Liz Cheney: i repubblicani la puniscono duramente per la guerra a Trump

La deputata Liz Cheney perde le primarie del Wyoming, ma avverte che continuerà a combattere contro l’ex presidente Donald Trump, ormai suo acerrimo avversario.

Donald Trump
Donald Trump – Nanopress.it

Affrontare Donald Trump ha avuto qualcosa di suicida per Liz Cheney, rappresentante del Wyoming, lo stato più trumpista del paese. Gli elettori repubblicani non l’hanno perdonata e la figlia dell’ex vicepresidente Dick Cheney è stata sconfitta con un ampio margine contro Harriet Hageman alle primarie statali. Cheney dirà addio al Congresso.

Liz Cheney, sconfitta, dice addio al Congresso

Trump ha consumato la sua vendetta. Con una percentuale relativamente piccola esaminata, è bastato considerare insormontabile la differenza di voti degli esperti elettorali. Con oltre il 50% contato, il candidato di Trump ha aggiunto circa il 64% dei voti e Cheney solo il 32%. Il disperato appello ai Democratici perché gli dessero il loro appoggio non è servito a ribaltare le urne.

Liz Cheney ha ammesso la sconfitta, quando era stato contato solo il 15% circa dei voti. “Nessuna posizione su questa terra è più importante dei principi che tutti abbiamo giurato di proteggere”, ha detto, dopo aver ricordato che due anni fa ha vinto quelle stesse primarie con il 73% dei voti. “C’era un percorso chiaro per ripeterlo”, ha detto, ma avrebbe comportato mentire, tradire i suoi principi, la legge e la democrazia sostenendo le bufale di Trump: “Quello era un percorso che non poteva e non voleva intraprendere”.

“Queste elezioni sono passate, ma ora inizia il vero lavoro”, ha aggiunto. “Non possiamo abbandonare la verità ed essere un paese libero”, ha anche detto dopo aver attaccato Trump nel suo discorso e aver detto che nessun negazionista elettorale merita di ricoprire una carica e che le bugie e le teorie del complotto di Trump causano violenza, che l’ha già fatto a gennaio 6 e lo hanno fatto di nuovo ora dopo la ricerca di Mar-a-Lago, che ha fatto salire alle stelle le minacce.

“Nessun patriota americano dovrebbe scusare queste minacce o esserne intimidito. La nostra grande nazione non deve essere governata da una folla provocata dai social”, ha condannato.“Ho detto dopo il 6 gennaio che avrei fatto tutto il necessario per impedire a Donald Trump di avvicinarsi di nuovo allo Studio Ovale”, ha detto dopo aver evocato coloro che hanno combattuto per la libertà nella guerra civile americana e aver avvertito dei rischi per la libertà e la democrazia se quelli che non riconoscono i risultati elettorali non vengono rimossi.

“Abraham Lincoln è stato sconfitto alle elezioni per il Senato e la Camera prima di vincere le elezioni più importanti di tutte (quelle presidenziali)”

“La nostra sopravvivenza [come democrazia] non è garantita”, ha detto.“Questa è una lotta di tutti noi insieme. Sono un repubblicano conservatore. Credo nei suoi principi e ideali con il mio cuore. Amo la tua storia. E adoro ciò che la nostra festa ha rappresentato. Ma amo di più il mio Paese”, ha aggiunto tra gli applausi dei suoi seguaci. “Stasera ti chiedo di unirti a me e di decidere che resteremo uniti.

Liz Cheney
Liz Cheney – NanoPress.it

Repubblicani, Democratici e Indipendenti contro chi vuole distruggere la nostra repubblica. Sono arrabbiati e determinati, ma non hanno visto niente come il potere degli americani uniti in difesa della nostra Costituzione e impegnati per la causa della libertà. Non c’è potere più grande su questa terra. E con l’aiuto di Dio, prevarremo”. Si ipotizza che Cheney possa candidarsi alle primarie repubblicane per le elezioni presidenziali del 2024.

Le sue possibilità, oggi, sono scarse, anche se c’è un settore del Partito Repubblicano a cui Trump non piace. Ma le primarie, in ogni caso, gli darebbero un altoparlante con cui continuare la sua battaglia contro l’ex presidente. Cheney ha fatto appello nel suo discorso ad Abraham Lincoln, padre del Partito Repubblicano: “Abraham Lincoln è stato sconfitto alle elezioni per il Senato e la Camera prima di vincere le elezioni più importanti di tutte [quelle presidenziali]. Lincoln alla fine ha prevalso.

Ha salvato il sindacato e ha definito il nostro obbligo di americani per tutta la storia”, ha detto. Con la caduta di Cheney, solo due dei 10 membri repubblicani della Camera dei rappresentanti che hanno votato per mettere sotto accusa Trump per l’assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2020, saranno al ballottaggio l’8 novembre. Ma il caso di Cheney era speciale. Tra loro c’è stato un confronto politico, ma anche personale