La Nato accusa la Cina di “sovvertire l’ordine internazionale”

Il nuovo Strategic Concept cita per la prima volta il colosso asiatico (la Cina), che accusa di “sfidare” la sicurezza e i valori della Nato.

Nato, il summit di Madrid 2022
Nato, il summit di Madrid 2022 – NanoPress.it

“Le ambizioni dichiarate e le politiche coercitive della Cina sfidano i nostri interessi, sicurezza e valori”. Con questa frase il colosso asiatico compare per la prima volta nella storia citato in un Concetto strategico della NATO. Non è definita una “minaccia” come la Russia, ma è chiaro dalla formulazione che la sua crescente influenza è di grande preoccupazione per gli alleati.

La Nato individua Russia e Cina come principali ‘avversari’

E, soprattutto, è preoccupante “l’approfondimento dell’associazione strategica tra Repubblica popolare cinese e Federazione russa ei loro tentativi che si rafforzano a vicenda per minare le norme su cui si basa l’ordine internazionale”. “Si sforza di sovvertire l’ordine internazionale basato sulle regole, anche nei settori spaziale, informatico e marittimo”, aggiunge.

Sebbene il documento approvato dai 30 alleati affermi che la Nato resta aperta a un “impegno costruttivo” con Pechino, contiene dure accuse contro la dittatura cinese. “Le sue operazioni ibride e informatiche dannose e la sua retorica di confronto e disinformazione minano la sicurezza dell’Alleanza”.

Il testo non finisce qui, sottolinea anche che la dittatura asiatica “mantiene opacità sulla sua strategia, le sue intenzioni e la sua accumulazione militare” e che intende utilizzare il suo potere economico e industriale per “creare dipendenze strategiche e rafforzare la sua influenza”.

Per sottolineare l’intenzionalità del cambiamento che queste affermazioni implicano sulla deliberata omissione di strategie precedenti, il segretario generale dell’organizzazione militare, Jens Stoltenberg, ha evidenziato nella sua apparizione dopo l’approvazione del Concetto strategico 2022: “Non citiamo la Cina con una sola parola”.La NATO non si ferma alla semplice retorica sulla Cina.

Al vertice di Madrid, sempre per la prima volta nella storia dell’Alleanza, hanno partecipato paesi che, pur trovandosi geograficamente nell’area del Pacifico, sono chiaramente collocati nell’orbita geopolitica e democratica occidentale: Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Corea del Sud . Tutti e quattro sono stretti alleati degli Stati Uniti, che di conseguenza li allontana dal grande colosso asiatico.

L’Ucraina oggi potrebbe essere l’Asia orientale domani

“L‘Ucraina oggi potrebbe essere l’Asia orientale domani”, ha affermato Hikariko Ono, addetto stampa al ministero degli Esteri giapponese, riassumendo le preoccupazioni di diversi paesi democratici della regione sui rischi posti dai tentativi sempre più espropriati della Cina di proiettare la propria influenza.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

Se qualcosa si teme in quella zona del pianeta, è che si snoda un capitolo simile a quello vissuto nell’Est Europa con Taiwan, isola su cui la Cina rivendica la sovranità dopo la guerra civile e la successiva divisione che sperimentato, dopo la seconda guerra mondiale.

Quella che l’ha detto più chiaramente, invece, è stata la ministra degli Esteri britannica, Liz Truss: “La Cina segue da vicino l’Ucraina; stanno espandendo le loro capacità militari e stanno estendendo la loro influenza globale”.

“C’è il rischio reale che si faccia un’idea sbagliata e si traduca in un errore di calcolo catastrofico, come l’invasione di Taiwan. Questo è esattamente ciò che vediamo nel caso dell’Ucraina, un errore di calcolo strategico di Putin”.

“È certamente molto preoccupante che la Cina stia ora facendo dichiarazioni sulla NATO, che stia facendo dichiarazioni sulla sovranità delle Isole Falkland […] ed è per questo che è così importante che la NATO risponda con il nostro Concetto strategico, che fa specifico riferimento in Cina”, ha aggiunto il capo della diplomazia britannica.