L’Iran sul nucleare annuncia una risposta imminente al piano Ue

L’Iran ha annunciato lunedì che offrirà una risposta imminente alla proposta finale presentata la scorsa settimana dall’Unione Europea per riattivare l’accordo nucleare firmato nel 2015 con le grandi potenze, che langue dal 2018 dopo la porta sbattuta dal Stati Uniti sotto la presidenza del repubblicano Donald Trump.

Ebrahim Raisi
Ebrahim Raisi – NanoPress.it

In Iran il ministro degli Esteri Hosein Amir Abdolahian ha assicurato che Teheran avrebbe inviato le sue considerazioni finali “prima di mezzanotte”. “Se i nostri criteri saranno accettati, siamo pronti a confermare un accordo in una riunione a livello ministeriale”, ha anticipato il capo della diplomazia in dichiarazioni raccolte dall’agenzia di stampa statale IRNA.

In Iran si cerca di trovare un accordo sul Nucleare

Abdolahian non ha ancora mostrato sul tavolo i suoi punti di forza e si è limitato a chiedere a Washington di “mostrare flessibilità” per risolvere tre frange pendenti, il cui contenuto non ha specificato. Le garanzie sulla fermezza dell’accordo per gli USA e l’annullamento dell’inchiesta in corso da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) sull’uranio rimane non dichiarata dall’Iran si segnalano come alcuni dei principali ostacoli alla riattivazione del patto atomico , firmato sette anni fa con la mediazione dell’UE.

In sostanza, le grandi potenze (Cina, Russia, Regno Unito, Francia, Germania e Stati Uniti) hanno promesso di revocare le sanzioni imposte al regime di Teheran se avesse accettato di sottoporre il proprio programma nucleare al controllo internazionale, per impedirlo dall’arma atomica. I portavoce della Repubblica islamica avevano già anticipato venerdì che il testo finale proposto da Bruxelles potrebbe essere “accettabile” se offrisse garanzie per le sue principali richieste.

Ore dopo, il tentato omicidio negli Stati Uniti dello scrittore britannico Salman Rushdie, sul quale in Iran pesa una fatwa (condanna religiosa per blasfemia), ha messo nuovi raggi al volante di colloqui che vanno avanti da più di 15 mesi. La sensazione che comincia a diffondersi nella capitale europea, dopo aver ascoltato le prime parole dell’Iran e senza ancora conoscere il contenuto della risposta scritta, è quella di un capitolo ripetuto.

Già in altri giri di trattativa, quando la fine sembrava vicina, tutto era sospeso. L’ultima volta è stata a marzo, poco dopo l’inizio della guerra in Ucraina. Poi, la richiesta russa che le sue relazioni commerciali e il suo piano di associazione con Teheran non venissero pregiudicati dalle sanzioni derivate dal conflitto ha portato alla sospensione del dialogo. Ora, ancora una volta, la fine sembra vicina dopo la proposta avanzata dall’Ue, coordinatrice dei negoziati su designazione delle Nazioni Unite e rappresentata dal diplomatico spagnolo Enrique Mora.

Fonti diplomatiche comunitarie hanno fatto notare la scorsa settimana a questo giornale che questa volta non si potevano più accettare ritardi o trucchi per risparmiare tempo. Tuttavia, poiché Teheran non ha ancora svelato la dimensione delle sue ultime affermazioni, lunedì i portavoce ufficiali hanno rifiutato di commentare. Washington ha mostrato la sua iniziale volontà di raggiungere un’immediata intesa per la riattivazione dell’accordo nucleare sulla base dell’ultimo testo europeo, senza modificare la versione finale.

Il governo iraniano afferma che nessuna futura amministrazione USA può dissociarsi dall’accordo nucleare

Questo lunedì ha sottolineato che “l’Iran deve fare a meno di richieste aggiuntive, strane e inaccettabili che vanno oltre la portata” dell’accordo nucleare, secondo il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, riferisce Reuters. Lunedì a Teheran, il ministro Abdolahian ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti dovrebbero rispettare le loro “linee rosse” per chiudere un patto nei prossimi giorni su “tre frange in sospeso”.

Iran mappa
L’Iran e il suo spazio d’influenza – Nanopress.it

L’Iran afferma che nessuna futura amministrazione presidenziale degli Stati Uniti può dissociarsi dall’accordo nucleare, come ha fatto il repubblicano Trump nel 2018 su quanto firmato dal suo predecessore, il democratico Barack Obama. Ma l’amministrazione Biden ritiene che si tratti di un accordo politico e non di un trattato internazionale.

“Loro (gli americani) devono adottare un approccio più realistico alle garanzie“, ha ora sottolineato il ministro degli Esteri, osservando che Washington sembrava mostrare “relativa flessibilità rispetto alle altre due questioni”, sebbene solo “in forma verbale e senza rifletterlo nel testo”.

Il regime iraniano chiede anche concessioni in quelle che chiama “ispezioni imparziali” dei suoi impianti nucleari. “Sono stati compiuti progressi relativi, ma non soddisfano ancora le nostre richieste”, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanaani. “Abbiamo altre aspettative in attesa di essere soddisfatte dall’altra parte”, ha sottolineato il portavoce diplomatico.

Intanto in Israele, il più grande nemico regionale di Teheran, si stima che i leader iraniani non firmeranno un accordo che si limiti a replicare quello già firmato nel 2015, secondo il quotidiano Haaretz, che cita alti funzionari del governo ebraico. Nonostante la sua stretta alleanza con Washington, lo stato ebraico si riserva il diritto di attaccare obiettivi del programma nucleare iraniano se si avvicina alla fabbricazione di una bomba atomica.