Le ultime roccaforti ucraine nel Donbass attendono l’invasore

Appena un quinto della popolazione rimane nella parte della provincia di Donetsk che Kiev controlla ancora, e molti nel Donbass accoglierebbero con favore le truppe di Putin.

Soldati russi
Soldati russi – NanoPress.it

Due soldati entrano nell’unica stazione di servizio aperta a Kostiantinivka, nell’Ucraina orientale, con i volti infangati e le uniformi a brandelli. Le loro armi pendono dalle loro spalle e davanti alla clientela, tutta composta da soldati, dicono: “Oggi ci stanno regalando un grande momento, ci hanno tenuto sottoterra per ore”.

Molti nel Donbass accoglierebbero con favore le truppe di Putin

I due soldati prenderanno un caffè – sono liberi per le truppe – e decolleranno. Kostintinivka, a 15 chilometri dal fronte, è una delle ultime roccaforti del Donbas ancora sotto il controllo ucraino e su cui la Russia sta intensificando la sua offensiva. Venticinque chilometri a nord di Kostiantinivka, Kramatorsk e Sloviansk sono città fantasma dove vagano gatti, cani randagi e occasionali vicini di casa.

Solo nei due supermercati che continuano a funzionare c’è il traffico umano, quello dei militari che comprano cibo da portare nelle loro stanze. Sì, ci sono pattuglie di polizia che sorvegliano e furgoni o automobili che trasportano soldati. L’esercito russo è vicino, assediando il 40% del territorio della provincia di Donetsk che è ancora nelle mani del suo governo legittimo, quello dell’Ucraina. Per molti dei civili rimasti, le truppe di Vladimir Putin sarebbero le benvenute.

Pavlo Kirilenko ha partecipato giovedì scorso a quattro media stranieri in uno scantinato di un edificio del governo regionale a Kramatorsk. Kirilenko, capo dell’amministrazione militare di Donetsk, ha precisato che resta il 21% (circa 350.000) degli 1,6 milioni di abitanti che all’inizio della guerra avevano il territorio sotto il suo comando. Si rifiutano di partire, c’è anche chi torna, perché vuole restare nella sua terra. Non importa che in provincia non ci sia il gas, e che in molti quartieri non ci sia acqua: non vogliono uscire di casa.

Tuttavia, ha ammesso Kirilenko, almeno la metà di questi 350mila non vuole andarsene perché aspettano a braccia aperte i russi. Le province di Lugansk e Donetsk, che compongono il Donbass, sono, insieme alla Crimea, le regioni ucraine culturalmente più vicine alla Russia. Nel 2014, le capitali di Donetsk e Lugansk sono state rilevate da separatisti filo-russi e la Crimea è stata annessa dalla Russia.

L’intera provincia di Lugansk cadde definitivamente nelle mani dell’invasore il 4 luglio. Il ministero della Difesa russo spera di fare lo stesso per il prossimo settembre con la parte di Donetsk che non ha conquistato, motivo per cui la scorsa settimana ha annunciato una ripresa delle ostilità. La ragione di questo calendario, secondo Kirilenko, è che più lunga è la battaglia, più soldati muoiono.

Secondo il governo ucraino, 39.000 russi sono caduti in combattimento

Secondo il governo ucraino, 39.000 russi sono caduti in combattimento; cifra che i servizi di intelligence degli Stati Uniti si riducono a meno della metà. I gruppi di analisi della sicurezza occidentali come l’Institute for the Study of War escludono che, con il suo lento ritmo di avanzamento, la Russia potrebbe conquistare completamente il Donbas in autunno. Un altro motivo per impossessarsi dell’intero Donbass è politico: Mosca vuole che in autunno si organizzino referendum sull’annessione alla Russia nei territori occupati.

Putin decreto
Putin firma il decreto per la cittadinanza semplificata – Nanopress.it

Queste consultazioni plebiscitarie non saranno valide davanti alla comunità internazionale. Né avranno la partecipazione della stragrande maggioranza della popolazione locale, che è fuggita. Ma tra coloro che rimarranno, una parte significativa voterà con tutta convinzione per smettere di essere ucraini. Come un residente di Sloviansk, un uomo più anziano, che giovedì pomeriggio si stava affrettando a casa e che si è rifiutato di rispondere alle domande di questo giornale, sostenendo che la verità non sarebbe stata spiegata.

“I media internazionali non hanno detto la verità su quanto accaduto nel 2014 e non lo farai ora, dici solo cosa vogliono gli Stati Uniti. Il fumo dell’artiglieria appare qua e là sullo skyline di Sloviansk. L’invasore è a soli sei chilometri di distanza. Andrei Boblinka ha scelto di restare, insieme a sua madre. Nel suo palazzo, su 80 case, solo sei sono occupate. Questo elettricista di 39 anni spiega che quello che è successo nel 2014 è che la rivoluzione pro-europea Maidan, quella che ha rimosso il filo-russo Victor Yanukovich, ha voltato le spalle alla realtà del Donbass.

“Ho manifestato contro il nuovo governo e sono andato alle manifestazioni, ora me ne pento”, spiega Boblinka, “se avessi saputo cosa avrebbe fatto la Russia adesso, non vi avrei partecipato”. Il Cremlino ha usato questi disordini come pretesto per sostenere la rivolta dei separatisti filo-russi. Boblinka è convinto che se Putin volesse, tutto il Donbass sarebbe già russo. Kirilenko conferma che i collaboratori dell’invasore nella provincia “sono un problema molto serio e in crescita”.

Chasiv Yar è una città depressa in prima linea, con condomini sparsi tra fabbriche abbandonate e divorati dalla vegetazione. In uno di questi edifici residenziali, tre missili di precisione russi hanno colpito il 9, uccidendo 48 persone, secondo le autorità civili locali. Un vicino assicura che nell’edificio hanno dormito anche i soldati di una caserma situata a tre chilometri di distanza.