Letta si dimette da leader del PD dopo la disfatta elettorale

Letta: “Faremo un’opposizione dura e intransigente. Non permetteremo all’Italia di separarsi dai valori europei”, assicura il segretario del Pd, che convocherà un congresso al quale non si presenterà.

Enrico Letta
Enrico Letta – Nanopress.it

Enrico Letta, segretario generale del Pd, ha deciso di non presentarsi domenica sera. Era tardi e il risultato era troppo confuso per un’analisi urgente. Professore e studente di politica, il leader dei socialdemocratici italiani ha atteso fino a questa mattina. La sua campagna elettorale ha leggermente migliorato i risultati ottenuti da Matteo Renzi nel 2018.

Letta ha annunciato in conferenza stampa che convocherà un congresso e non si ripresenterà più

Ma non c’è motivo di gioia. I piddini ono diventati irrilevanti. E, soprattutto, è apparso chiaro che se non avesse rinunciato a formare una coalizione con il Movimento 5 Stelle, avrebbe potuto configurare un dispositivo elettorale competitivo. Il problema, però, è lontano. Il PD, sin dalla sua fondazione nel 2007, si è destreggiato per rimanere al potere. Come gli organismi unicellulari, l’unica cosa che ha ottenuto è di riprodursi all’infinito attraverso la divisione.

Ancora una volta, il loro leader si dimetterà. Letta ha annunciato in conferenza stampa che convocherà un congresso e non si ripresenterà più: “La mia leadership finisce qui”. Il PD non ha ottenuto un brutto risultato (19%). Sarà la principale forza di opposizione. Ma l’emorragia dell’opzione uninominale sulle schede elettorali è stata tremenda, anche in luoghi come il centro di Roma o Livorno, bastione inespugnabile della sinistra.

La traversata nel deserto che attende Letta aumenterà ancora di più l’usura che ha subito in questi anni e che Letta ha cercato di correggere con un profondo rinnovamento del gioco. Questa mattina, con le idee più chiare, si è presentato alla stampa. “Andiamo all’opposizione con grande determinazione. Faremo un’opposizione dura e intransigente. Non permetteremo all’Italia di lasciare il cuore dell’Europa, dove è giusto che sia. Non permetteremo all’Italia di separarsi dai valori europei e dai valori costitutivi”, ha proclamato.

Letta è stato criticato per la sua incapacità di raggiungere accordi con gli alleati. La legge elettorale italiana, misto tra sistema misto e proporzionale, premia notevolmente le coalizioni forgiate a priori. Consapevole di ciò, il segretario del Pd non ha voluto essere d’accordo con il M5S. “Se siamo arrivati ​​al governo di [il leader dei Fratelli d’Italia, Giorgia] Meloni dall’Esecutivo Draghi, è per colpa di Giuseppe Conte, che l’ha fatto cadere”, ha detto, giustificando la sua decisione.

L’ultimo candidato socialdemocratico ad uscire vincente dalle urne è stato Romano Prodi nel 2006

“Molti partiti hanno lavorato contro di noi e non contro la destra. Il risultato non ci soddisfa, ma siamo il secondo partito del Paese e il secondo gruppo parlamentare”. La sinistra italiana non trova il suo posto nella scena politica italiana. Per più di due decenni, lo spettro progressista è andato lentamente morendo. Matteo Renzi, che molti nemmeno consideravano realmente appartenere a quell’orbita, costituiva una strana parentesi con il suo prospero governo. Ma non aveva nemmeno vinto le elezioni.

Mattteo Renzi
Mattteo Renzi . NanoPress.it

La sua ascesa al potere è stata il frutto di un altro gioco di palazzo a cui la sinistra si è abituata negli ultimi anni per mantenere il proprio potere. Anche a costo di apparire al suo elettorato come una forza sempre più ostile attaccata al tappeto dei saloni di Roma. L’ultimo candidato socialdemocratico ad uscire vincente dalle urne è stato Romano Prodi nel 2006, quando ha costituito la grande coalizione che ha chiamato Ulivo.

Da allora tutte le avventure del PD sono passate attraverso strategie post elettorali. Ora il partito deve accelerare il rinnovamento della sua classe dirigente, già iniziato con Letta. Quando il congresso sarà convocato, guarderà a figure emergenti come la vicepresidente della regione Emilia Romagna, la popolare Ely Shlein (la stampa internazionale insiste nel paragonarla ad Alexandria Ocasio-Cortez). Ma sarà anche necessario riformulare il messaggio, la strategia e le future alleanze.