Le farmacie mafiose ora appartengono alla Colombia

In Colombia la Corte di Bogotá ha ratificato l’estinzione di Drogas la Rebaja per essere stata fondata dai capi del cartello di Cali.

Iván Duque Márquez
Iván Duque Márquez – NanoPress.it

I fratelli Rodríguez Orejuela divennero i più potenti trafficanti di droga del mondo. Non è cosa da poco, considerando che sono venuti a competere con lo stesso Pablo Escobar, leader del cartello di Medellín. Escobar, oltre ad essere il trafficante di droga più famoso della Colombia, è stato in gran parte l’ideologo del concetto stesso di cartello.

La Colombia e il fantasma dei cartelli della droga

Lui gestiva club selezionati in cui, tra partito e partito, i signori della droga instaurano un sistema di relazioni molto complesso che consente loro di raggiungere accordi in modo che ognuno possa far crescere il proprio business mentre tutti rispettano il territorio dell’altro. Questo sulla carta. In pratica, il minimo segno di debolezza viene spesso interpretato dai membri del cartello come un’opportunità per sbarazzarsi della concorrenza.

Ecco cosa accadde tra gli Orejuela e Escobar: i fratelli fiutarono sangue mentre Escobar, tra omicidi ed estradizioni, perdeva coloro che gli erano più fedeli. Col tempo, finirebbero per prendere il loro posto ai vertici della gerarchia del narcotraffico colombiano. Secondo lo United States Drug Control (DEA), il Rodríguez Orejuela, il cartello di Cali ed Escobar, con il cartello di Medellín, erano responsabili dell’80% della cocaina entrata tra il 1984 e il 1990 negli Stati Uniti.

Negli anni ’70, nonostante il periodo di massimo splendore di Escobar e del cartello di Medellín, tutti a Cali sapevano che la catena di farmacie La Rebaja era stata fondata da alcuni signori, i fratelli Rodríguez Orejuela, con i quali era conveniente non avere problemi. Questi sono stati gestiti dalla famiglia per anni fino a quando, nel tempo, come riflette oggi la narrativa Netflix, hanno finito per diventare una risorsa importante per il cartello di Cali.

Lo sapeva Escobar, che più volte bombardò questi commerci nel mezzo della sanguinosa guerra condotta per decenni dai due più potenti clan della droga.Questo mercoledì, la Colombia ha scritto un nuovo capitolo, forse l’epilogo, di quella storia. La Corte di Bogotá ha ratificato l’estinzione del dominio delle 880 farmacie che si trovano in più di 200 comuni del paese per essere state fondate dai capi del cartello di Cali.

Ciò significa che la catena di farmacie La Rebaja passa nelle mani dello Stato con un gesto carico di simbolismo. La giustizia, molti hanno interpretato, in nome dello Stato colombiano, sembra disposta a farsi carico dell’eredità del narcotraffico. “Drogas La Rebaja era la ragazza viziata di Gilberto Rodríguez Orejuela”, ha recentemente ricordato la moglie del narcotrafficante Aura Rocío Restrepo in un’intervista a Semana Magazine.

“Era la sua opera d’arte. Il suo primo lavoro è stato all’età di 12 anni in una farmacia, ed era il miglior iniezioni. Per lui, il drugstore è stato il suo più grande successo commerciale”, ha ricordato. Tuttavia, il processo di confisca dei drugstore non ricade sulla famiglia di Rodríguez Orejuela, che ha venduto l’azienda ai suoi dipendenti nel 1996. Pertanto, la controparte in questo processo è Copservir Ltda, una cooperativa di lavoratori di Drogas La Reduction.

Farmacie dedite al commercio della droga

“Dopo essere stata inizialmente costituita con i contributi dei lavoratori di Drogas La Rebaja, ha mescolato i suoi beni con beni di provenienza illecita”, si legge nella sentenza. “Abbiamo venduto l’azienda ai soci, anche se ci devono ancora dei soldi. Ora la catena di farmacie continuerà ad essere gestita da loro, ma i soldi del debito andranno allo Stato”, assicura telefonicamente un parente stretto del Rodríguez Orejuela che preferisce non dire il suo nome. Il trasferimento della catena ha avuto un trucco.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Precisamente, una delle ragioni addotte della sentenza per giustificare la presa in carico della società è che la cooperativa che ne ha preso in carico era composta, fondamentalmente, da parenti dei fratelli Rodríguez Orejuela. “Il trasferimento non lede l’illegittimità dell’origine dell’attività, poiché era con l’intento di evitare le indagini che erano già in corso nei suoi confronti per i reati commessi”, si legge nella sentenza del Tribunale di Bogotà.

Inoltre, la sentenza stabilisce che la farmacia è stata fondata quando i Rodríguez Orejuela erano già completamente dediti al traffico di droga e che, “sebbene nel tempo abbiano subito cambiamenti nella ragione sociale, nell’oggetto o nella composizione dell’azionariato”, ciò non distorce la sua illegalità origine. Da parte loro, i parenti stretti del defunto Guillermo Rodríguez Orejuela, meglio noto come il Giocatore di scacchi, assicurano a questo giornale che Drogas

La Rebaja era un’azienda di famiglia e legale: piccolo. Abbiamo venduto i locali perché abbiamo deciso di non combattere e perché avevamo raggiunto un compromesso con il governo degli Stati Uniti”.

Il trattamento cui fa riferimento questa fonte vicina alla famiglia del narcotrafficante, morto lo scorso maggio all’età di 83 anni in una prigione degli Stati Uniti, è un accordo che ha permesso ai parenti di alcuni dei più potenti trafficanti di droga della Colombia di evitare responsabilità penale in cambio della collaborazione all’elaborazione di quella che poi è stata chiamata la Clinton List, una black list di aziende e persone in qualche modo legate al narcotraffico.

In cambio dei dettagli sulla complessa rete di edifici, proprietà e attività commerciali che i loro parenti usavano per riciclare il denaro della droga, avrebbero potuto continuare la loro vita. Molti lo hanno fatto. Fino al 2014, Drogas La Rebaja faceva parte di questo elenco per essere stato identificato da varie fonti come un’attività che serviva al riciclaggio di denaro della droga.

Nonostante la filiera sia in amministrazione statale da diversi anni, con la sentenza di secondo grado del Tribunale la società è ora definitivamente in mano allo Stato. Ora sarà il governo di Gustavo Petro a dover gestire l’azienda, che è, curiosamente, una delle imprese colombiane che attualmente riportano i maggiori benefici. Cinque anni fa, la società ha dichiarato beni per un valore di oltre 250 milioni di dollari, secondo media come El Tiempo.