Libano, esplosione al porto: vittime e ONG fanno appello alla giustizia internazionale

Il governo del Libano blocca le indagini giudiziarie su una tragedia che ha provocato oltre 200 morti, 6.500 feriti e 5.000 milioni di danni, a causa di una esplosione al porto di Beirut.

Esplosione porto di Beirut
Esplosione porto di Beirut – NanoPress.it

Il Libano sta sprofondando nella spirale di uno Stato fallito senza offrire riparazione alle vittime dell’esplosione che due anni fa ha polverizzato il porto di Beirut e devastato quasi metà della città, in una delle più grandi esplosioni non nucleari conosciute. “Il governo si rifugia nell’impunità e blocca l’indagine giudiziaria”, ha gridato mercoledì in videoconferenza dalla capitale libanese l’avvocato Tania Daou, che ha perso il marito mentre l’accompagnava a una visita medica nel pomeriggio del 4 agosto 2020.

L’esplosione, che ha devastato il porto di Beirut e i quartieri circostanti con un bilancio di oltre 200 morti e 6.500 feriti

I cristalli proiettati dall’onda espansiva gli tagliarono la gola. “La giustizia libanese è già indietro da più di due anni nell’affrontare i reclami delle vittime e delle loro famiglie. È necessario che la giustizia internazionale intervenga”, ha lamentato questo sopravvissuto alla tragedia in un’apparizione digitale organizzata da Human Rights Watch (HRW). Questa ONG, insieme ad Amnesty International e ad altre tre organizzazioni umanitarie, ha anche fatto appello mercoledì al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite affinché intraprenda un’indagine indipendente “senza indugio”.

L’esplosione, che ha devastato il porto di Beirut e i quartieri circostanti con un bilancio di oltre 200 morti e 6.500 feriti, ha provocato anche danni materiali per 5.000 milioni di euro. I resti dei silos portuali sono crollati all’inizio di questa settimana a causa di un incendio, altro simbolo della negligenza che prevede la catastrofe.Le inchieste giudiziarie aperte in Libano sono ferme dal 2021, quando il giudice Tarik Biktar ha convocato alti funzionari dell’amministrazione per testimoniare.

Il blocco imposto dalle autorità politiche, con la copertura dell’immunità d’ufficio ottenuta attraverso impugnazioni, ha finora impedito di indagare su qualsiasi pubblico ufficiale. L’esplosione è avvenuta in un deposito di nitrato di ammonio, una sostanza usata nei fertilizzanti e negli esplosivi. L’onda d’urto ha colpito più di 75.000 case e ha spostato 300.000 abtanti di Beirut dalle loro case.

La sua eco ha raggiunto l’isola di Cipro, a circa 200 chilometri di distanza. Il nitrato di ammonio era stato portato nel porto di Beirut nel 2013 a bordo di una nave battente bandiera moldava, che ha scaricato oltre 2.700 tonnellate. Al momento dell’enorme deflagrazione, si stima che fossero immagazzinate circa 550 tonnellate, senza sapere fino ad ora chi fosse l’importatore e dove fosse finito il resto del carico.

“Nessuno è stato accusato e l’indagine interna si è bloccata”, avverte Aya Mazjub, ricercatrice di Hrw a Beirut. “Una coalizione di organizzazioni per i diritti umani e sopravvissuti all’esplosione si sta ora rivolgendo alla comunità internazionale per ottenere giustizia”, ​​ha sottolineato. La Francia, che era la metropoli coloniale del Libano, non ha favorito il percorso di un’indagine del Consiglio per i diritti umani, ha detto Mazjub durante un dibattito via Zoom.

Da Ginevra, sede europea degli organi delle Nazioni Unite, anche esperti indipendenti collegati al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite hanno invitato mercoledì ad applicare la giustizia internazionale. “È una delle più grandi tragedie della storia recente, eppure il mondo non ha fatto nulla per scoprirne le cause”, hanno concordato tre relatori ufficiali in una dichiarazione citata da France Presse.

Papa Francesco, costretto a sospendere un viaggio in Libano a giugno per motivi di salute, ha ricordato che “la verità non va mai nascosta”

Esperti di diritti umani chiedono da due anni che il governo libanese e la comunità internazionale rispondano alle richieste di giustizia e riparazione dei sopravvissuti e dei parenti delle vittime dell’esplosione del porto di Beirut, che attribuiscono a “governo negligente” e corruzione diffusa .”Sto ancora respirando, ma sono morta dentro”, ha ammesso Mireille Jury, il cui figlio di 15 anni è morto nel disastro di Beiruti. “Ho il diritto di sapere perché ho perso mio figlio e chi era il responsabile.

Papa Francesco sulla sedia a rotelle
Papa Francesco sulla sedia a rotelle – NanoPress.it

Finora il Libano e il resto del mondo ci hanno deluso”, ha lamentato, nella stessa lettera presentata alla stampa internazionale da Ong internazionali e libanesi. “È fondamentale che venga fornita giustizia, non solo per le vittime, i sopravvissuti e le loro famiglie, ma anche per il Libano, che non può continuare a reggersi su basi così fragili”, ha spiegato Antonia Mulvey, direttrice dell’ONG Global Legal Action, in la stessa dichiarazione congiunta.

Papa Francesco, costretto a sospendere un viaggio in Libano a giugno per motivi di salute (e per l’instabilità del Paese), ha ricordato questo mercoledì dal Vaticano che “la verità non va mai nascosta” in casi come l’esplosione di Beirut. Il Libano continua ad essere la nazione del Medio Oriente con la più alta percentuale di cristiani, con il 40% della sua popolazione che attribuisce a diversi riti cristiani. Nessun governo stabile per tre anni Senza un governo stabile, il Fondo Monetario Internazionale ha già avvertito che non realizzerà i programmi di aiuti approvati per salvare l’economia libanese, sprofondata in bancarotta da più di tre anni.

A capo dell’Esecutivo, sta cercando di consolidarsi il miliardario sunnita Nayib Mikati, già riuscito a formare un Gabinetto lo scorso settembre dopo mesi di caos. Mikati, che era stato primo ministro nel 2005 e dal 2011 al 2014, incarna il modello clientelare di condivisione del potere che ha portato alla rovina e al malgoverno del paese del Levante mediterraneo. È anche uno dei libanesi più ricchi, avendo venduto la sua società di telecomunicazioni nel 2005 per 4,65 miliardi di euro.

Hezbollah, il potente partito della milizia filo-iraniana, ei suoi alleati sciiti e cristiani hanno perso la maggioranza nel parlamento libanese alle elezioni dello scorso maggio. Le prime elezioni tenutesi dopo lo scoppio della più grande crisi politica ed economica dalla guerra civile che ha dissanguato il Paese tra il 1975 e il 1990, hanno rispecchiato anche il malcontento sociale nei confronti del sistema confessionale di condivisione del potere instaurato nel dopoguerra.

Nei mesi precedenti l’esplosione, le proteste sociali contro una classe dirigente che cerca solo di perpetuare lo status quo hanno già agitato le strade libanesi su una scala senza precedenti dal conflitto civile. A due anni dall’esplosione, il Libano è sul punto di diventare uno stato fallito, con otto cittadini su 10 gettati al di sotto della soglia di grave povertà e con la sterlina svalutata di oltre il 90%.