Hadi Matar, il boia che voleva eseguire la fatwa contro Salman Rushdie

Hadi Matar, il giovane che ha accoltellato lo scrittore anglo-indiano ammette di non aver letto più di un paio di pagine di ‘The Satanic Verses’, l’opera che ha provocato l’ira degli ayatollah iraniani, che nel 1989 hanno condannato a morte il suo autore.

Salman Rushdie
Salman Rushdie – NanoPress.it

Risuona ancora l’eco dei tamburi dell’Ashura, la celebrazione sciita del martirio dell’Imam Hussein, che quest’anno ricorreva il 9 agosto, quando un giovane di origine libanese, commesso in un discount e pugile dilettante, si è avventato con un coltello contro lo scrittore Salman Rushdie, condannato a morte nel 1989 dal regime teocratico iraniano.

Rushdie si stava preparando a tenere una conferenza il 12 venerdì – il giorno sacro per i musulmani

Rushdie si stava preparando a tenere una conferenza il 12 venerdì – il giorno sacro per i musulmani – nello Stato di New York occidentale. Fu allora che Hadi Matar irruppe in tribuna e i 33 anni di attesa da quando la pubblicazione della fatwa contro l’autore anglo-indiano stava per dissolversi in un bagno di sangue.

L’aggressore, 24 anni e figlio di genitori libanesi profughi negli Stati Uniti, ha confessato di non aver letto più di un paio di pagine de I versi satanici, il libro descritto come blasfemo dal grande Ayatollah Ruholá Khomeini, artefice del Rivoluzione islamica dell’Iran nel 1979. È probabile che non capisse il senso di quei versi, dotati di vita propria grazie alla potente inventiva di Rushdie, ma non aveva bisogno di obbedire ciecamente alla sentenza: uccidere l’empio che insultato l’Islam, e quindi la cui testa Teheran ha offerto più di tre milioni di dollari.

Dalla prigione, parlando al New York Post, mercoledì Matar ha mostrato la sua sorpresa per il fatto che Rushdie, gravemente ferito, sia ancora vivo, anche se potrebbe perdere un occhio. Aveva guardato le riprese del suo obiettivo sui video di YouTube per identificarlo, e ha deciso che l’occasione più propizia era una conferenza sul ruolo dell’America come rifugio per gli scrittori minacciati che Rushdie stava progettando di tenere prima che il goffo boia incrociasse il suo cammino.

Matar ha deciso di recarsi nella città di Chautauqua dopo che lo scrittore ha annunciato la sua presenza sui social network. “E’ uno che ha attaccato l’Islam”, ha detto al quotidiano di New York, giustificando l’attacco, pur senza confermare di aver agito in base alla fatwa di Teheran. “Rispetto l’Ayatollah. Penso che sia una grande persona.

Non posso dire altro», si limitò a rispondere al giornale. In termini quasi identici, nella prima reazione ufficiale dopo l’evento, si è espressa Teheran, che ha ritenuto Rushdie responsabile dell’attacco per aver insultato l’Islam, pur negando ogni rapporto con l’aggressore. Giovedì un giudice ha proibito alle parti di discutere o discutere il caso con i media. Tutto ciò che si sa di Matar, con un’esistenza anonima fino a una settimana fa, è dovuto alle pennellate sui media e sui social network.

I versetti satanici
I versetti satanici – NanoPress.it

Su Twitter sono emerse venerdì le prime informazioni sulla sua identità: accolito dei grandi ayatollah iraniani e titolare di patente falsa, rilasciata nel New Jersey, a nome di Hassan Mughniyah. Una strizzatina d’occhio, anche un tributo segreto, a un cognome quasi sacro per gli eserciti di Hezbollah, il partito della milizia sciita libanese: quello del martire Imad Mughniyah, che fu capo della sicurezza e uno dei più importanti comandanti della formazione, eliminato da Israele a Damasco nel 2008.

Diversi media iraniani, tutti nell’orbita ufficiale, hanno immediatamente elogiato Matar definendolo “un eroe libanese”.ribaltamento in libano È stato proprio in Libano che le convinzioni di Hadi Matar sono state capovolte. Nel 2018 ha trascorso un mese intero a Yarun, cittadina di Nabatiyeh, nel sud del Paese e roccaforte di Hezbollah. Era andato a trovare suo padre, a casa dopo aver divorziato dalla madre di Matar.

Il Libano meridionale, area a maggioranza sciita, è talmente attento che gli uomini evitano persino di stringere la mano alle donne straniere (infedeli per natura) che visitano le loro case, cosa contraddittoria, o almeno sconvolgente, con l’ospitalità tradizionale. Da quel soggiorno a Yarun il ragazzo è tornato trasformato, ha detto questa settimana sua madre al New York Times, in dichiarazioni quasi monosillabiche.

Ha smesso di parlare con i suoi fratelli e l’ha affrontata perché, come ogni madre, ha insistito sul valore degli studi per forgiare un futuro nel cosiddetto paese delle opportunità. Matar fece orecchie da mercante, e la sua esistenza quotidiana correva tra il negozio di abbigliamento discount dove lavorava con un contratto di spazzatura e una palestra a circa tre chilometri da casa sua, dove praticava la boxe.

L’attacco a Rushdie è arrivato due giorni dopo che gli Stati Uniti hanno accusato un membro delle Guardie Rivoluzionarie di aver tentato di assassinare John Bolton

In un’e-mail che ha inviato al direttore del centro per cancellare la sua registrazione appena tre giorni prima dell’attacco, un’immagine di Ali Khamenei, l’attuale leader spirituale dell’Iran, appare come avatar del suo account, il New York Times è stato in grado di verificare. Il direttore della palestra, che descrive Matar come un giovane magro e goffo, sempre dall’aria triste, ha notato la fotografia dopo l’evento.

Hadi Matar
Hadi Matar – NanoPress.it

Nulla nell’esistenza di Matar sembrava indicare che si stesse falsificando un terrorista, forse la sua insistenza sulla religione per rispondere alle lamentele di sua madre che avrebbe dovuto studiare. Ma una rassegna di eventi che coincidono con ciò che i media iraniani hanno battezzato come un’impresa permette di trarre conclusioni, o almeno certi collegamenti.

L’attacco a Rushdie è arrivato due giorni dopo che gli Stati Uniti hanno accusato un membro delle Guardie Rivoluzionarie, la forza d’élite iraniana, di aver tentato di assassinare John Bolton, che era il consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump. Lo stesso giorno, un afgano sunnita è stato arrestato ad Albuquerque, nello Stato del New Mexico, per l’omicidio di quattro musulmani, tre dei quali sciiti, che ha suscitato timori di vendetta settaria tra i due rami dell’Islam.

Nel frattempo, le voci sulla ripresa del patto nucleare iraniano stavano raggiungendo Washington a ondate. Se Matar sia o meno un anello della catena degli eventi, o un semplice lupo solitario, come crede la polizia, sarà determinato dalla giustizia. Ha abbastanza, per ora, per affrontare le conseguenze del tentativo di applicare il divino.