Marc Ouellet: il cardinale, vicino al Vaticano, è accusato di abusi sessuali

La Chiesa Cattolica di nuovo nelle prime pagine delle cronache per presunti abusi sessuali di un altissimo prelato, Marc Ouellet, nei confronti di un centinaio di persone.

Marc Ouellet
Marc Ouellet – NanoPress.it

Il denunciante, ex borsista della diocesi del Quebec, ha aggiunto il nome del prelato a una class action contro 88 rappresentanti e lavoratori della Chiesa. Il suo nome compare in una denuncia collettiva presentata da oltre 100 vittime contro la diocesi del Quebec e che indica 88 persone tra rappresentanti della Chiesa e dipendenti locali dell’istituzione presumibilmente responsabili di aggressioni sessuali degli anni ’40.

Marc Ouellet, che è stato arcivescovo del Quebec dal 2002 al 2010, al momento non deve affrontare alcuna accusa penale

Ouellet, che è stato arcivescovo del Quebec dal 2002 al 2010, al momento non deve affrontare alcuna accusa penale, ha rivelato un’indagine di Radio-Canada. Il caso risale proprio a quegli anni. La vittima, ex stagista, è una donna che si identifica come F., che stava svolgendo un tirocinio volontario come agente pastorale. Gli abusi, secondo la querela, sarebbero avvenuti durante eventi pubblici.

“Mi ha afferrato e poi… le sue mani sono scese molto sulla mia schiena“, ha detto il denunciante, che ha riferito cosa è successo al programma Enquête. “Abbastanza invadente, diciamo, essere il mio superiore, l’arcivescovo del Quebec“. Secondo la sua versione, il cardinale gli avrebbe detto che non c’era niente di male nel socializzare un po’. “Questo mi ha fatto sentire molto a disagio”, si è lamentata. Questo comportamento si è ripetuto più volte. “Mi sono sentito perseguitato.

È diventato sempre più invasivo, sempre più intenso, al punto che ho smesso di partecipare agli eventi. Ho cercato di evitare il più possibile la sua presenza”, ha continuato la vittima. L’arcidiocesi del Quebec è a conoscenza delle accuse mosse contro il cardinale, come ha riconosciuto quando le è stato chiesto, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente la denuncia. L’avvocato che rappresentava i denuncianti ha ricordato che Ouellet aveva allora, come arcivescovo, l’ultima parola sui contratti del personale dell’istituzione.

Ouellet è tornato in Vaticano nel 2010 ed è stato promosso prefetto del Dicastero dei Vescovi

“A quel tempo, hai una giovane donna di circa 20 anni di fronte a un uomo potente in una posizione di autorità, conosciuto in tutto il mondo all’epoca, che aveva forse 60 anni”, ha sottolineato l’avvocato. Inoltre, quando la vittima ha deciso di parlare della sua angoscia per l’ambiente, le è stato detto che il cardinale è un uomo espansivo e che non era l’unica donna ad aver sofferto con lui questo tipo di “problemi”, secondo il testo della denuncia.

Papa Francesco
Papa Francesco – Nanopress.it

Un sacerdote che in quel momento era agli ordini del cardinale della diocesi e che ha accettato di offrire la sua testimonianza in condizione di anonimato, ha affermato in un colloquio con Radio-Canada che si stavano sentendo voci sulla condotta di Ouellet, che ora è 78 anni. . Quando ha sentito la storia della donna che si lamentava, le ha creduto. “E’ venuto come sceriffo che è venuto a mettere ordine nella diocesi del Quebec, lo hanno mandato da Roma”, ha ricordato.

Ouellet è tornato in Vaticano nel 2010 ed è stato promosso prefetto del Dicastero dei Vescovi, l’organismo che seleziona gli alti funzionari della Chiesa. Nello stesso anno divenne cardinale. Nel 2018 il cardinale ha messo insieme una strenua difesa del Papa quando è stato accusato dall’ex nunzio a Washington, Carlo Maria Viganò, di aver coperto gli abusi del cardinale Theodore McCarrick e ne ha chiesto le dimissioni.

La denuncia, che documenta casi ancora più gravi che coinvolgono funzionari del clero meno importanti di Ouellet, arriva tre settimane dopo che papa Francesco ha intrapreso un viaggio pastorale in Canada. Durante il viaggio, che lo stesso Pontefice ha definito un “pellegrinaggio penitenziale“, si è scusato per gli abusi della Chiesa nei vecchi convitti per minori indigeni. Le scuse del Papa hanno suscitato commozione; tuttavia, non sono piaciute a tutti e hanno anche suscitato critiche per non essere andate oltre le parole.