La Turchia sequestra una nave russa col grano ‘rubato’ dall’Ucraina

La dogana della Turchia sta indagando sul carico della nave, partita da Berdyansk e che, secondo l’ambasciata ucraina, trasporta documenti delle autorità di occupazione russe.

Recep Tayyip Erdogan
Recep Tayyip Erdogan – NanoPress.it

Questo fine settimana la dogana turca ha sequestrato la nave battente bandiera russa Zhibek Zholy, ancorata nelle acque vicino al porto di Karasu, sulla costa turca del Mar Nero. Agenti turchi stanno indagando sull’origine del carico che trasportava su richiesta della Procura ucraina, che ne ha chiesto il sequestro adducendo che si tratta di grano rubato in Ucraina e perché proveniva dal porto ucraino di Berdyansk, sotto il controllo russo occupazione.

Non è la prima nave a trasportare cereali e altri prodotti agricoli presumibilmente rubati in Ucraina

L’ambasciatore ucraino ad Ankara, Vasili Bodnar, ha confermato che le indagini sulla nave sono in corso, anche se le autorità turche non hanno ancora comunicato l’esito. Una fonte del governo turco ha detto a Reuters che “le accuse sono oggetto di un’indagine approfondita” e che le autorità del Paese sono in contatto con la Russia, le Nazioni Unite e terze parti.

La scorsa settimana, Yevgeni Balitski, un funzionario dell’amministrazione di occupazione insediata dalla Russia nella regione ucraina di Zaporizhia, ha riferito che, dopo l’interruzione delle attività a causa della guerra, “la prima nave mercantile” aveva lasciato il porto ucraino di Berdiansk carica di grano destinato ai “paesi amici”, secondo le dichiarazioni raccolte dall’agenzia russa TASS.

L‘ufficio del procuratore generale ucraino ha identificato la nave come Zhibek Zholy, con una capacità di poco più di 7.000 tonnellate, e ha chiesto alle autorità turche di fermare la nave mercantile. Fonti ucraine stimano in 4.500 tonnellate di grano che sarebbero state caricate nel porto di Berdiansk e che, secondo la catena turca Haber Global, dovrebbero essere scaricate nel porto turco di Karasu per essere successivamente trasportate con camion a Konya e in altre province del Centro Anatolia, dove sono presenti un gran numero di industrie di farina.

I media turchi assicurano che lo Zhibek Zholy non ha ricevuto il relativo permesso per entrare nel porto di Karasu, quindi si è ancorato a un chilometro dalla costa, dove si trova tuttora. Non è la prima nave a trasportare cereali e altri prodotti agricoli presumibilmente rubati in Ucraina nei porti turchi. L’ambasciata ucraina nel Paese stima che circa un quarto delle oltre 400.000 tonnellate di grano rubate dalla Russia in Ucraina siano finite in territorio turco.

La Zhibek Zholy sequestrata in Turchia è di proprietà di una società kazaka

Ma è la prima volta che le autorità turche accolgono le richieste di kyiv di immobilizzare una di queste navi. “Il caso della Zhibek Zholy è molto particolare, perché è la prima volta che arriva con documenti dal territorio occupato in un porto turco, il che ha creato un’occasione unica per fermarla e chiedere alla Turchia di fermare la nave e confiscare il carico”, ha assicurato Bodnar.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Le precedenti navi con presunte granaglie trafugate, invece, sono arrivate in Turchia con documenti attestanti che il carico era di origine russa, con cui la dogana turca ne ha sempre autorizzato lo sbarco. L’ambasciatore ucraino considera il caso un tentativo “manifestamente illegale” da parte della Russia di utilizzare i porti occupati e di creare un precedente. “Quel porto ucraino è ufficialmente chiuso e, secondo la legge ucraina, è illegale usarlo.

Le nostre informazioni indicano inoltre che l’azienda è stata costretta a caricare questo grano rubato. Quindi hanno preso illegalmente questo grano, lo hanno caricato illegalmente e lo hanno trasportato illegalmente”, ha detto Bodnar. Ankara riconosce l’integrità territoriale dell’Ucraina (compresa la penisola di Crimea, occupata dalla Russia nel 2014) e i suoi regolamenti impediscono ai porti turchi di accettare merci dai territori occupati.

La Zhibek Zholy è di proprietà di una società kazaka, KTZ, ha confermato la società stessa a Reuters, sebbene sia noleggiato dalla linea verde russa. La società kazaka sta discutendo con le parti per chiarire la questione e se sia incorsa una violazione delle sanzioni internazionali.