Guerra in Ucraina, persi i contatti con la centrale di Zaporizhzhya

Guerra in Ucraina: l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha riferito di aver perso i contatti con la centrale di Zaporizhzhya.

Rafael Mariano Grossi
Rafael Mariano Grossi – Nanopress.it

I soldati russi che controllano un’enorme centrale nucleare in Ucraina stanno trattenendo i suoi lavoratori, sottoponendoli a brutali interrogatori e rapimenti mentre cercano sabotatori e partigiani, costringendo molti a fuggire e sollevando preoccupazioni per la sicurezza degli impianti, secondo quanto riferito, ai media occidentali, dai funzionari nucleari ucraini.

Guerra in Ucraina, perso contatto con la centrale di Zaporizhzhya

Sia il Wall Street Journal che il New York Times hanno parlato di abusi che sono avvenuti alla centrale nucleare di Zaporizhzhya, la più grande del suo genere in Europa, invasa dalle forze russe il 4 marzo 2022.

L’impianto e i suoi sei reattori di costruzione sovietica si trovano nell’Ucraina meridionale, nella città di Enerhodar, sul lato orientale del fiume Dnipro. Con 11.000 lavoratori, l’impianto occupa una posizione strategicamente importante e i problemi di sicurezza nell’impianto rendono complicata qualsiasi controffensiva ucraina per riprendere l’area.

Il Times afferma che le forze russe hanno fortificato l’esterno dell’impianto con trincee e artiglieria pesante. All’interno dello stabilimento, le truppe stanno intensificando le misure per trovare chiunque pensino possa rappresentare una minaccia, secondo i funzionari locali e dello stabilimento che hanno parlato con entrambi i giornali.

Le persone vengono rapite in massa“, ha detto il sindaco in esilio di Enerhodar, Dmytro Orlov, durante un incontro con i funzionari di Energoatom, la compagnia nucleare statale che supervisiona il complesso. “Non si sa dove si trovino alcuni di loro. Gli altri si trovano in condizioni molto difficili: vengono torturati e maltrattati fisicamente e moralmente”.

Guerra in Ucraina
Guerra in Ucraina – Nanopress.it

Le violenze sui lavoratori

Il Journal ha documentato incidenti simili in interviste con lavoratori anonimi, loro parenti e altri testimoni. In molti giorni, hanno detto al giornale, diversi dipendenti sono stati ammanettati e cacciati per essere interrogati. Molti tornano visibilmente feriti dopo giorni di interrogatori. Più di una dozzina di persone sarebbero scomparse.

Circa 500 soldati russi pattugliano l’impianto, hanno riferito queste fonti al Journal, i quali avrebbero rimproverato i lavoratori che parlano in ucraino, anziché in russo, controllando i loro cellulari.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica, l’organismo di controllo nucleare delle Nazioni Unite, ha implorato sia la parte russa che quella ucraina di poter inviare una missione di sicurezza all’impianto, ma entrambe hanno rifiutato.

Il sito di Zaporizhzhya ospita circa 30.000 chilogrammi di uranio arricchito e 40.000 chilogrammi di plutonio come sottoprodotti della combustione di combustibile nucleare: l’Agenzia ha affermato che una visita all’impianto assicurerebbe che gli inventari restino intatti.

Le intenzioni del Cremlino

I piani di Mosca sull’impianto rimangono poco chiari. Alexey Likhachev, capo della Rosatom, la società nucleare di stato russa, ha detto ai media statali che la sua compagnia non ha intenzione di assumere il controllo operativo del complesso, nonostante la presenza di funzionari di Rosatom sul sito.

Il vice primo ministro russo – Marat Khusnullin – in visita nell’Ucraina occupata dalla Russia, ha affermato che Kiev potrebbe presto essere costretta a pagare Mosca per l’energia prodotta nell’impianto, che equivale a un quinto di tutta la produzione di elettricità nel paese.