L’Ucraina presenta in Svizzera un piano di ricostruzione di 720 miliardi

L’Ucraina afferma che il programma sarà finanziato principalmente con i beni confiscati alla Russia e gli oligarchi sanzionati.

Zekensky
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

L’offensiva russa in Ucraina continua e si trincera a poco a poco come un laccio emostatico sul campo di battaglia. Intanto, nella Svizzera tranquilla e neutrale, lontana dal fango e dalla furia, è giunto il momento di parlare di quello che verrà dopo: di ricostruzione e anche di come finanziarla. L’Ucraina ha svelato lunedì nella città di Lugano un ambizioso piano da 720 miliardi di euro, in cui il governo di Kiev ha lavorato in fuga nelle ultime settimane.

L’Ucraina ha svelato lunedì un ambizioso piano da 720 miliardi di euro

Aperto alla partecipazione di tutti i tipi di paesi e istituzioni internazionali, la sua principale fonte di finanziamento dovrebbero essere i beni confiscati alla Russia e gli oligarchi sanzionati, hanno affermato le autorità ucraine. “Il nostro obiettivo non è solo restaurare vetro e cemento, ma costruire un nuovo Paese”, ha detto il primo ministro ucraino Denis Shmihal presentando la bozza di questo programma durante la Conferenza sulla ripresa dell’Ucraina.

L’evento è avvenuto oggi, sulle sponde del Lago di Lugano, con i vertici di Ucraina, Unione Europea, Regno Unito e diverse istituzioni e organizzazioni internazionali. L’idea è che questi aiuti servano come soccorso immediato, per un Paese che sta già entrando nel suo quinto mese di guerra e, allo stesso tempo, come trampolino di lancio verso la convergenza con il blocco comunitario, dopo che l’Ucraina è stata riconosciuta come candidata all’adesione.

Kiev ha delineato come la principale e più logica fonte di finanziamento di questo piano dovrebbero essere i beni confiscati alla Russia e agli oligarchi russi, una torta succosa stimata tra i 300 ei 500 miliardi di dollari (tra i 287 ei 479 miliardi di euro).

Questa misura è complessa da adottare, poiché nella maggior parte dei casi richiede la modifica della legislazione nazionale. Ma Bruxelles ha già mosso i primi passi per aprire le porte a renderlo possibile, equiparando la violazione delle sanzioni Ue contro la Russia a reati gravi come il terrorismo o la tratta di esseri umani, tra cui la confisca.

Le altre principali fonti di finanziamento sarebbero sovvenzioni e prestiti da organizzazioni finanziarie internazionali e paesi amici, investimenti del settore privato, contributi privati ​​di individui e aziende, oltre al bilancio dell’Ucraina, oggi esaurito da un aumento delle armi. L’UE, principale partner internazionale dell’Ucraina e destinazione finale nel suo cammino verso l’adesione, prevede di svolgere un ruolo chiave nella ricostruzione.

L’intenzione di Bruxelles è quella di coordinare gli aiuti attraverso una “piattaforma per la ricostruzione”

L’intenzione di Bruxelles è quella di coordinare gli aiuti attraverso una “piattaforma per la ricostruzione”, come l’ha definita la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo intervento a Lugano. “La piattaforma riunirà paesi, istituzioni, settore privato e società civile, i nostri partner da tutto il mondo, dalla Svizzera agli Stati Uniti”, ha sottolineato Von der Leyen, che ha incluso anche la Banca europea per la ricostruzione. e Sviluppo, la Banca Europea per gli Investimenti, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.

ursula von der leyen
ursula von der leyen – NanoPress.it

“La ricostruzione dell’Ucraina non è un progetto locale. Non è un progetto di una nazione, ma un compito comune a tutto il mondo democratico”, ha proclamato il presidente del Paese, Volodímir Zelenski, in un discorso in videoconferenza durante l’evento. Vestito di nero, ha cercato grandi parole che abbiano un forte impatto sulle bancarelle di una stanza piena di dignitari: “Restaurare l’Ucraina”, ha proseguito, “richiede grandi finanziamenti e un investimento colossale”.

Il piano, come ha indicato Shmihal nel suo discorso, è stato completato in sei settimane e si compone di migliaia di pagine. “Più di 3.000 esperti, funzionari e parlamentari ucraini e internazionali hanno [incarnato] la loro visione del tipo di paese che stiamo costruendo e, soprattutto, di come ripristineremo il nostro paese”, ha detto il primo ministro a un pubblico entusiasta applaudito ogni volta che veniva menzionata la candidatura dell’Ucraina all’UE.

Ad oggi, le perdite dirette di infrastrutture in Ucraina ammontano a oltre 100 miliardi di dollari, secondo i dati gestiti da Kiev: più di 1.200 istituzioni educative, più di 200 ospedali, oltre a migliaia di chilometri di gasdotti sono stati distrutti o danneggiati. strade, linee ferroviarie e infrastrutture della rete idrica ed elettrica.