La UE prepara nuove sanzioni contro la Russia

La Ue con la Von der Leyen afferma che questo nuovo giro di punizioni potrebbe includere ulteriori controlli sull’esportazione di tecnologia civile.

Ursula Von Der Leyen
Ursula Von Der Leyen – Nanopress.it

L’Unione Europea intende scuotere l’economia di guerra russa. I ministri degli esteri degli Stati membri hanno convenuto di promuovere un nuovo pacchetto di sanzioni contro il regime di Vladimir Putin, dopo le minacce nucleari del capo del Cremlino contro l’Occidente, la sua dichiarazione di “mobilitazione parziale” – la prima decretata in Russia dalla seconda guerra mondiale, per aumentare le sue truppe in Ucraina e l’indizione di pseudo referendum nei territori ucraini occupati per annetterli alla Russia.

Putin minaccia di dare sempre meno gas ai Paesi della Ue

I rappresentanti esteri dei Ventisette hanno concordato in una riunione convocata d’urgenza a New York, dove partecipano all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, di inviare più armi in Ucraina, dove la riuscita controffensiva a est delle truppe di kyiv ha ottenuto il ritiro delle forze del Cremlino. Il nuovo pacchetto di sanzioni, l’ottavo, punta nuovamente all’economia russa e alle persone legate alla guerra di Putin contro l’Ucraina.

In un contesto di crisi dovuto al calo dell’approvvigionamento di gas russo, con i prezzi dell’elettricità alle stelle in tutta Europa e mentre Putin minaccia di dare sempre meno gas all’Europa, potrebbe essere più difficile raggiungere l’unità tra i Ventisette per portare a termine questo nuovo pacchetto di sanzioni.

Martedì, un giorno prima della decisione di Putin di mobilitare circa 300.000 uomini per mandarli in Ucraina a combattere e della richiesta di voti per assorbire i territori ucraini occupati, l’Ungheria si è nuovamente espressa contro.

Il suo primo ministro, Viktor Orbán, vicino a Putin, sostiene che le sanzioni danneggiano l’Europa e alimentano la crisi energetica. Tuttavia, dopo l’escalation e le clamorose minacce di Putin di utilizzare armi nucleari, aumentano le voci che chiedono una vigorosa reazione da parte dell’UE, che ha definito le misure di Putin come un segno di debolezza e che sta perdendo la guerra.

“Abbiamo deciso di presentare quanto prima ulteriori misure restrittive nei confronti della Russia in coordinamento con i partner”, ha affermato l’alto rappresentante per la politica estera dell’UE, Josep Borrell, dopo l’incontro con i ministri degli Esteri dei Ventisette, in che hanno sentito a Dmitro Kuleba, il capo della diplomazia ucraina. “Continueremo a sostenere gli sforzi dell’Ucraina fornendo equipaggiamento militare”, ha detto senza approfondire.

In precedenza, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha rimarcato in un’intervista alla CNN che proporrà di inserire ulteriori controlli sull’esportazione di tecnologia civile. Mosca insiste sul fatto che non funzionano le sanzioni dell’UE, che includono il divieto di materie prime come il carbone e che prendono di mira anche il mercato russo di esportazione e importazione, oltre a un buon numero di persone legate al Cremlino (dai funzionari agli oligarchi, passando per parenti della cerchia più stretta di Putin).

Le forze di sicurezza russe hanno arrestato mercoledì più di mille persone

A questi ultimi è vietato entrare nel territorio comunitario e hanno visto congelare i propri beni in Europa. Ma la realtà è ostinata di fronte alla propaganda mediatica proveniente dall’orbita del regime russo, ed è che le sanzioni stanno colpendo il mercato russo con esempi basilari come le compagnie aeree che riutilizzano parti di vecchi aerei per tenere gli aerei in aria. di componenti.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

La decisione di Putin di ordinare una mobilitazione che ha definito “parziale”, ma in cui lascia aperte le autorità regionali al reclutamento, ha alimentato il panico in molte case russe, che potrebbero iniziare a rivedere la propria consapevolezza della guerra, di fronte alla propaganda del Cremlino che la Russia sta combattendo un’Ucraina “neo-nazista”.

Le forze di sicurezza russe hanno arrestato mercoledì più di mille persone che sono uscite a manifestare in piccole marce in diverse città russe, un’azione non banale, poiché la Russia penalizza chi protesta, e più contro una guerra che nemmeno si può citare: il Cremlino ha proibito di chiamarla così e la chiama “operazione militare speciale”.

Il nuovo pacchetto di sanzioni potrebbe essere formalizzato ad ottobre, quando i ministri degli Esteri degli Stati membri si riuniranno a Bruxelles, anche se il sesto pacchetto di sanzioni (il settimo era, infatti, quello di coprire le crepe nelle misure precedenti) ha richiesto più di quattro settimane di trattative andare oltre.

Si aggiungerebbero alle misure contro le esportazioni dalla Russia, che deteneva il 50% del suo mercato nell’UE; un veto sul petrolio importato via nave; la disconnessione delle banche russe dal sistema di comunicazione finanziaria SWIFT, strumento fondamentale per le relazioni economiche internazionali, e il divieto di trasmettere nel territorio comunitario alcuni canali televisivi legati al Cremlino.

Inoltre, è stata limitata l’esportazione di numerosi beni essenziali per l’industria russa, come semiconduttori, apparecchiature aeronautiche o tecnologia per i settori dell’energia e dello spazio. È stata inoltre vietata l’esportazione nell’UE di carbone, ferro, acciaio, legno o cemento. Anche i pacchetti di sanzioni europee hanno colpito i trasporti. Da febbraio, a tutte le compagnie aeree russe è stato vietato l’ingresso nello spazio aereo dell’Unione o il decollo da qualsiasi aeroporto di uno Stato membro.