La Russia vieta la pubblicazione del quotidiano vincitore del Premio Nobel

In Russia un tribunale annulla la licenza dell’edizione stampata della “Nóvaya Gazeta” per non aver espletato un procedimento amministrativo, lo stesso giorno in cui il giornalista russo Iván Safronov viene condannato a 22 anni.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

Sabato, alla Camera dei sindacati di Mosca, il giornalista e premio Nobel per la pace Dmitri Muratov si è messo in disparte per un momento sotto il ritratto che ha presieduto i funerali dell’ultimo leader sovietico, Mikhail Gorbaciov, le cui riforme hanno reso possibile la libertà che ha consentito di di fondare la Nóvaya Gazeta nel 1993. Questo lunedì, quasi 30 anni dopo, la giustizia di Vladimir Putin ha proibito la pubblicazione cartacea del suo giornale, anche se presto potrebbe essere aggiunta anche la versione digitale.

In Russia si continua a far tacere la stampa non omologata

Il suo veto si aggiunge alla condanna di questo lunedì a 22 anni di carcere per il giornalista Iván Safronov, ciliegina sul blocco di altri media russi che in precedenza erano stati dichiarati agenti stranieri e persino “organizzazioni indesiderabili”, categoria paragonabile a quella di estremisti e terroristi. Un tribunale di Mosca ha accolto la richiesta dell’organismo di controllo delle telecomunicazioni, Roskomnadzor, di annullare la licenza di Nóvaya Gazeta per non aver consegnato un documento, l’atto costituzionale della redazione, entro i termini stabiliti dalla legge sui media.

Secondo i giudici, il giornale, rifondato nel 2002, è passato di mano nel 2006 e questo significa che è diventato un nuovo mezzo. “Riteniamo che sia una decisione politica, quindi legalmente è nulla”, ha detto Nadezdha Prusenkova, capo della comunicazione del giornale. “Siamo totalmente contrari a questa sentenza e faremo appello.

“Continueremo a vivere e combattere, la Nóvaya Gazeta esisterà”, ha aggiunto il giornalista di un mezzo che nel corso della sua lunga storia ha dovuto affrontare non solo censure e minacce più o meno velate, ma anche l’omicidio e il tentato avvelenamento di molti dei suoi giornalisti per le loro indagini sulle autorità e sulle violazioni dei diritti umani in Russia.

“Continueremo a vivere e combattere, la Nóvaya Gazeta esisterà”

Murátov, direttore di Nóvaya Gazeta, ha rivelato all’agenzia di stampa statale Tass che la Corte Suprema russa prevede di studiare presto un’altra causa simile contro la versione digitale del mezzo. “Presenteremo ricorso, ovviamente”, ha affermato il premio Nobel per la pace 2021, l’ultimo russo dopo Gorbaciov nel 1990. Il 28 marzo, la direzione della Nóvaya Gazeta ha deciso di sospendere temporaneamente la sua attività, “fino alla fine dell’operazione speciale sull’Ucraina”, a causa delle minacce che si stavano pianificando contro la sua redazione.

Stampa
Giornalisti – Nanopress.it

Il giornale aveva ricevuto un avvertimento da Roskomnadzor per aver pubblicato materiale sul web che menzionava un’altra organizzazione che era stata dichiarata agente straniero senza segnalarlo adeguatamente, secondo i criteri del Cremlino. Settimane prima, il quotidiano aveva dovuto cancellare anche diversi articoli per violazione della legge che il parlamento ha annunciato e approvato in poche ore il 4 marzo, la riforma che punisce con il carcere “il discredito delle forze armate della Federazione Russa”.

Tra i testi cancellati, una rubrica di Muratov in cui descriveva come “guerra” quella che Putin chiama “operazione speciale”. Proprio l’etichettatura degli agenti stranieri era servita come pretesto a dicembre per chiudere l’ONG Memorial, movimento nato negli anni Ottanta per portare alla luce i crimini sovietici. I giudici hanno esaminato attentamente ogni pubblicazione di ogni social network e persino i biglietti da visita.

In effetti, il 14 giugno la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che il governo russo ha abusato della legge sugli agenti stranieri per limitare i diritti di molte organizzazioni e individui. In ogni caso, una denuncia simbolica: il 16 settembre la Russia si ritirerà formalmente dalla Convenzione europea dei diritti dell’uomo.