La Mordaunt al posto di Johnson: “Sono legalmente una donna”

Il Segretario di Stato al Commercio, Penny Mordaunt, con un solido secondo posto al primo turno di votazioni, emerge come la principale sorpresa delle elezioni per sostituire Boris Johnson.

Penny Mordaunt
Penny Mordaunt – NnoPress.it

Penny Mordaunt (Torquay, Regno Unito, 49 anni) ha detto che parte del suo lavoro, da giovane donna, consisteva nel lasciarsi tagliare in due con una sega. Era l’assistente di un mago, uno dei lavori che faceva oltre aiutare con le pulizie. Sua madre era morta di cancro al seno quando lei aveva 15 anni e quello stesso anno a suo padre fu diagnosticata la stessa malattia.

Penny Mordaunt da giovane, si lasciava tagliare in due con una sega

Mordaunt aspira a uscire dalla competizione tutto intero per guidare il Partito conservatore. Per quanto riguarda la magia, è sufficiente per far credere ai tuoi compagni di partito che, dopo oltre 10 anni al potere e il mandato disastroso di Boris Johnson, è possibile ricominciare da zero. Questo è ciò che Mordaunt, con un background inglese provinciale e borghese, significa per molti conservatori. Ed è per questo che la Segreteria di Stato al Commercio, l’ultima ad annunciare la sua candidatura, ha suscitato la sorpresa che tutti hanno intuito.

Già nelle prime ore di gara, quando il favorito indiscusso e quello che ha raccolto più consensi da parte dei deputati era l’ex ministro dell’Economia, Rishi Sunak, i sondaggi cominciavano a suggerire che il vero uragano si chiamasse Penelope Mary (Penny). Alla fine, Sunak è uscito in testa al primo turno con 88 voti e Mordaunt è arrivato al secondo posto con 67 voti. La società YouGov ha condotto un rapido sondaggio tra i membri del partito – circa 200.000 devono votare durante l’estate – e Mordaunt è stato il grande favorito, con il 27% di sostegno.

Lontano da Sunak, che aveva un sostegno del 13%, o dall’attuale ministro degli Esteri, Liz Truss, anche lei preferita dal 13%. La cosa rilevante del campione, però, era che Mordaunt devasterebbe, secondo queste proiezioni, qualsiasi rivale nella competizione finale, con cifre che raddoppiano il loro supporto rispetto al resto dei concorrenti. Mordaunt otterrebbe il 67% dei voti contro il 28% dell’ex ministro dell’Economia, secondo i sondaggi.

“Dobbiamo vincere le prossime elezioni. E io sono la scommessa migliore per ottenere quella vittoria. Sono il candidato di cui il partito laburista ha più paura. E ha molte ragioni per pensarlo”, ha detto Mordaunt durante la presentazione ufficiale della sua candidatura, questo mercoledì. Il video con cui ha presentato le sue proposte alla guida del Partito conservatore ha avuto gli ingredienti giusti tra bandiere, scene patriottiche e un tour a volo d’aquila del paesaggio britannico per risvegliare l’ardore patriottico che si annida nel cuore di molti Tory.

Sulla musica di sottofondo di I Vow To Thee, My Country di Gustav Holt, l’inno non ufficiale suonato per rafforzare che qualcosa è inglese come Oxford ivy, i tre minuti si concludono con la voce del candidato: “La nostra competizione per la leadership dovrebbe essere un un po’ meno sul capo e un po’ di più sulla nave.” Mordaunt ha ricordato in numerose occasioni il suo periodo come riservista per la Royal Navy (la Royal Navy).

Suo padre prestò servizio come paracadutista e lei come sottotenente sul cacciatorpediniere HMS King Alfred

Suo padre prestò servizio come paracadutista e lei come sottotenente sul cacciatorpediniere HMS King Alfred, ormeggiato permanentemente a Portsmouth. Dopo essersi laureata in Filosofia all’Università di Reading, ha lavorato come direttrice delle comunicazioni per il Partito Conservatore, sotto William Hague, e ha anche gestito le relazioni con la stampa estera per la campagna di George W. Bush per la presidenza degli Stati Uniti. Alcuni vogliono vederla come la reincarnazione di Margaret Thatcher, e lei stessa coltiva quell’evocazione.

Boris Johnson
Boris Johnson – Nanopress.it

Nel 2019, con Theresa May come Primo Ministro, Mordaunt è stata la prima donna a ricoprire il ruolo di ministro della Difesa. In precedenza era stata Ministro per lo Sviluppo Internazionale, e nel precedente governo, quello di David Cameron, aveva già ricoperto un paio di Segretari di Stato. Johnson l’ha tenuta nel suo esecutivo, ma l’ha relegata in posizioni minori. Prima delle dimissioni del primo ministro, era – ed è – responsabile del Segretario di Stato per il commercio internazionale.

Ha resistito nel governo, nonostante i suoi disaccordi con Johnson, e ha scelto di non unirsi alla cascata delle dimissioni, nel mezzo della crisi che si è conclusa con l’affondamento del presidente del Consiglio. Mordaunt è stata una delle voci che ha difeso l’uscita dall’Ue, nel referendum del 2016. E anche responsabile di un’affermazione che l’ha perseguitata fino ad oggi, quando ha assicurato che il Regno Unito non avrebbe mai potuto esercitare il veto per impedire l’ingresso imminente di La Turchia nell’Unione Europea.

Né era imminente, né il veto era impossibile, ma Mordaunt non ha mai rettificato una dichiarazione che finisse per far parte della serie di bugie che promuovevano la Brexit. Con una reputazione di irriverenza e un umorismo ironico, Mordaunt ha partecipato nel 2019 al reality show televisivo Splash, in cui alcune celebrità hanno imparato a saltare in piscina dal trampolino. Per un certo periodo, ha vinto la complicità e gli elogi del movimento LGBTIQ, quando ha affermato alla Camera dei Comuni che “una donna trans è una donna e un uomo trans è un uomo”.

Molestata da alcuni colleghi conservatori, che l’accusano di essere una candidata non adeguata, strizzando l’occhio alla sinistra e ignorando le guerre culturali condotte dall’ala sinistra del partito, Mordaunt ha da allora qualificato la sua posizione, come questo stesso articolo ha chiarito mercoledì: ” Sono legalmente una donna. Alcune persone che sono nate maschi e hanno subito un processo di riconoscimento del genere sono ora legalmente femmine. Ma questo non significa che siano biologicamente donne, come lo sono io”, ha difeso.