L’ascesa al trono del Re degli Zulù scatena timori di rivolta

Drappeggiato nella pelle di un leone appena cacciato e protetto dalle lance dei suoi guerrieri, il nuovo re degli Zulù sarà presentato sabato agli spiriti dei suoi antenati in una tradizionale incoronazione oscurata da aspre faide reali.

Misuzulu ka Zwelithini
Misuzulu ka Zwelithini – NanoPress.it

Tra accuse che vanno dall’incesto all’avvelenamento, l’elevazione di Misuzulu ka Zwelithini, 47 anni, a nono sovrano della nazione ha innescato la più grave crisi nella nazione Zulu nei due secoli da quando il suo fondatore Shaka Zulu è stato trafitto a morte dai membri della famiglia.

Misuzulu ka Zwelithini, 47 anni, a nono sovrano della nazione ha innescato la più grave crisi nella nazione Zulu

“Mi piace chiamarlo terrorismo domestico – terrorismo domestico di famiglia”, ha detto il nuovo monarca a proposito delle accuse e delle sfide legali mosse da quando è stato nominato erede di suo padre, il re Goodwill Zwelithini, morto l’anno scorso. Almeno altri due figli dei circa 28 figli del defunto re dalle sue sei mogli hanno rivendicato il trono, che viene fornito con un generoso stipendio dallo stato, autorità su quasi un quinto dei sudafricani come sudditi e su vasti tratti di Provincia di KwaZulu-Natal.

“La famiglia è ancora profondamente, profondamente divisa”, ha detto Misuzulu al New York Times. La polizia antisommossa su veicoli blindati Casspir è stata dispiegata per supportare i reggimenti Zulu al palazzo reale di Khangelamankengane in caso di violenza. Le tradizioni sono iniziate la scorsa notte quando il nuovo re ha condotto una caccia di successo in una riserva di caccia privata vicino al palazzo.

Il gruppo reale tornò nel kraal con un leone morto che, secondo i resoconti locali, il re aveva trafitto per prepararne la pelle e posato sulle sue spalle nude.La polizia antisommossa su veicoli blindati Casspir è stata dispiegata per supportare i reggimenti Zulu al palazzo reale di Khangelamankengane in caso di violenza. A supervisionare i riti, come ha fatto negli ultimi sette decenni, c’è il principe Mangosuthu Buthelezi, 93 anni, il tradizionale primo ministro curvo e sordo la cui autorità non è mai stata più messa alla prova.

“La nazione Zulu è stata profondamente angosciata dalle tensioni all’interno della famiglia reale”, ha detto Buthelezi, incolpando il conflitto sul rifiuto di “una manciata di membri” di accettare il diritto “indiscutibile” di Misuzulu a governare. Le tradizioni poligame e l’assenza di procedure scritte hanno visto le successioni contese per generazioni. Ma il primo da oltre mezzo secolo e dell’era post-apartheid si è giocato sui social e nelle corti tradizionali storicamente evitate dalla monarchia per dividere la nazione e trarre un’improbabile offerta di mediazione dalla principessa di un altro minuscolo regno — Principessa Charlene di Monaco.

“La nazione è stata profondamente angosciata dalle tensioni all’interno della famiglia reale”

“Ho assistito alla successione di tre re nella mia vita. Coerentemente con la nostra storia, la successione non è mai stata senza sconvolgimenti”, ha detto Buthelezi, aggiungendo che l’unione dietro il nuovo re offrirebbe stabilità e sicurezza per il futuro della monarchia.

Il funerale di Re Goodwill Zwelithini nel 2021
Il funerale di Re Goodwill Zwelithini nel 2021 – NanoPress.it

La legittimità del ruolo di Buthelezi è stata messa in discussione dai rivali della corona che sono indifferenti al suo lignaggio e al suo status; Buthelezi ha interpretato il suo antenato Re Cetshwayo nel film classico Zulu ed è stato un protagonista centrale nel dramma della vita reale dell’uscita del Sud Africa dal regime dell’apartheid.

Lo scorso fine settimana, in uno sfacciato golpe liquidato da Buthelezi come “sciocca provocazione”, il figlio maggiore vivente del defunto re Zwelithini, il principe Simakade ka Zwelithini, ha condotto la propria comune kraal con gli antenati a Palazzo Enyokeni prima di sedersi su un trono.

Mercoledì, il principe Buzabazi ka Zwelethini è stato nominato “vero erede apparente” dagli zii e dalla zia, le cui richieste giudiziarie per impedire l’incoronazione di questo fine settimana sono fallite. La cricca di fratelli è stata pressata l’anno scorso per negare le voci che avevano avvelenato la regina Shiyiwe Mantfombi Dlamini Zulu, la terza moglie del loro defunto fratello che morì improvvisamente poche settimane dopo essere stata nominata nel testamento di re Zwelethini come sua reggente e responsabile della nomina del suo erede.

Come confermarono Buthelezi e altri anziani, il candidato naturale sarebbe il re morto e il figlio maggiore della regina, Misuzulu, dal momento che Mantfombi era stata l’unica vedova con sangue reale del suo proprio fratello: suo fratello è il re Mswati III di Eswatini, ex Swaziland, e l’Africa unico monarca assoluto.

Secondo Buthelezi, è irrilevante se l’incoronazione “prima dei vivi e dei morti” porti problemi o se la faida reale infuria. Il nuovo re ricevette il potere quando suo padre esalava il suo ultimo respiro. “La cerimonia non installa il re poiché è già sul trono”, ha detto.