La Russia vuole far rivivere i marchi automobilistici sovietici

Fabbriche chiuse, parti mancanti: l’industria automobilistica della Russia è in crisi. Ora Mosca sta cercando di ripartire con nomi di modelli sovietici. Un progetto bizzarro che nasconde dei pericoli.

BMW 7
BMW 7 – NanoPress.it

Le sanzioni occidentali imposte dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia hanno quasi paralizzato l’industria automobilistica russa. Poco dopo l’inizio della guerra, diversi produttori hanno smesso di importare veicoli. I produttori tedeschi VW, BMW e Mercedes-Benz hanno chiuso le loro fabbriche russe. Successivamente, anche la casa francese Renault si è ritirata dalla Russia.

VW, BMW e Mercedes-Benz e Renault si sono ritirati dalla Russia

Con conseguenze devastanti: a maggio, solo 3.720 veicoli sono usciti dalla catena di montaggio in Russia, con un calo del 96,7%. Ora segue una specie di reazione di sfida. Il ministro dell’Industria russo Denis Manturov ha affermato che c’erano piani per “rivitalizzare ‘Volga’ o ‘Pobeda’ – o anche entrambi”. Poche settimane fa, il sindaco di Mosca Sergei Sobyanin ha annunciato che avrebbe riattivato l’ex stabilimento Renault di Mosca. Il marchio cult sovietico “Moskvich” deve essere resuscitato lì.

Il Moskwitsch-400 costruito dalla fabbrica di veicoli MSMA dal 1947 era un remake della Opel Kadett del 1938. I suoi impianti di produzione erano stati portati da Rüsselsheim a Mosca come riparazione. Il marchio Moskvich è fallito nel 2006, dopo che erano state prodotte più di quattro milioni di auto di vario tipo. Probabilmente non è un caso che il marchio Volga, tra le altre cose, debba essere ripreso: in epoca sovietica, le limousine Volga erano veicoli visivamente opulenti e robusti, guidati principalmente da funzionari.

Modelli Volga tecnicamente offerti nella media migliore. Ad esempio, è stata sviluppata una trasmissione automatica per il modello GAZ M-21 Volga con cambio manuale a tre velocità costruito dal 1956, ma non è stato consegnato un solo modello automatico.Sembra urgente una ripartenza, se necessaria con marchi dal ferro antichissimo. Il mercato dell’auto si è ridotto drasticamente. A maggio in Russia sono state vendute meno di 25.000 auto nuove (in calo dell’83,5% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso), a prezzi ben al di sopra dei livelli precedenti.

Secondo l’Association of European Business, questa è la vendita mensile più bassa degli ultimi quindici anni.Soprattutto, mancano componenti moderni o addirittura innovativi: questo era un problema nell’industria automobilistica russa anche prima dell’imposizione delle sanzioni. Nello stabilimento Avtovas di Tolyatti, di cui la Renault era il proprietario di maggioranza fino al suo ritiro cinque settimane fa, i veicoli Lada Granta Classic sono stati costruiti di nuovo dall’8 giugno, ma ricordano i villaggi Potemkin su ruote.

A maggio, solo 3.720 veicoli sono usciti dalle catene di montaggio russe

Il termine è associato alla leggenda secondo cui l’imperatrice Caterina la Grande fu condotta attraverso presunti villaggi modello russi nel 19° secolo, che un feldmaresciallo di nome Potemkin aveva costruito grazie ad uno scenario teatrale. Lo riporta il quotidiano britannico “Guardian”, le Lada sono uscite dalla catena di montaggio senza ABS, airbag, navigazione e moderni sistemi di controllo delle emissioni. Apparentemente, i regolamenti sulle licenze sono stati ridimensionati di conseguenza.

Vladimir Putin
Il presidente russo Vladimir Putin – Nanopress.it

“È già legale non avere ABS o airbag in Russia”, ha affermato Luca de Meo, CEO di Renault, in una conferenza a Parigi.”Siamo di fronte al primitivismo e veniamo rimandati indietro di un decennio rispetto al resto del mondo”, ha affermato Georgij Ostapkowitsch, specialista automobilistico presso la Higher School of Economics di Mosca, dal portale di notizie “Bloomberg”. Qualche tempo fa, la leadership politica russa ha parlato di espropriare le fabbriche dei produttori occidentali e di raccogliere i loro brevetti in caso di ritiro delle case automobilistiche.

Il momento sembra essere arrivato, ma il vero problema non è risolto. Manca quasi tutto per costruire automobili. “La nostra industria automobilistica dipendeva da componenti esteri”, afferma Ostapkowitsch. »Non c’erano praticamente fabbriche che non funzionassero su piattaforme straniere. La Russia era solo una catena di montaggio.«Ora questa catena di montaggio deve ricominciare.

Ma la grande domanda è: con cosa? In queste condizioni, ci vogliono cinque anni per avviare una nuova produzione di auto su scala più ampia in circostanze normali. Ma di certo non può essere fatto in poche settimane”, afferma Arthur Kipferler, esperto automobilistico presso la società di consulenza Berylls. Rimane discutibile se i marchi automobilistici russi con tecnologia ridotta possano effettivamente essere riattivati ​​con successo. Tuttavia, il processo di ripartenza potrebbe essere accelerato se, ad esempio, le case automobilistiche e i fornitori cinesi colmessero le lacune create dalle sanzioni.

Naturalmente è ipotizzabile che un’azienda cinese avvii la produzione su licenza del proprio modello in una fabbrica russa. Supponendo il sostegno politico appropriato, ciò potrebbe essere raggiunto probabilmente in sei mesi”, afferma Kipferler.