La Russia e il Kazakistan: tra paura (dell’impero) e interessi nazionali

La guerra della Russia contro l’Ucraina e la futura adesione di Finlandia e Svezia alla NATO hanno focalizzato l’attenzione internazionale sui confini occidentali dello stato russo, con particolare riguardo al Kazakistan.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

Ma forse ora è utile guardare altrove, ai confini dell’Asia meridionale, che (oltre a Cina e Mongolia) separano la Russia dal Kazakistan. Questo paese dell’Asia centrale, ricco di minerali e idrocarburi e con accesso al Mar Caspio, ha una superficie equivalente a più di cinque volte l’Italia e meno di 19 milioni di abitanti. Il Kazakistan è un alleato della Russia nell’Unione economica eurasiatica e nell’Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva.

Il Kazakistan afferma la propria politica estera prima di Mosca

Con oltre 7.500 chilometri di lunghezza, il confine kazako-russo è uno dei più lunghi del mondo. Questa realtà unita alle tradizionali relazioni commerciali ed economiche bilaterali e al timore di una nuova esplosione neoimperialista da Mosca (questa volta verso le regioni settentrionali del Kazakistan ad alta densità di russofoni) sono fattori che il presidente kazako Kasim-Kazi deve affrontare Yomart Tokaev.

Con variazioni locali, schemi simili possono essere applicati agli altri quattro stati post-sovietici dell’Asia centrale (Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan e Turkmenistan). Ognuno di loro dovrà decidere se aiutare (e se sì, come) Mosca per cercare di evitare le sanzioni che l’Occidente le ha imposto a seguito dell’invasione dell’Ucraina. Tutto è relativo, sia l’isolamento che la Russia vuole evitare attraverso “importazioni parallele” sia l’importanza e la capacità di questi paesi di aiutarla, se lo decidono o lo consentono.

La posizione di ogni stato dipenderà dal suo potere, dalla sua visione di sé nel mondo e dalle sue aspirazioni a collaborare con l’Occidente e ad accedere alle sue tecnologie. In questo gioco la Cina è un tassello fondamentale, per via del grande peso economico di Pechino in un’area del mondo dove l’influenza dell’ex potenza coloniale è stata ampiamente oscurata dal colosso emergente.

Parte dei Paesi dell’Asia centrale, che si preparano alle “nuove realtà”, oggi accolgono gli emigranti russi, danno loro l’opportunità di fondare società e facilitano anche l’emissione di carte di credito per aggirare le sanzioni. Tutti questi paesi hanno beneficiato della cooperazione con la Russia in alcuni campi, dall’esercito all’istruzione, attraverso le rimesse degli emigranti. E tutti questi paesi hanno paura.

Per questo le dichiarazioni di Tokayev a San Pietroburgo a metà giugno sembrano simboleggiare una politica internazionale indipendente da Mosca. Al forum economico di San Pietroburgo, il presidente kazako ha dichiarato a Putin ciò che altri suoi colleghi alleati tacciono. Vale a dire, che non riconoscerebbe le cosiddette repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, né Taiwan, Ossezia del Sud, Abkhazia o Kosovo, perché, se lo facesse, il numero degli Stati membri dell’ONU aumenterebbe da 193 a oltre 500 o 600, che sarebbe “caos”.

Il leader kazako ha anche rifiutato un’importante decorazione statale russa, dicendo che era la sua politica in generale, ma ha espresso il desiderio di una maggiore collaborazione con la Russia nel quadro dell’Unione economica eurasiatica. Tuttavia, mentre Putin si vantava di poter sostituire le importazioni occidentali con la propria produzione o quella di altri, Tokayev ha sostenuto l’apertura al mondo e la collaborazione con tutti gli attori. Né condivideva i commenti apocalittici di Putin sull’Occidente.

Il Kazakistan ha mantenuto un corso politico equilibrato e attento per non alienarsi i russi

Così, in condizioni molto delicate, Tokayev ha riaffermato la politica “multidimensionale” del suo predecessore, Nursultan Nazarbayev. “Le sanzioni esistono e noi ne teniamo certamente conto nella nostra strategia economico-commerciale“, ma “al tempo stesso il Kazakistan ha degli obblighi legati ai nostri precedenti accordi con la Federazione Russa”, ha affermato. E il presidente kazako ha incontrato anche nazionalisti russi (politici, commentatori e giornalisti) che si comportano in modo aggressivo e rude nei confronti del Kazakistan e minacciano quel Paese con lo spettro dell’invasione dell’Ucraina.

Nursultan Nazarbaev
Nursultan Nazarbaev – NanoPress.it

A differenza dell’Ucraina, il Kazakistan ha mantenuto un corso politico equilibrato e attento per non alienarsi i russi, ma il Paese si sta muovendo con cautela e fermezza verso la sostituzione dell’alfabeto cirillico con l’alfabeto latino, previsto per il 2025. Attualmente il kazako è la lingua di Stato e Il russo è la lingua ufficiale. I segnali che indicano la politica estera indipendente del leader kazako non corrispondono a una democratizzazione o liberalizzazione politica all’interno del Kazakistan, dove continua a praticare una politica repressiva e autoritaria e di polizia, secondo i media kazaki scettici sull’abilità e volontà di Tokáyev in questo ambito.

Di recente, il Kazakistan ha annunciato che invierà truppe di mantenimento della pace nell’ambito delle Nazioni Unite nella Repubblica Centrafricana, Congo, Mali e Libano. In totale, 430 soldati di diversi corpi e gradi. Questa decisione aumenta il numero delle missioni di pace del Kazakistan presso le Nazioni Unite e curiosamente le estende agli ambienti in cui sono stati o sono i combattenti pagati dalla compagnia russa Wagner.

Un esempio delle situazioni in cui il Kazakistan potrebbe trovarsi in futuro è il caso della nave kazaka Zhibek Zholi, salpata dal porto ucraino di Berdyansk (occupato dalla Russia) in direzione della Turchia. Kiev ha chiesto ad Ankara di arrestare la nave, sostenendo che trasportasse grano ucraino rubato (7.000 tonnellate, secondo alcune cifre; 4.500, secondo altri). Il mercantile è stato affittato dal suo proprietario (una compagnia di navigazione del Kazakistan) a una società russa, che a sua volta ha firmato un contratto di trasporto con una società con sede in Estonia.