I talebani festeggiano la presa del potere davanti l’ambasciata USA a Kabul

Un anno dopo aver espulso le truppe statunitensi dall’Afghanistan, l’Emirato islamico guidato dai talebani è isolato dal mondo, non è riuscito a portare la pace e sta attraversando una terribile crisi umanitaria ed economica.

Un talebano e suo figlio
Un talebano e suo figlio – NanoPress.it

L’emirato guidato dai talebani ha decretato per ieri, lunedì, una festa in tutto l’Afghanistan. Celebrano la presa del Paese appena un anno fa, quando le loro truppe hanno preso d’assalto il palazzo presidenziale di Kabul senza opporre resistenza. Poco prima, il presidente, Ashraf Ghani, è fuggito da quel complesso volando in elicottero. Ha così messo in scena la consegna del paese su un piatto d’argento ai ribelli.

L’emirato guidato dai talebani ha decretato per ieri, lunedì, una festa in tutto l’Afghanistan

Ma questo lunedì, l’aspetto della capitale afgana, di quattro milioni di abitanti, è praticamente quello di una normale giornata lavorativa, se non fosse per le continue sfilate di carovane con i talebani che festeggiano il primo giorno della vittoria del loro secondo arrivo al potere . Il precedente coperto dal 1996 al 2001.

Come se fosse un pellegrinaggio, lunedì diverse centinaia di persone hanno gridato ad Allah e si sono congratulate a vicenda mentre auto della polizia, motociclette, biciclette e persino veicoli blindati ereditati dall’esercito americano sono passati attraverso diverse strade e quartieri della capitale. I talebani, secondo la data indicata, indossano i loro abiti migliori. Questo è quello che fanno quelli che vestono i civili, perché i militari marciano con tutto il loro armamentario.

Tra il caos del traffico, bambini e adulti sventolano bandiere bianche e nere dell’Emirato che vengono loro consegnate dagli angoli. Miracolosamente, nessuno viene investito. L’ossessione per la sicurezza Il mantra che ossessiona i talebani è quello della sicurezza. Lo ripetono incessantemente in ogni dichiarazione, in ogni dichiarazione, in ogni intervista, in ogni tweet… “L’Afghanistan è un paese in pace da un anno”.

La realtà non è affatto così: la violenza continua per strada. Allo stesso tempo, il Paese resta immerso in una gravissima crisi umanitaria ed economica, aggravata dalla repressione dei diritti umani, in particolare delle donne, esercitata dalle autorità dell’Emirato islamico. Con i fondamentalisti al potere, una parte importante degli attentati e dei bombardamenti che fino a un anno fa segnavano il corso quotidiano del Paese non avviene più.

I talebani sono stati i principali istigatori e protagonisti di quella violenza, mentre ora sono loro a detenere le redini del potere. Quindi, ci sono persone, dentro e fuori Kabul, che dicono di sentirsi più sicure e che viaggiare è più tranquillo. Ma i talebani ora stanno provando la propria medicina da parte del governo: attacchi e attacchi di chi non li vuole in prima linea, come i terroristi del gruppo Stato islamico (Isis, secondo il suo acronimo in inglese).

Una ‘giornata particolare’

La sede dell’Ambasciata americana è il simbolo della sconfitta inflitta dai guerriglieri jihadisti alle truppe straniere che, per 20 anni, hanno ospitato diversi governi locali. A metà mattina, quando i talebani considerano eccessivo l’affollamento, iniziano a sgomberare la rotonda. Sia la guerriglia che il vicino insieme, distratti nei festeggiamenti, sono una gustosa caramella per le cellule dell’Isis. Questi nemici dell’Emirato hanno ripetutamente attaccato la città nelle ultime settimane, provocando più di cento morti, secondo l’Onu.

Un soldato Talebano
Un soldato Talebano – NanoPress.it

Venerdì scorso hanno inferto un duro colpo ai talebani, assassinando l’eminente religioso Rahimullah Haqqani in un attacco compiuto da un kamikaze.In ogni caso, la conferenza ha avuto un profilo istituzionale piuttosto basso. “Oggi è il giorno della vittoria della verità sulla menzogna e il giorno della salvezza e della libertà per la nazione afgana”, ha affermato il portavoce talebano Zabihullah Mujahid in una nota.

In un’apparizione organizzata nel primo pomeriggio, il ministro degli Esteri, Amir Jan Muttaqi, ha assicurato che l’Emirato ha raggiunto quella sicurezza mai raggiunta sotto il comando degli Stati Uniti. “Vogliamo avere un buon rapporto con tutti i paesi, non permetteremo che il territorio dell’Afghanistan venga usato contro nessuno”, ha detto, secondo l’agenzia Reuters. Il ministro ha anche lanciato una petizione affinché il mondo riconosca l’Emirato islamico.

“La comunità internazionale deve collaborare con l’Afghanistan e il nuovo governo. Per prevenire la miseria generata negli ultimi 40 anni che nessuno ha saputo fermare, per non ripeterla più. Qui ogni rimedio è fallito”, ha affermato Muttaqi, in un comunicato raccolto dalla catena Tolo News.