Macron perde la maggioranza assoluta alle elezioni legislative francesi

Le elezioni legislative sono state un fallimento per il presidente Macron, che subisce una battuta d’arresto che lo costringerà ad accettare dei compromessi per governare.

Macron
Macron – NanoPress.it

La Francia è entrata in un territorio inesplorato. I francesi hanno sanzionato Emmanuel Macron oggi, nel secondo turno delle elezioni legislative. La coalizione macronista, Ensemble, continuerà ad essere quella che avrà più deputati rispetto alle altre, ma è tutt’altro che una maggioranza assoluta.

La sinistra di Mélenchon e l’estrema destra di Le Pen salgono

E, dopo aver governato per un periodo di cinque anni senza opposizione, il presidente sarà costretto a cercare compromessi in un’Assemblea nazionale con una forte opposizione di sinistra e di estrema destra. Il paese ha due alternative: o imparare la cultura del consenso, esotica nel suo sistema presidenziale, o essere condannato all’ingovernabilità. Il correttivo è severo per il Presidente della Repubblica, appena due mesi dopo essere stato comodamente rieletto.

La sua coalizione perde 100 o più seggi per rimanere con un range compreso tra 230 e 240, secondo la proiezione dell’istituto Ifop. Al secondo posto, con un numero compreso tra 165 e 175 seggi, ci sarebbe la Nuova Unione Popolare Ecologica e Sociale (NUPES), l’alleanza di populisti, socialisti, ambientalisti e comunisti di sinistra guidata da Jean-Luc Mélenchon. Oltre al crollo di Macron e all’emergere dell’alleanza di sinistra come principale forza di opposizione, l’altra novità della notte elettorale è l’ascesa del National Rally (RN) di Marine Le Pen, che passa da otto deputati a tra 80 e 85 , secondo la stessa proiezione.

L’astensione, secondo queste stime, è intorno al 54%, un punto e mezzo in più rispetto al primo turno, domenica scorsa, ma 3,4 punti in meno rispetto al secondo turno del 2017. Trattandosi di proiezioni, questi risultati potrebbero variare alla fine del il conteggio. “Questa situazione costituisce un rischio per il nostro Paese date le sfide sia a livello nazionale che internazionale”, ha affermato il primo ministro Élisabeth Borne dopo un incontro di tre ore con Macron.

A partire da domani lavoreremo per costruire una maggioranza di azione”, ha aggiunto. In Francia inizia una nuova era politica, dopo un quinquennio in cui Macron, con una maggioranza assoluta di 345 su 577 deputati, ha saputo governare con mano libera e l’Assemblea nazionale si è limitata, nella maggior parte dei casi, a dare l’approvazione alle iniziative di un presidente che concentrava su di se tutti i poteri. I francesi mandano un segnale a Macron: vogliono imporre dei limiti al suo potere. Non sarà più in grado di comandare da solo.

Il suo intero programma di riforma è sospeso e non è certo che avrà le maggioranze necessarie per applicarlo. In discussione anche la sua capacità strategica: fiducioso nella facilità di vittoria dopo aver vinto le elezioni presidenziali, ha deciso di condurre una campagna di basso profilo. Ensemble potrebbe raggiungere la maggioranza assoluta con un’alleanza con la destra moderata di Los Republicanos (LR). Secondo Ifop, LR avrà tra i 62 ei 68 deputati. “Continueremo all’opposizione”, ha avvertito Christian Jacob, presidente di LR.

Macron non è più in grado di comandare da solo

“Il disastro, per il partito presidenziale, è totale e non ha più la maggioranza”, ha detto Mélenchon, che non ha escluso che, alla fine del conteggio, il NUPES fosse la coalizione con il maggior numero di deputati. Le Pen, dal canto suo, ha dichiarato: “Incarneremo una ferma ma rispettosa opposizione alle istituzioni”. Diversi ministri di Macron sono stati candidati alle elezioni legislative e hanno perso, tra cui il capo della Transizione Ecologica, Amélie de Montchalin, e quello della Salute, Brigitte Bourguignon.

Jean Luc Mélenchon
Jean Luc Mélenchon – NanoPress.it

Devono lasciare l’incarico, secondo la regola stabilita dal Palazzo dell’Eliseo. Il presidente uscente dell’Assemblea nazionale, Richard Ferrand, amico e alleato del presidente, ha perso in Bretagna. E il capo della maggioranza macronista, Christophe Castaner, nelle Alpes de Haute Provence. In una posizione delicata c’è anche il nuovo primo ministro, Borne, eletto per un pelo nel suo collegio elettorale della Normandia. Il suo futuro è incerto.

L’Assemblea nazionale rifletterà, più fedelmente che mai, lo schema tripartito —centro, alleanza di sinistra ed estrema destra— che ha dominato la politica francese da quando Macron ha preso il potere nel 2017. Le voci anti-sistema saranno ascoltate di più e avranno peso maggiore nella vita parlamentare. E il malcontento sociale si rifletterà nell’emiciclo. Se fallisce nel tentativo di formare maggioranze, il Presidente della Repubblica ha la possibilità di sciogliere l’Assemblea e di convocare nuove legislative.

In Francia, dopo queste elezioni legislative, si inaugura un periodo senza elezioni, fino a quelle europee del 2024. Si chiude un ciclo elettorale iniziato nel 2019 proprio con quelle europee, proseguito nel 2020 con quelle comunali, nel 2021 con le regionali quelli e nel 2022 con quelli presidenziali e legislativi. In ciascuna di queste elezioni, l’astensione ha battuto i record o è stata vicina. I francesi cominciavano già a sentire la stanchezza elettorale.

La corsa per succedere a Macron nel 2027 è iniziata e l’esito delle elezioni legislative potrebbe minare la sua autorità. Macron non può candidarsi per il terzo mandato consecutivo. Tra i suoi alleati, l’ex premier Édouard Philippe – oggi leader del nuovo partito Orizzonti – e l’attuale ministro dell’Economia Bruno Le Maire non nascondono le loro ambizioni.

Il futuro di Mélenchon

Un’altra incognita: che ne sarà di Mélenchon, leader indiscusso della nuova sinistra e uno dei vincitori di queste elezioni, ma che non si è candidato a queste elezioni legislative e, quindi, è rimasto senza il presidente del seggio in Nazionale Assemblea. Non avrà raggiunto, secondo le proiezioni, il suo obiettivo di guidare la prima forza parlamentare e costringere così Macron a nominarlo primo ministro, ma ha riportato la sinistra malata al centro della politica francese.

Marine Le Pen
Marine Le Pen – NanoPress.it

Al primo turno, il 12 giugno, Ensemble ha ottenuto il 25,75% dei voti. NUPE, 25,66%. La campagna è stata organizzata come un duello tra Macron e Mélenchon. Macron ha presentato Ensemble come il partito dell’ordine e ha avvertito che una vittoria per i melenchonisti significherebbe “aggiungere il disordine francese al disordine mondiale”. “Il caos è Macron!” rispose Mélenchon.

La priorità di Macron era l’approvazione, in Assemblea Nazionale, del piano per proteggere il potere d’acquisto dei francesi dall’inflazione. In autunno dovrebbe arrivare la svolta della sua riforma più complicata, rinviata nei primi cinque anni dopo settimane di scioperi e manifestazioni e l’arrivo del covid. Questa è la riforma delle pensioni, che dovrebbe portare l’età pensionabile dagli attuali 62 anni a 64 o 65 anni.

Resta da vedere se il Presidente avrà abbastanza delegati per approvare questi piani. La sinistra si era mobilitata con un programma per ridurre l’età pensionabile a 60 anni, aumentare il salario minimo a 1.500 euro al mese e controllare i prezzi dei beni di prima necessità. Ogni partito membro del NUPES dovrebbe avere il proprio gruppo parlamentare. Il rischio è che, date le differenze tra europeisti ed euroscettici o tra sostenitori del libero mercato e anticapitalisti, l’alleanza si spezzi.

La nuova legislatura, la XVI, sarà ufficialmente inaugurata il 28 giugno con l’elezione del presidente dell’Assemblea nazionale e la formazione dei gruppi. Nel frattempo, Macron potrebbe dover rimescolare il governo formato a maggio dopo le elezioni presidenziali. A luglio il premier Borne, o chi le succede se dovesse lasciare l’incarico, potrebbe pronunciare in Parlamento il cosiddetto discorso di politica generale e chiedere il voto di fiducia. Non è obbligatorio. Con la nuova Assemblea nazionale, non sarebbe stato facile come i suoi predecessori.