Bruxelles vuole fermare l’avanzata di Cina e Russia in America Latina

A Bruxelles un documento interno della Commissione avverte che l’UE sta pericolosamente perdendo terreno in alcuni paesi cruciali per preservare l’ordine multilaterale e l’approvvigionamento di materie prime.

Ursula Von Der Leyen
Ursula Von Der Leyen – Nanopress.it

Allarme nell’Unione Europea per l’avanzata della Russia e, soprattutto, della Cina, nei paesi dell’America Latina, regione tradizionalmente legata politicamente ed economicamente all’Occidente. In vista del 2023 Bruxelles sta preparando una controffensiva diplomatica e commerciale per tentare di riprendere posizioni nell’area, secondo un documento inviato ai ministri degli Esteri Ue.

Bruxelles trascura da quasi un decennio le sue relazioni con l’America Latina

Il testo mette in guardia dal sentimento di ritiro europeo in molti dei 33 Paesi dell’area, uno spazio che viene occupato dagli interessi economici di Pechino e dall’influenza politica di Mosca. L’Unione Europea trascura da quasi un decennio le sue relazioni con l’America Latina: dal 2015 non si tiene un vertice tra le due regioni. Il club della comunità ha concentrato quel tempo sui problemi dei suoi immediati quartieri, come la Libia, la Siria o ora l’Ucraina.

La Cina, invece, ha moltiplicato di 26 i suoi investimenti nella regione tra il 2000 e il 2020 “ed è il primo o il secondo partner commerciale più importante dei Paesi dell’America Latina e dei Caraibi, spiazzando l’Ue e superando in molti Paesi gli Stati Uniti” , avverte il documento preparato dal Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE), guidato dal vicepresidente della Commissione Josep Borrell.

Il rapporto sottolinea che 21 dei 33 paesi dell’area hanno aderito alla cosiddetta Nuova Via della Seta, il piano di Pechino per espandere le sue relazioni commerciali in tutto il pianeta. Bruxelles cercherà di fermare la crescente distanza con l’America Latina con un “salto di qualità”, secondo il documento, nell’intensità delle relazioni e dei contatti, che dovrebbe culminare con un vertice ai massimi livelli durante la presidenza spagnola dell’Ue (seconda metà del 2023).

La strada per questo grande evento ha già iniziato a schiarirsi, con la convocazione di un vertice a livello ministeriale a Buenos Aires il prossimo ottobre.”È in gioco la credibilità dell’Ue, il suo potere e la sua capacità di fare leva sulla scena internazionale”, avverte il documento preparato dal dipartimento di Borrell. L’alto rappresentante anche della politica estera dell’Ue si è posto l’obiettivo fin dall’inizio del suo mandato, alla fine del 2019, di riguadagnare presenza e influenza in America Latina.

“La chiave sarà avere un’agenda di misure che aiutino i paesi latinoamericani a superare le conseguenze macroeconomiche del conflitto in Ucraina”

Ma la pandemia ha impedito legami più stretti. E l’invasione russa dell’Ucraina ha rivelato che non solo l’Europa ha perso molto terreno a favore della Cina, ma che molti paesi dell’America Latina non condividono la risposta europea alla guerra lanciata dal presidente russo Vladimir Putin.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

“La chiave sarà avere un’agenda di misure che aiutino i paesi latinoamericani a superare le conseguenze macroeconomiche del conflitto in Ucraina”, raccomanda Javi López, eurodeputato e presidente della delegazione europea all’Assemblea parlamentare euro-latinoamericana. López sottolinea che la regione sta affrontando una tempesta economica perfetta, “con aumenti dei tassi di interesse e spazio fiscale esaurito”.

Il governo del presidente Volodímir Zelensky è consapevole del potenziale divario che il sostegno internazionale all’Ucraina potrebbe subire in America Latina. Kiev ha intensificato i contatti nell’area per evitare un allineamento della regione con Putin. Zelenski ha ricevuto di persona il presidente guatemalteco e ha mantenuto i contatti con il nuovo governo di Boric, con il quale ha anche discusso della possibilità che esperti di sminamento cileni aiutino in territorio ucraino.

Il presidente ucraino si è rivolto mercoledì ai governanti e ai cittadini dell’America Latina attraverso una videoconferenza trasmessa all’Università Cattolica del Cile. “La Russia cerca di impedire il contatto dell’Ucraina con i paesi dell’America Latina“, ha affermato il funzionario, che ha anche esortato a “diffondere la verità” nella regione sull’invasione russa. Tuttavia, i contatti sono stati piuttosto freddi — “corretti”, nella valutazione data da fonti diplomatiche — con due colossi come Brasile e Argentina, dove la simpatia del governo nei confronti di Putin lascia pochi dubbi.

Un gran numero di paesi dell’America Latina si sente deluso anche dall’UE, che si è dimostrata incapace di portare a termine gli accordi di libero scambio negoziati o rinegoziati da anni. Il patto con il Mercosur —la quinta area economica fuori dall’UE, composta da Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay— e l’aggiornamento degli accordi con Messico e Cile continuano ad essere impantanati dal processo di ratifica e dalle obiezioni della comunità partner come la Francia.