L’Argentina inizia la de-escalation dei sussidi energetici

In Argentina gli aiuti ufficiali alle società del gas e dell’elettricità hanno raggiunto il 2,3% del PIL nel 2021, prima del picco dei prezzi internazionali.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NanoPress.it

L’Argentina ha un grande buco fiscale a causa dei miliardi di dollari che stanzia sotto forma di sussidi alle società di produzione di energia. Questo venerdì, dopo mesi di ritardo, il governo di Alberto Fernández ha avviato un piano per ridurre questi contributi, uno degli impegni assunti a gennaio davanti al Fondo monetario internazionale (FMI). L’idea è che l’assistenza statale non raggiunga le famiglie più ricche, per concentrarla negli strati medi e bassi.

L’Argentina ha un buco fiscale di miliardi di dollari

La segmentazione tariffaria per reddito significherà un risparmio di 15.000 milioni di pesos (115 milioni di dollari) nel 2021 e 80.000 milioni nel 2022. Il processo inizia con una dichiarazione giurata che tutti gli utenti devono completare digitalmente. Se il reddito familiare supera l’equivalente di 3,5 panieri di base (circa 2.700 dollari al cambio ufficiale), o se possiede più di tre immobili o veicoli, perderà il sussidio.

Il calcolo ufficiale è che quasi un milione di persone smetterà di ricevere gli aiuti solo a Buenos Aires e nelle sue periferie. La segmentazione delle tariffe per reddito era un piano ideato dal ministro dell’Economia Martín Guzmán. Si è dimesso due settimane fa senza poterlo applicare a causa del rigetto del Kirchnerism, il settore della coalizione di governo che risponde alla vicepresidente, Cristina Kirchner.

Questo venerdì, uno dei suoi funzionari, Darío Martínez, è stato incaricato come Segretario dell’Energia di annunciare l’inizio del programma. “Da oggi inizia una nuova fase per quanto riguarda l’efficienza nell’uso delle sovvenzioni in Argentina. C’è una decisione di proteggere gli argentini in un mondo che non sta proteggendo i suoi cittadini.

In Europa ci sono il 400, 500 e 700% (di aumenti), tagli programmati in Cina in molte sue province e valori record dei prezzi dei carburanti. Realtà che non stanno accadendo in Argentina”, ha detto Martínez in una conferenza stampa. I sussidi energetici in Argentina precedono di anni lo scenario descritto da Martínez.

Cristina Kirchner li ha già applicati durante la sua amministrazione come diga contro l’inflazione. Mauricio Macri ha cercato di ridurli durante la sua amministrazione, ma ha ceduto di nuovo alla tentazione nel 2019, quando temeva che l’ascesa del CPI e la crisi gli costassero la rielezione, come finalmente è successo. Nel dicembre 2019, il governo di Alberto Fernández ha ricevuto un aumento del 50% del CPI e tariffe congelate per elettricità e gas.

L’Argentina ha firmato a gennaio con il FMI per rifinanziare un debito di 44 miliardi di dollari

E così li ha tenuti. Lo Stato acquista a prezzi di mercato dai produttori e vende a prezzo agevolato ai distributori, che evitano così di trasferire aumenti alle famiglie e alle imprese. Lo Stato oggi copre oltre il 65% del costo del gas e il 70% del costo dell’elettricità.

Cristina Fernández de Kirchner
Cristina Fernández de Kirchner – NanoPress.it

Un tale schema è molto costoso per il Tesoro ed è una delle principali fonti dell’emorragia di dollari che impedisce alla Banca Centrale di accumulare riserve e al Governo di ridurre il deficit. Solo l’anno scorso sono stati spesi 11 miliardi di dollari in sussidi, una cifra che quest’anno sarà molto più alta. Solo nei primi cinque mesi del 2022, prima dell’inizio dell’inverno e con la guerra in Ucraina ancora di scarso impatto, lo Stato ha pagato alle aziende 547,675 milioni di pesos, pari a 4,2 miliardi di dollari.

L’abbassamento di tale cifra fa parte dell’accordo che l’Argentina ha firmato a gennaio con il FMI per rifinanziare un debito di 44 milardi di dollari. Il problema che ha il Governo è che l’eliminazione dei sussidi non ha ripercussioni solo sui più poveri, sulla sua base elettorale; alimenta anche l’inflazione, oggi superiore al 60% annuo. Una famiglia di quattro persone paga in totale circa 20 dollari per il consumo di gas ed elettricità.

Il kirchnerismo ha fatto dei sussidi una politica statale, considerandoli redistributivi, sebbene fossero applicati a tutte le famiglie allo stesso modo, indipendentemente dal livello di reddito. I tentativi di Guzmán di promuovere la segmentazione gli sono valsi le peggiori critiche di Kirchner e un boicottaggio da parte dei quadri kirchneristi che controllano il Segretario dell’Energia.

La proposta di quel settore era di segmentare per localizzazione geografica, una strategia che permettesse al Governo di colpire o avvantaggiare le regioni in base al loro orientamento politico. Ma hanno dovuto cedere alle urgenze della crisi. Dopo le dimissioni di Martín Guzmán dal Ministero dell’Economia, il peso e le obbligazioni del debito argentino sono crollate.

Il rischio paese, che è il differenziale rispetto al tasso che gli USA pagano per il proprio debito, è superiore a 2.700 punti, valori di default. Silvina Batakis, la sostituta di Guzmán, è arrivata in Economia con l’approvazione di Kirchner. Ciò non gli ha impedito di promuovere un programma pro-mercato: ha promesso di onorare l’accordo con il FMI, di adeguare la spesa statale e di controllare l’inflazione. La riduzione dei sussidi fa parte di queste promesse.