La Russia non è un Paese per gay

La Duma, il parlamento della Russia, annuncia un inasprimento legale per mettere la museruola al gruppo e vieta la diffusione di qualsiasi “informazione che dimostri rapporti sessuali non tradizionali”.

Attivista gay arrestato
Attivista gay arrestato – NanoPress.it

La repressione della comunità LGTB raggiungerà una nuova scala in Russia a partire dall’autunno, quando saranno approvati nuovi regolamenti per relegare il gruppo all’ostracismo. La Duma di Stato, la camera bassa russa, ha annunciato lunedì che modificherà una legislazione già molto severa in precedenza al fine di vietare la diffusione di manifestazioni pubbliche di affetto tra queste persone e le manifestazioni con qualsiasi mezzo di sostegno ai loro diritti.

La repressione della comunità LGTB si inasprirà in Russia a partire dall’autunno

Nel 2013 è stata approvata la cosiddetta Legge contro la propaganda omosessuale per vietare di parlare del gruppo di fronte a minori, sia dalle scene di un film che dalle semplici conversazioni. “Si applicava solo ai bambini. Naturalmente, questo non basta”, ha sottolineato a Telegram il capo del Comitato per la politica dell’informazione della Duma, Alexandr Jinshtein. Il Ministero dello sviluppo digitale e l’organo di censura delle telecomunicazioni, Roskomnadzor, stanno già lavorando alla riforma legale.

“In generale, proponiamo di estendere il divieto di tale propaganda a tutte le età, nei media, dentro e fuori Internet e sui social network, e di stabilire una sanzione amministrativa per questa propaganda”, ha scritto Jinshtein, che si è collegato a questo legge contro gli omosessuali altro emendamento che punirà duramente “la promozione della pedofilia”.

“Sarà vietata anche la diffusione tra i bambini non solo di propaganda, ma di qualsiasi altro tipo di informazione che dimostri rapporti sessuali non tradizionali” e quelle che lui chiama “perversioni”, ha aggiunto l’alto funzionario, che ha aperto un sondaggio per chiedere maggiori segnalazioni ai cittadini con cui perseguitare il gruppo: “Considero questo compito estremamente importante; non solo come presidente di un comitato competente della Duma di Stato, ma anche come padre di due figli”.

La Fondazione Sfera, ONG che riunisce la rete delle associazioni LGTBI in Russia, ha indicato sul proprio sito web che la riforma potrebbe comportare sanzioni fino a 500.000 rubli (8.000 euro) per le persone fisiche, o 10 milioni per le persone giuridiche (160.000 euro) , la cui attività potrebbe essere sospesa. La stesura della nuova legge da parte di vari enti governativi contrasta con l’introduzione “innocente” del dibattito di Telegram fatta dal presidente della Camera, Viacheslav Volodin, l’8 luglio, giorno di una nuova festa ufficiale: il giorno della famiglia, amore e fedeltà.

Involuzione “Con l’uscita [della Russia] dal Consiglio d’Europa, le richieste di legalizzare i matrimoni tra persone dello stesso sesso sono diventate un ricordo del passato. I tentativi di imporre valori stranieri alla nostra società sono falliti”, ha scritto Volodin nel suo profilo personale in occasione della nuova vacanza istituita da Putin, divorziato nel 2013. La riforma legale contro la minoranza LGBT è stata anche sostenuta con entusiasmo dalla Chiesa ortodossa russa.

«Proprio oggi, quando i nostri giovani sono soggetti alla continua manipolazione della loro coscienza da parte della collettività occidentale, è necessario introdurre per legge un rigido divieto e adeguate sanzioni contro coloro che propagano perversioni non solo tra i minori, ma anche tra una popolazione adulto pubblico”, ha detto all’agenzia di stampa TASS il capo della commissione patriarcale per gli affari di famiglia, Fyodor Lukyanov.

Multe di 8.000 euro per le persone fisiche, o 160.000 euro per le persone giuridiche

Le misure adottate contro il collettivo LGTB si sono aggiunte una dopo l’altra nel corso degli anni con il silenzio della società russa. La riforma costituzionale fatta dal Cremlino nel luglio 2020 ha protetto il matrimonio e lo ha limitato all’eterosessualità introducendo nella Magna Carta che è esclusivamente “l’unione di un uomo e una donna”. Da parte sua, il presidente russo aveva avvertito nel dicembre dello scorso anno che il suo Paese aveva bisogno di un “antidoto” contro i principi occidentali “non tradizionali”.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

“Non possiamo evitarlo. Dobbiamo solo trovare un antidoto efficace. Se qualcuno pensa che una donna e un uomo siano la stessa cosa, allora, per amore di Dio, un po’ di buon senso”, ha detto il presidente in conferenza stampa annuale, dove ha sottolineato che “una donna è una donna, un uomo è un uomo , una madre è una madre”. In un’intervista concessa a questo giornale dal primo politico transessuale in Russia, la presidente regionale dell’Iniziativa dei cittadini nella regione dell’Altai, Yulia Alióshina, ha denunciato le difficoltà incontrate dalla minoranza nel suo Paese.

“Il collettivo LGTB è in Russia immerso nell’oscurità. Il governo lo fa rinchiudere nell’armadio e non uscire allo scoperto. E se il governo li fa nascondere, bisogna parlare apertamente”, ha sottolineato. Poco dopo, a gennaio, un ex capitano del Servizio di sicurezza federale (FSB) si è unito alla sua richiesta di un trattamento equo. Katerina Meyers, Alexandr Chumakov prima di iniziare la sua transizione nel 2020, ha detto al quotidiano indipendente Znak che la sua sessualità non era stata un problema durante i suoi 12 anni di carriera professionale, ma ha dovuto dimettersi quando i suoi colleghi lo hanno scoperto. “Voglio combattere contro questo sistema discriminatorio.

Ci sono molte persone come me nei servizi speciali. Ci sono anche gay e lesbiche. Questo li rende cattivi dipendenti?”, ha detto nell’intervista. La tua lotta non può essere supportata da nessuna organizzazione indipendente. Il Cremlino ha liquidato la Fondazione Sfera ad aprile. “Questa palese censura politica omofobica viola gli obblighi in materia di diritti umani”, ha affermato Human Rights Watch. Anche questa ONG, come Amnesty International e una dozzina di altre, è stata espulsa dal Paese di fronte all’indifferenza generale.