Lady Diana: il suo fascino resta intatto a 25 anni dalla morte

Il modello Ford Escort RS Turbo S1 del 1985, con cui Lady Diana è stata fotografata al volante spesso accompagnata dai suoi figli, sarà venduta il 27 agosto.

Lady Diana al volante
Lady Diana al volante – NanoPress.it

Nei grandi eventi che circondano la famiglia reale britannica, siano essi matrimoni, funerali o visite ufficiali, è frequente vedere la regina Elisabetta II o i suoi figli e nipoti viaggiare con Rolls-Royce, il marchio scelto dalla monarca per i suoi viaggi. Tuttavia, Diana del Galles, che era conosciuta come la principessa del popolo, ha sempre voluto prendere le distanze dalla sua famiglia politica e se è fuggita da qualcosa durante i suoi anni nella casa reale, era protocollo.

Lady Diana: i ricordi della sua vita ancora sono oggetto di aste tra gli appassionati

Ecco perché non è stato strano vederla guidare durante il suo matrimonio con Carlo d’Inghilterra per portare i suoi figli, William ed Henry, a scuola, andare in palestra in abbigliamento sportivo, fare shopping o incontrare i suoi amici a pranzo.

Ora, una di quelle auto in cui è stata spesso fotografata al volante, il modello Ford Escort RS Turbo S1 del 1985, andrà all’asta il 27 agosto con un prezzo di partenza di 120.000 euro, come annunciato da Silverstone, la casa responsabile mettendolo in vendita.

“Si ritiene che l’auto sia unica in quanto prima e unica RS Turbo Series 1 nera”, afferma la casa d’aste sul suo account Instagram, dove spiega le caratteristiche dell’auto appartenuta a Diana tra il 1985 e il 1988. Questo modello era un Creazione esclusiva per Lady Dana, dal momento che, fino ad ora, tutti i veicoli di questo marchio erano bianchi. “Immatricolata il 23 agosto 1985, questa RS Turbo Serie 1 e il suo famoso pilota sarebbero stati fotografati ampiamente fuori dalle boutique di Chelsea e dai ristoranti di Kensington negli anni a venire.

Una foto per la stampa mostra il futuro re, sua altezza reale, il principe William, seduto nella parte posteriore con sua madre sorridente al volante”, aggiunge la casa d’aste nella pubblicazione. L’attesa generata da questa nuova asta di un oggetto appartenuto a Diana del Galles è un ulteriore esempio del fatto che la figura di Lady Di continua a suscitare fascino quando questo agosto ricorrerà il 25° anniversario della sua tragica scomparsa a Parigi.

Inoltre, e in linea con l’anniversario della sua morte, il 13 agosto uscirà The Princess, un documentario originale HBO in cui si racconta la sua vita, dalla relazione con Carlo d’Inghilterra, alla nascita dei suoi due figli, il suo noto e mediatico divorzio fino all’incidente stradale del 1997 che gli pose fine alla vita. Ma questa Ford, con poco più di 40.000 chilometri ed essendo passata nelle mani di diversi proprietari dopo Diana del Galles, non fu l’unico modello che la principessa possedeva di questo stesso marchio.

Nel 1981, due mesi prima del suo matrimonio, il suo allora futuro marito, Carlo d’Inghilterra, le regalò una Ford Escort Ghia d’argento

Nel 1981, due mesi prima del suo matrimonio, il suo allora futuro marito, Carlo d’Inghilterra, le regalò una Ford Escort Ghia d’argento come regalo di fidanzamento. Anche questa vettura, appartenuta a Lady Diana, è stata messa all’asta nel 2021, dopo essere stata in collezione privata per 20 anni, al prezzo di 40.000 euro. Prima di quest’ultimo modello del marchio americano, la principessa guidava una Ford Escort 1.6i Cabriolet rossa.

Lady Diana conduce una Ford Escort Ghia
Lady Diana conduce una Ford Escort Ghia – NanoPress.it

Questo veicolo, tuttavia, è stato ritenuto inadatto alla sicurezza di Diana in quanto aveva un tettuccio in tela manuale che offriva poca privacy e protezione zero, quindi ha dovuto smaltirlo poco dopo. Anche se Lady Di guidava la propria auto, andava sempre con una squadra di sicurezza, una guardia del corpo che l’accompagnava nei suoi viaggi. Per questo motivo il veicolo doveva avere anche alcune particolarità, come uno specchietto retrovisore secondario per il passeggero.

Il dipartimento di ingegneria della Ford ha anche verniciato l’auto e installato una radio nel vano portaoggetti, il cui filo è ancora visibile oggi, in modo che il team di sicurezza potesse essere in costante comunicazione, se necessario. Queste due auto non sono gli unici oggetti personali appartenuti a Diana del Galles che sono stati venduti all’asta per tutta la sua vita e dopo la sua morte.

Nel 2019 è stato messo in vendita uno dei suoi abiti più leggendari, un disegno di Victor Edelstein, che avrebbe indossato a un ballo con l’attore John Travolta durante un gala tenutosi alla Casa Bianca, e che ha superato i 400.000 euro. Nel 2020 sarebbe stata messa all’asta anche una lettera manoscritta di Lady Di, con le firme dei suoi figli, Guillermo ed Enrique. Ma, probabilmente, l’oggetto più curioso di tutti quelli appartenuti alla principessa e che sono stati venduti è stato un pezzo della torta nuziale che è stata servita al banchetto nuziale con il Principe di Galles, rimasta intatta per 40 anni. che è costato 2180 euro al miglior offerente.