Lettera di un padre al preside dei suoi bambini diventa virale

Un papà runner porta i figli alla maratona di Boston, e quando la scuola invia una lettera di richiamo per l'assenza, lui risponde così e diventa un mito sui social.

Lettera di un padre al preside dei suoi bambini diventa virale

Mike Rossi è un papà che vive in Pennsylvania, in occasione della maratona di Boston ha deciso di portare tutta la famiglia, la moglie e i suoi gemelli di nove anni per vivere un’esperienza unica nella vita. Tornati a Philadelphia, il preside della scuola frequentata dai figli, però, gli ha inviato una lettera di richiamo nella quale si specificava che quei cinque giorni di ”vacanza” sarebbero stati considerati come un’assenza ingiustificata. Il papà maratoneta ha così condiviso la sua risposta via Facebook, ed in breve tempo ha ricevuto tanti apprezzamenti da farla diventare virale. Ecco cosa ha scritto il ‘papà dell’anno’.

La replica di Mike Rossi alla direzione scolastica è stata questa:

Ringrazio del suo interesse ma i miei figli hanno imparato più in quei 5 giorni che a scuola in un intero anno. I nostri bambini avevano un’esperienza unica nella vita, che non può avvenire in una classe o leggendo un libro. Nei 3 giorni di scuola che hanno perso, hanno imparato a conoscere cosa significa la dedizione, l’impegno, l’amore, la perseveranza, cosa vuol dire superare le avversità, sentire l’orgoglio civico, il patriottismo, hanno imparato la storia della gastronomia americana e l’educazione fisica. Hanno osservato il padre superare delle prove, hanno capito l’importanza del dare sostegno, hanno omaggiato le vittime della strage di questa maratona avvenuta anni fa. Durante la corsa hanno visto corridori di tutti i tipi, anche malati, ciechi, con protesi, in carrozzina, uniti verso un obiettivo comune. Queste cose non si imparano a scuola. Apprezziamo lo sforzo e l’impegno della scuola che amiamo, ma non esiterei nemmeno una volta a fargli fare assenze con lo scopo di insegnare loro queste cose”.

Questa risposta è piaciuta così tanto al popolo di Internet, che al papà runner è stato dato sui social il riconoscimento di ”papà dell’anno”.

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere