L’Iraq finisce nella paralisi politica

La mancanza di consenso in Iraq, a 10 mesi dalle elezioni, accresce la tensione nel Paese, come dimostra il recente assalto al Parlamento da parte di centinaia di seguaci del religioso Al Sadr.

Muqtada al-Sadr
Muqtada al-Sadr – NanoPress.it

L’esibizione di muscoli dell’influente religioso sciita Muqtada al-Sadr lo scorso mercoledì è stata la prova più visibile della crisi politica in Iraq. Quel giorno, centinaia di suoi seguaci hanno fatto irruzione nell’area blindata del centro di Baghdad che ospita le principali istituzioni statali e hanno preso d’assalto il Parlamento per protestare contro il proposto primo ministro del blocco rivale.

In Iraq l’assalto al Parlamento è sfociato in disordini continui

Dopo l’assalto, il primo ministro iracheno ad interim, Mustafa Al Kadhimi, ha chiesto ai manifestanti attraverso un messaggio diffuso sui social network di ritirarsi “immediatamente” dall’edificio. Per chiarire che non era altro che una dimostrazione di forza teatrale, i fedeli lo hanno fatto solo quando lo stesso Al Sadr li ha esortati a farlo. In una lettera che ha condiviso sul suo profilo Twitter, il religioso ha assicurato che il messaggio di entrare in Parlamento era già stato compreso, che aveva “terrorizzato i corrotti”, e che era ora di pregare e tornare a casa sani e salvi.

Il giorno dopo, Al Kadhimi ha descritto l’assalto come “un preoccupante indicatore di stabilità e pace sociale” e ha invitato tutte le forze politiche irachene a impegnarsi nel dialogo per affrontare le loro differenze e “tirare il paese fuori dalla stagnazione politica”. In una dichiarazione, il primo ministro ad interim ha anche invitato tutte le parti a comprendere la situazione “critica e delicata” in cui si trova l’Iraq e ad adoperarsi per “impedire che il Paese precipiti in una crisi sociale o previdenziale”.

L’Iraq sta stabilendo un nuovo record per la paralisi post-elettorale. Non è stato in grado di formare un governo quasi 10 mesi dopo le ultime elezioni. Lo stallo politico impedisce l’adozione delle riforme strutturali di cui il Paese ha bisogno. I bilanci per quest’anno non sono stati approvati e la profonda crisi economica si fa ancora più acuta, nonostante lo Stato ottenga entrate record dalla vendita del petrolio.

Sebbene il percorso per eleggere un presidente e nominare un nuovo Esecutivo si sia già rivelato lungo dopo le elezioni precedenti, soprattutto a causa della distribuzione del potere secondo linee settarie che segue il Paese, in questa occasione la fine non è ancora in vista, nonostante il fatto che sono già passati quasi 300 giorni. La crisi politica si spiega con le crescenti divisioni interne che stanno attraversando i blocchi.

Secondo la divisione informale della torta, la carica di primo ministro è occupata da uno sciita (la maggioranza degli iracheni professa questo ramo dell’Islam); la presidenza, un curdo; e la presidenza del Parlamento, un sunnita. Nell’ultimo processo elettorale è stata Sairun (Walkers), la disciplinata formazione guidata dall’ombra da Al Sadr, che è riuscita a conquistare il maggior numero di seggi: 73 dei 329.

Ma non bastano per formare un governo senza le sue principali Rivali sciiti, per lo più allineati con l’Iran. Le elezioni, le quinte dall’invasione statunitense del 2003, sono state contrassegnate da una diffusa apatia. L’affluenza è stata di poco superiore al 40%. La sua celebrazione è stata anticipata in risposta a un’ondata di proteste senza precedenti, nell’ottobre 2019, che ha rappresentato un emendamento all’intero regime politico, a cui sono stati attribuiti corruzione, mancanza di lavoro, scarsi servizi pubblici e ingerenze straniere.

La non capacità di formare un nuovo esecutivo a paralizzato il Paese

Incapace di formare un nuovo esecutivo, il populista Al Sadr – che ha combattuto le truppe americane dopo l’invasione – ha deciso lo scorso giugno di capovolgere bruscamente il consiglio politico, e ha ordinato ai deputati della sua formazione di dimettersi in blocco. La mossa ha aperto la strada all’alleanza più stretta di Teheran per diventare la forza principale nell’emiciclo. Nessuno ha interpretato il gesto come un assegno in bianco, ma piuttosto come una sorta di ritiro tattico, in modo che se i suoi rivali avessero deciso di nominare un candidato senza consenso, non avrebbe esitato a mobilitare il proprio.

Bandiera Iraq
Bandiera Iraq

L’escalation è accelerata all’inizio di questa settimana, quando l’alleanza guidata da partiti più filo-iraniani e guidata dall’ex primo ministro Nuri Al Maliki ha proposto un politico di secondo grado, Mohamed al Sudani, come nuovo capo del governo. L’entourage di Al Sadr considera questo ex ministro del Lavoro e degli Affari sociali un debole candidato alla mercé di Al Maliki e sostenuto dall’Iran.

Teheran mantiene una grande influenza nel processo negoziale per formare un governo, spesso attraverso il comandante di un potente ramo delle Guardie Rivoluzionarie. In questo contesto, l’irruzione dei sostenitori di Al Sadr in Parlamento è stata ampiamente interpretata come un messaggio ai suoi rivali politici che non starebbe a guardare se cercheranno di nominare un primo ministro unilateralmente.

Diversi analisti hanno anche evidenziato che il potente chierico ha approfittato del fervore religioso che accompagna Ashura, la festa in cui gli sciiti ricordano la morte nella battaglia di Karbala nell’anno 680 dell’Imam Hussein, figlio di Ali e nipote di Maometto. Quest’anno, Ashura cade all’inizio di agosto.Oltre ai disaccordi all’interno del blocco sciita, la paralisi politica che sta attraversando l’Iraq è causata anche dal mancato accordo tra i curdi.

Le due principali formazioni politiche curde nel Paese sono profondamente divise e non sono riuscite a trovare un accordo su un candidato alla presidenza, che in condizioni normali sarebbe quello che poi nominalmente proporrebbe il primo ministro. Una di queste formazioni, l’Unione Patriottica del Kurdistan, sostiene di ricoprire la carica dal 2003 e continua a corrisponderle per quota di potere, mentre l’altra, il Partito Democratico del Kurdistan, ritiene di avere il diritto di proporre la sua candidato perché ha ottenuto più voti alle elezioni di ottobre.