettera morta il 24 febbraio quando Putin ha inasprito il pulsante rosso di invasione.

La Federal Reserve, la Banca d’Inghilterra e la Banca Centrale Europea sono state tutte costrette a girare bruscamente al timone per accelerare i rialzi dei tassi nel tentativo di soffocare l’inflazione. In un mondo dedito alla liquidità dalla Grande Recessione innescata dalla crisi finanziaria del 2008, una politica monetaria molto più restrittiva di quanto previsto solo pochi mesi fa, è un duro colpo per le prospettive di crescita, soprattutto in un momento in cui Il grande motore degli ultimi anni per il PIL mondiale, la Cina, sta affrontando notevoli squilibri nel suo modello economico, a cui ora si aggiunge una rischiosa politica covid-zero.

Di questo passo fra due trimestri saremo in recessione

Al momento, il consenso degli analisti parla solo del fatto che siamo di fronte a un significativo rallentamento del ritmo di crescita —le ultime proiezioni del FMI per aprile sono già superate—, ma pochi si avventurano a citare la parolaccia: recessione (tecnicamente, due trimestri consecutivi di crescita negativa). I mercati azionari, che di solito sono il campanello d’allarme per la loro capacità di anticipare le tendenze, hanno accumulato negli ultimi due mesi notevoli ribassi. La guerra in Ucraina ha già abbattuto due gettoni (inflazione e tassi di interesse) e ora punta al prossimo (crescita).

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen – NanoPress.it

 

L’economia europea cammina su una stretta passerella cercando di mantenere il proprio equilibrio di fronte all’assalto di due forze: da un lato, quella che stampa un’inflazione virulenta stimolata dal rialzo dei prezzi dell’energia. E all’altro, quello di un rapido rallentamento dell’attività. Entrambi acquistano maggiore intensità con il proseguimento dell’invasione dell’Ucraina, che ancora una volta offusca la linea di uscita dalla crisi causata dalla pandemia, e ritarda la piena ripresa in paesi come Spagna e Germania rispetto alla fine del 2019.

Tutto indica che l’Europa meridionale è si prepara a deflagrare quest’estate con il suo litorale popolato di segni pieni di incertezze dopo due anni di restrizioni. Tuttavia, la ripresa potrebbe slittare nuovamente su una qualsiasi delle curve che potrebbe incontrare in autunno: l’escalation della guerra, le strozzature create dal lockdown di Pechino o l’inasprimento della politica monetaria. Il recovery fund europeo, dotato di 800 miliardi fino al 2027, si pone come grande cuscinetto nei prossimi mesi. L’invasione dell’Ucraina ha subito colpito l’attività economica nella zona euro.

I paesi a moneta unica hanno iniziato l’anno con un anticipo dello 0,3%, secondo Eurostat. In Spagna, che nell’ultimo tratto del 2021 si stava espandendo di oltre il 2%, quel passo avanti è stato addirittura inferiore di un decimo. L’ultimo rapporto del FMI, dello scorso aprile, prevede una crescita del PIL nell’area del 2,8% per quest’anno e del 2,3% per il prossimo. Tra le grandi economie del blocco spicca la Spagna, con un’espansione del 4,8% nel 2022 e del 3,3% nel 2023.

Con queste previsioni in mano, difficilmente si fa menzione della temuta stagflazione. Tuttavia, quei numeri rappresentavano una riduzione di 1,5 punti della crescita prevista per quest’anno e un aumento dell’inflazione media al 5,3%. E da allora, tutte le organizzazioni internazionali hanno seguito questa tendenza: hanno abbassato la proiezione di espansione della zona euro, mentre hanno alzato l’inflazione.