Lo scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev accresce le critiche a Putin

I nazionalisti russi vedono il rilascio dei combattenti Azov, considerati neonazisti anche dal Cremlino e Putin, come un tradimento.

Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

Il leader ceceno si dice “estremamente insoddisfatto di questa decisione del Cremlino. ”Il presidente Vladimir Putin è riuscito a far arrabbiare in questi giorni tre grandi settori della società russa: gli oppositori liberali, gli ultranazionalisti e la grande massa degli indifferenti, coloro che hanno preferito non fare politica e ora vedono il suo arruolamento in guerra in Ucraina più da vicino.

Le decisioni di Putin creano malumore in Russia

L’ordine del presidente di reclutare centinaia di migliaia di cittadini nella sua crociata per ciò che lui chiama “denazificare” il suo vicino ha scatenato proteste a livello nazionale e una fuga precipitosa ai confini e agli aeroporti. Ma, ore dopo, ha fatto infuriare i sostenitori della guerra scambiando i combattenti demonizzati del battaglione Azov con un oligarca ucraino, Viktor Medvedchuk, la cui figlia il presidente è il padrino.

Il fatto che l’esercito ucraino si sia arreso alle acciaierie di Mariupol sia stato uno dei suoi principali trofei in questa guerra alimenta questa frustrazione. Il presidente ceceno, Ramzán Kadírov, è stato quello che ha alzato di più la voce: si è detto “estremamente insoddisfatto” dello scambio.

“Non ho autorità per commentare”, è stata l’unica risposta offerta questo giovedì dal portavoce del presidente, Dmitri Peskov, a una delle grandi domande del giorno, lo scambio dell’uomo d’affari e di 55 soldati russi per 200 ucraini tra i più odiati battaglione dalla narrazione che il governo russo ha dispiegato in questi mesi di guerra.

Quei combattenti hanno dominato per mesi le prime pagine e i resoconti dei media del Cremlino e la loro unità è stata dichiarata organizzazione terroristica dalla Corte Suprema ad agosto. Secondo Mosca, avevano arrestato alcuni dei massimi leader nazisti del paese, il loro obiettivo teorico numero uno.

Peskov ha anche rifiutato di commentare la trattativa per Medvedchuk, un caro amico di Putin e leader del partito filo-russo dell’opposizione ucraina Platform for Life. L’oligarca era evaso dagli arresti domiciliari due giorni dopo l’inizio della guerra, il 24 febbraio, ma è stato arrestato mentre cercava di fuggire dal Paese.

Il silenzio del portavoce di Putin contrastava con la distanza che ha mantenuto fino ad ora. “Riguardo allo scambio di cui stanno parlando con tanto entusiasmo a Kiev, [Medvedchuk] non è cittadino russo e non ha alcun legame con l’operazione militare, è una figura politica straniera”, aveva detto il 18 aprile.Lo scambio ha attirato critiche sui canali militari filo-russi di Telegram.

“Non ho autorità per commentare”, è stata la risposta dell portavoce del presidente, Dmitri Peskov

Per una delle voci più note dell’ultranazionalismo russo, il colonnello Igor Girkin Strelkov, questa iniziativa è stata “peggio di un crimine, peggio di un errore”. “È l’affondamento totale”, ha avvertito. Girkin, ex membro del Servizio di sicurezza federale russo (FSB) e uno dei comandanti che hanno incoraggiato la guerra del Donbas del 2014, prima di essere rimosso da Mosca, ha sottolineato sul suo canale Telegram che Medvedchuk “è stato colui che ha seppellito il progetto Novorossiya [il ipotetica nuova provincia russa in Ucraina], ha promosso gli accordi di Minsk e ha ingannato il Cremlino dicendo che lo Stato ucronazista poteva essere pacificato con misure politiche”.

Dmitry Peskov
Dmitry Peskov – NanoPress.it

“L’invio di uno solo dei terroristi Azov dovrebbe essere inaccettabile” Un’altra delle figure russe più arrabbiate è il leader ceceno. Kadirov ha così iniziato una dichiarazione contro le autorità russe: “Estremamente insoddisfatto dello scambio. Tutta questa situazione è incomprensibile per me. Ogni volta che sono state prese decisioni militari […] siamo stati consultati”.

Il presidente Kadyrov ha ricordato: “I nostri combattenti [ceceni] hanno schiacciato i fascisti a Mariupol e li hanno spinti ad Azovstal. Sono stati estratti da scantinati fumosi mentre morivano, erano feriti o erano rimasti scioccati. L’invio di uno solo dei terroristi Azov dovrebbe essere inaccettabile”, ha denunciato il leader ceceno, uno dei principali promotori della mobilitazione.

Nonostante le sue critiche, Kadyrov si è preso cura di sé con uno slogan di sostegno a Putin: “Certo, quanto sopra è un’opinione personale. Eseguiamo gli ordini del comandante in capo supremo!” Nonostante queste obiezioni, il filosofo Alexander Dugin, uno dei leader dell’ala più dura del Cremlino, ha evitato di esprimersi.

L’intellettuale ultranazionalista è rimasto in silenzio un mese dopo la morte della figlia in un attacco che ha incoraggiato la sua cerchia a chiedere vendetta sull’Ucraina. Il suo silenzio è più sorprendente quando proprio il battaglione Azov è stato accusato dalle autorità russe dell’omicidio della figlia in un’indagine espressa che kyiv sostiene fosse stata avviata. Altri battaglioni russi hanno visto lo scambio di prigionieri come un tradimento.

“Se in Siria non ci arrendiamo allo Stato islamico, qui dovremmo avere un’idea identica che la prigionia sia morte e senza ma”, ha denunciato sul suo canale Telegram di Wagner il gruppo di ricognizione e assalto Rusich, una delle unità della compagnia. mercenari.