Le Pen ottiene il suo miglior risultato in una legislatura

Il Raggruppamento Nazionale guidato da Marine Le Pen raaggiunge almeno 89 deputati nell’assemblea legislativa nazionale. Finora, la formazione di estrema destra era lontana dal potere nazionale e locale.

Marine Le Pen
Marine Le Pen – NanoPress.it

Ha vinto meno deputati del macronismo o dell’alleanza di sinistra NUPES, ma la leader di estrema destra Marine Le Pen ha celebrato questa domenica, come una vera vittoria i risultati del secondo turno delle elezioni legislative in Francia, che hanno regalato al suo partito, Raggruppamento Nazionale (RN), almeno 89 seggi, secondo i dati ufficiali con il 97% dei voti contati.

Il partito della Le Pen dopo 34 anni forma un gruppo in Parlamento

La formazione di destra potrà formare un proprio gruppo parlamentare -per il quale sono necessari almeno 15 deputati- per la prima volta in tre decenni. Diventa anche la terza forza dell’Assemblea nazionale, in una camera in cui finora aveva una presenza marginale di otto deputati. I suoi risultati superano tutte le previsioni degli istituti demografici, che prevedevano un range compreso tra 25 e 50 seggi.

Finora, nonostante il suo costante aumento di voti, RN era un partito che non poteva davvero toccare il potere istituzionale, nazionale, regionale o locale, dove gestisce solo una manciata di città, per lo più piccole. I risultati di questa domenica, però, potrebbero indicare un cambiamento in quello scenario. “Faremo un’opposizione ferma, responsabile, rispettosa delle istituzioni”, ha promesso domenica Le Pen dal suo feudo di Hénin Beaummont, nel nord del Paese, dove ha riconvalidato il suo seggio.

Secondo la leader di RN, con questi risultati la loro formazione raggiunge i suoi obiettivi: “Fare di Emmanuel Macron un presidente di minoranza, e costituire un gruppo determinante contro i responsabili della decostruzione dall’alto, i Macronisti, e da in basso, l’estrema sinistra” di NUPES. Anche il presidente ad interim della RN, Jordan Bardella, ha celebrato quello che ha definito uno “tsunami” elettorale. “Saremo la vera forza di opposizione”, ha detto, riferendosi al fatto che NUPES ha posizioni diverse su molte questioni chiave che potrebbero dividere la sua alleanza nell’emiciclo.

Nei suoi quasi cinque decenni di esistenza, il partito di estrema destra era riuscito ad avere un proprio gruppo parlamentare solo una volta, tra il 1986 e il 1988, dopo aver conquistato 32 seggi. All’epoca, il partito era ancora chiamato Fronte Nazionale ed era guidato dal padre di Marine Le Pen, Jean-Marie. Ma soprattutto era ancora in vigore il sistema proporzionale e non quello attuale, una maggioranza a due turni, che ha costantemente consentito di fermare i candidati estremisti, attivando il fronte repubblicano o il cordone sanitario contro l’estrema destra.

Fino ad ora. I risultati delle elezioni legislative rappresentano una clamorosa spinta per una Marine Le Pen che, dopo la debacle delle elezioni legislative del 2017, molti avevano dichiarato politicamente morta. Sebbene sia arrivato anche alla finale delle elezioni presidenziali, l’allora ancora Front National (Le Pen ha cambiato nome dopo la debacle legislativa), ha gestito a malapena otto deputati.

Zemmour è scomparso dai radar della politica

Una vittoria di Pirro vista la forza del suo voto (più di 10 milioni di francesi avevano votato poche settimane prima per la presidenza di Le Pen; nelle ultime elezioni presidenziali di aprile ha ottenuto fino a 13,2 milioni di voti, il 41,45% di voti).

Éric Zemmour
Éric Zemmour – NanoPress.it

È stata dichiarata nuovamente cadavere politico questo autunno, quando il suo rivale è uscito sul fianco destro: l’ancor più estremo Éric Zemmour, un controverso conduttore di talk show che intendeva impossessarsi dello spazio della destra e dell’estrema destra della Francia. Il suo duro discorso ha segnato gran parte dell’agenda di molti candidati alla presidenza e sembrava che il suo partito, Reconquista, avrebbe finito per inghiottire RN.

Figure importanti del partito di Le Pen, tra cui sua nipote ed ex delfino, Marion Maréchal, si sono uniti ai ranghi zemmouristi. Ma sei mesi dopo, il paesaggio è cambiato di nuovo drasticamente. Zemmour è arrivato quarto – ed eliminato – alle elezioni presidenziali. I suoi appelli a unire le forze con la RN alle elezioni legislative sono stati ignorati da Le Pen e alla fine nessun candidato Reconquista, nemmeno Zemmour, è riuscito a qualificarsi per il secondo turno.

Per il politologo Vincent Martigny, quanto accaduto finora con RN ha rappresentato una “anomalia democratica” appena corretta con i risultati a sorpresa di questa domenica: che ha ottenuto il 42% dei voti al secondo turno delle elezioni presidenziali e, addirittura quindi, non è la seconda forza parlamentare, è stata lasciata alle spalle il NUPES, con solo pochi deputati in più rispetto a partiti come il conservatore Los Republicanos (LR), che è arrivato quinto alle elezioni presidenziali.

“Non può essere. Non si può combattere la crisi della rappresentanza con un sistema che permette queste differenze, diceva la Le Pen. Un’anomalia che, per ora, trascende ancora i confini dell’aula parlamentare. Perché la RN di Marine Le Pen continua ad avere un problema centrale: il suo zoccolo elettorale non si trasforma proprio in potere istituzionale. Governa solo in una città di oltre 100.000 abitanti, Perpignan. L’anno scorso, ha fallito nel suo tentativo di prendere finalmente il potere in almeno una regione. E l’unico senatore che aveva, Stéphane Ravier, si è unito a Zemmour all’inizio dell’anno.