Mali: gli jihadisti attaccano la base militare dove vive il presidente

Le autorità del Mali assicurano che ci sono stati solo danni materiali e che due terroristi sono stati uccisi.

Il colonnello Assimi Goïta
Il colonnello Assimi Goïta – NnoPress.it

Questo venerdì mattina c’è stato un attacco con due auto cariche di esplosivo e colpi di mortaio contro la base militare di Kati, dove risiede il presidente del Mali, il colonnello Assimi Goïta, e vero centro di potere della giunta militare che dirige il Paese. Sia il capo di stato che il ministro della Difesa, Sadio Cámara, erano in caserma al momento dell’attacco.

Le autorità del Mali assicurano che si tratta di un “attacco terroristico”

Le autorità assicurano che si tratta di un “attacco terroristico” in stile jihadista che ha causato solo danni materiali e che due degli aggressori sono morti, in un contesto di crescente deterioramento dei rapporti tra la giunta militare e l’Occidente e di peggioramento della situazione in condizioni di sicurezza in pieno ritiro militare francese dal paese. L’incidente è avvenuto questo venerdì intorno alle cinque del mattino.

I residenti di Kati hanno sentito una forte esplosione, attribuita alle due autobombe riconosciute dall’esercito, seguita da un intenso fuoco di artiglieria pesante. La base militare non è solo la più importante del Paese, ma anche la residenza del Presidente e del Ministro della Difesa e ospita il principale arsenale militare maliano. Kati ha dato origine agli ultimi tre colpi di stato subiti dal Mali, sia nel 2012 che nel 2020 e nel 2021.

Immediatamente le autorità hanno ordinato la chiusura dell’aeroporto internazionale di Bamako, che è stato poi riaperto, e diversi elicotteri hanno sorvolato la capitale, ai cui ingressi, uscite e valichi principali erano installati posti di blocco militari. Ore dopo, il servizio di comunicazione delle Forze armate ha pubblicato una dichiarazione tramite Twitter in cui affermava che si trattava di “un attacco terroristico” che era stato respinto.

“La situazione è sotto controllo e c’è un’operazione di localizzazione per catturare gli autori e i loro complici”, si legge nella nota. Accade così che questo venerdì sia stato programmato un incontro tra l’inviato speciale della Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale, Goodluck Jonathan, che si trova a Bamako per questo scopo, e il presidente Goïta.

Lo scorso maggio le autorità hanno annunciato di aver disattivato un tentativo di colpo di stato guidato dal colonnello Amadou Keïta, insoddisfatto della deriva filo-russa del regime militare. Il grave incidente di Kati, che fino ad ora non era stato oggetto di alcun attacco, si verifica appena un giorno dopo una grande offensiva jihadista con un massimo di sei attacchi simultanei a postazioni militari, una delle quali a Kolokani, a cento chilometri da Bamako, che le autorità attribuiscono alla katiba Macina legata ad Al Qaeda.

Il resto degli attacchi è avvenuto a Douentza, Koro, Thy, Bapho e Ségou

Il resto degli attacchi è avvenuto a Douentza, Koro, Thy, Bapho e Ségou, con il risultato di due soldati morti e 15 feriti, oltre a sette terroristi morti. Contestualmente viene finalizzato il ritiro delle truppe francesi che combattono il jihadismo in Mali, che dovrebbe concludersi nei prossimi giorni con il trasferimento della base di Gao all’esercito maliano, nonché della forza europea Takuba, la presenza attraverso istruttori e mercenari della compagnia privata Wagner stanno guadagnando forza.

Bandiera jihadista
Bandiera jihadista – Nanopress.it

Nelle ultime settimane si è aperto un nuovo fronte nel deterioramento dei rapporti tra i Paesi occidentali e la giunta militare, dopo aver paralizzato le rotazioni della missione delle Nazioni Unite (Minusma) e ordinato l’espulsione del portavoce della stessa, Olivier Salgado, dopo l’arresto di 49 soldati ivoriani che facevano parte della Minusma, accusati da Bamako di tentativo di destabilizzazione.

L’Unione Europea ha anche paralizzato l’addestramento dei soldati maliani nell’ambito della missione EUTM, a cui la Spagna ha una partecipazione notevole con un massimo di mezzo migliaio di soldati, e ne sta studiando il futuro. L’innesco di questa decisione è stato il massacro di Moura, in cui circa 300 civili sono stati uccisi nel centro del Paese da soldati maliani con l’appoggio di mercenari russi.

Ma è stata proprio la crescente presenza delle truppe di Putin nel Paese ad aver guidato a questa decisione, annunciata dall’alto rappresentante per la politica estera dell’UE, Josep Borrell, lo scorso aprile. Questa settimana il ministro degli Esteri spagnolo, José Manuel Albares, si è recato in Senegal e in Mauritania alla ricerca di consolidare i suoi rapporti con alleati più affidabili nella regione, sia nella lotta al jihadismo che contro l’emigrazione clandestina.